A- A+
PugliaItalia
Il Governo salva le banche e svende le Isole Tremiti

Circa 1.900,00 € all'anno: lo sfregio sullo sfregio che "segna" uno dei posti più incantevoli d'Italia, non solo della Puglia o del Gargano: il mare delle Isole Tremiti dette anche le Diomedee. Una sorta di "Piatto di lenticchie" o di biblici "30 denari" della Petroceltic al Governo Renzi, quale equivalente - per loro - compenso alla concessione per le ricerche petrolifere in quell'angolo così esclusivo dell'Adriatico.

emiliano manfredonia
 

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano non nasconde il disappunto e dichiara: "Trivellare il nostro mare è una vergogna ed una follia. Trivellare al largo delle Tremiti o di Pantelleria, o nel Golfo di Taranto, poi, griderebbe vendetta se la notizia di oggi fosse confermata dal Governo. Non può essere che la volontà di ben dieci Regioni di tutelare il loro mare sia sbeffeggiata".

"L'emendamento 'natalizio' del Governo - aggiunge Emiliano - non può essere un trucco per ammansire le Regioni italiane, ed in particolare quelle del Sud, per poi trivellare ovunque come se niente fosse una volta superata l'emergenza della reazione dell'opinione pubblica".

E poi prosegue: "Resta il fatto che almeno un quesito dei sei sarà sottoposto a referendum. Quest'ultimo è sopravvissuto a questo emendamento natalizio alle norme dello Sblocca Italia. L'emendamento è stato formulato e approvato senza neppure uno straccio di dichiarazione politica di pentimento da parte del Governo e della sua maggioranza sulla intenzione di dare impulso alle ricerche petrolifere nei nostri mari. Così come è incredibile che il Governo non abbia pubblicamente spiegato la decisione di rilasciare le autorizzazioni al largo delle Tremiti". 

Trivelle Pelagosa
 

"È infatti di oggi la notizia che il Mise avrebbe rilasciato il 22 dicembre scorso altri permessi di trivellazioni a scopo di ricerca di idrocarburi al largo delle Isole Tremiti".

S'incrina ulteriormente il rapporto Regioni - Governo: "Le Regioni proponenti i referendum - conclude Emiliano - non devono fare passi indietro. Dovranno elevare subito conflitto di attribuzione nei confronti dello Stato davanti alla Corte Costituzionale per alcune norme dell'emendamento natalizio, che hanno scippato al popolo italiano la possibilità di esprimersi in sede referendaria sul punto di restituire o meno alla Conferenza delle Regioni il potere di decidere se e dove sia possibile trivellare a fini di ricerca petrolifera. Si dovrà inoltre iniziare subito la campagna referendaria valutando tutte le altre iniziative necessarie alla tutela del nostro mare".

santorsola
 

Gli fa eco l'l'Assessore alla Qualità dell'Ambiente della Regione Puglia, Domenico Santorsola, che così commenta la notizia sul permesso di ricerca idrocarburi BR 274 EL: “Il Decreto Ministeriale che autorizza la Petroceltic Italia alle prospezioni nel mare delle Tremiti evidenzia una volta di più la necessità di una azione comune sempre più compatta da parte delle regioni costiere per incidere nelle scelte di politica energetica nazionale che, certamente, sono di competenza del Governo centrale, ma che, con altrettanta certezza, non possono essere subite passivamente dai territori”.

Quindi aggiunge: “E' chiaro che per quanto lo 'sviluppo sostenibile della produzione nazionale di idrocarburi rispetti i più elevati standard internazionali in termini di sicurezza e di tutela ambientale', come recita il decreto di approvazione rifacendosi agli obiettivi programmatici individuati nella Strategia Energetica Nazionale nel 2013, gli impatti sui territori rimangono alti e non sempre preventivabili compiutamente. Per queste ragioni - precisa Santorsola - la via del confronto col Governo su questi temi deve essere percorsa insieme, facendo gioco di squadra”.

ginefra3
 

“Il nostro impegno - conclude - sarà, quindi, a verificare le reali ricadute del decreto sul territorio e, laddove dovessero essere messi in pericolo gli interessi e le legittime aspettative delle popolazioni residenti, valuteremo di concerto con le regioni firmatarie del documento No Triv, tutte le iniziative necessarie ad ostacolarlo, non ultima l'impugnazione del decreto nelle sedi legittime”.

E dal suo profilo facebook anche Dario Ginefra, deputato pugliese del PD, ribadisce: "Aver emanato un decreto di conferimento della concessione alla Petroceltic Italia srl per la ricerca petrolifera a largo delle isole Tremiti (sottoscritto dal MISE il 22 dicembre u.s.), è scelta sbagliata e irrispettosa della richiesta delle Regioni che hanno promosso il Referendum, nonchè delle relative popolazioni. Auspico una marcia indietro del Governo e una quanto mai opportuna moratoria di ogni ulteriore autorizzazione".

(gelormini@affaritaliani.it)

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
tremitiisolepetroliogovernopugliasvende
i blog di affari
Meglio praticare sport o fare una dieta?
Anna Capuano
A Kabul di scena il male dei talebani
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Green Pass, ottenere uno Stato totalitario instaurando un regime terapeutico
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.