A- A+
PugliaItalia
Il De Nittis di Vico Garganico Firma e materiali sono 'coevi'

La notizia è di quelle buone e dà un taglio decisamente gratificante a questo avvio del 2017, segnato da un inverno rigido e mitteleuropeo nelle temperature e alquanto "luminoso" e adriatico nelle sue giornate post-natalizie.

De Nittis
 

I laboratori di conservazione e restauro, che già si erano pronunciati positivamente sulla congruità e compatibilità della datazione dei materiali e dei colori del De Nittis di Vico del Gargano - di proprietà della famiglia Maratea - confermano che anche la firma è coeva degli stessi, mettendo una sorta di sigillo alla certificazione utile alla valutazione finale degli esperti, per l'attribuzione dell'opera in capo al celebre artista pugliese (Barletta) Giuseppe De Nittis.

Il maestro dell'impressionismo cosiddetto "meridiano", per l'originale impronta mediterranea data alla famosa corrente artistica, nata in Francia nella seconda metà dell’Ottocento, aveva acquisito una sorta di leadership tra i colleghi parigini, apprezzata e riconosciuta anche oltremanica, nei consessi artistici britannici.

Un risultato frutto di opere - già ben quotate all'epoca - in cui è più evidente il tratto “dinamico” di De Nittis, dove il paesaggio non è affatto statico o fotografico: perché l’autore usa sapientemente le tonalità per animarlo - a volte più degli stessi personaggi indefiniti - per scrutarne ed evidenziarne la modernità e condividerla immediatamente con lo spettatore. Diventandone a sua volta, perciò, interprete “moderno”: elegante come un parigino o un londinese, e incisivo come un autentico uomo del Sud.

De Nettis firma
 

Il quadro, non grande ma prezioso, è un lavoro su legno (21x28cm) presumibilmente risalente al periodo a cavallo tra i cicli degli “scorci parigini” e le “vedute londinesi” dell’artista barlettano - che si era affermato tra gli “Italiens de Paris” - è in Puglia da diversi decenni, ma a dargli ritrovato valore sarà la consapevolezza diffusa del “riscoperto” capolavoro.

L'opera appartiene alla collezione privata degli eredi del capo redattore diplomatico de “Il Messaggero” negli anni ’30, Francesco Maratea, di Vico del Gargano. E per l’imponderabile casualità degli eventi, si trova - ancora oggi - a pochi passi da quella via dell’affascinante cittadina garganica, che l’inconsapevole attribuzione toponomastica decise - tempo addietro - di dedicare proprio a Giuseppe De Nittis.

(gelormini@affaritaliani.it)

--------------------------

Pubblicato in precedenza sul tema: Il 'De Nittis' ritrovato tra le brume del Gargano

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
giuseppe de nittis quadro parigi londra vico garganico firmagiuseppe de nittis ritrovato materiali firma coevi famiglia maratea
i blog di affari
Interessi e Fisco: strana differenza tra quando chiede e quando paga
I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
Boschiero Cinzia
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.