A- A+
PugliaItalia
Il segretario Lacarra (PD) e la protesta dei docenti

La nota di Marco Lacarra, Segretario regionale del Pd e consigliere regionale, sulla situazione dei docenti in Puglia, alla luce degli sviluppi generati dal provvedimento "La buona scuola".

"Qualche giorno fa -esordisce la nota - ho ricevuto una delegazione del Coordinamento nazionale Docenti Gae quali portavoce di 45000 docenti ancora iscritti nelle Graduatorie ad Esaurimento provinciali, per non aver aderito al Piano straordinario di assunzioni previsto su base nazionale".

Buona Scuola protesta
 

"Gli insegnanti ancora iscritti nelle Gae - prosegue Lacarra - hanno espresso la preoccupazione che destinare i posti in deroga sul sostegno ad assegnazioni provvisorie di docenti neo assunti li escluda del tutto da possibilità lavorative cui hanno potuto fare affidamento in passato. Questi docenti hanno, seppur da precari, sostenuto per anni la scuola italiana e pugliese in particolare, con impegno e abnegazione. Se non hanno presentato domanda di assunzione lo scorso agosto, non è stato certamente perché non desiderassero l'assunzione in ruolo o per mancanza di professionalità".

"La scelta  - precisa il segretario regionale del PD - è stata determinata dal fatto che l'assunzione avrebbe potuto comportare un trasferimento ed il posto di lavoro trasformarsi quindi in un ulteriore peso da gestire tra necessità economiche ed organizzative familiari. Quanti hanno presentato domanda l’hanno certamente fatto a ragion veduta, passando automaticamente nei ruoli, ma sapendo di poter essere anche  destinati ad una provincia diversa e lontana".  

buona scuola siamo noi
 

"Adesso ci sono in Puglia oltre 6mila docenti in ansia - sottolinea Lacarra - perché  temono di non poter lavorare neanche  con contratti a tempo determinato, che hanno sempre consentito loro una fonte di reddito. Questi posti potrebbero essere destinati a docenti di ruolo, a neo assunti, che vogliono evitare la loro destinazione ipotizzata al momento dell’assunzione. Peraltro il problema verrebbe solo posticipato di un solo anno dovendo far fronte nel frattempo anche ai posti lasciati vacanti nelle sedi definitive".

"Uno degli obiettivi della riforma della Buona Scuola - ricorda Marco Lacarra - era quello di evitare la frammentazione didattica, determinata dal continuo alternarsi di docenti nelle classi. Assegnare per un anno a docenti di ruolo una cattedra, in attesa di un altro trasferimento l’anno successivo è estremamente controproducente. Inoltre le cattedre assegnate ai docenti neoassunti dovrebbero essere, come in passato, coperte con supplenze temporanee, anche in questo caso a discapito della continuità educativa".

"Per questo motivo - conclude - è necessario che le istituzioni scolastiche tengano fermi i principi sanciti dalle leggi, senza operare deroghe e atti provvisori condizionati da quanti -pur avendo ricevuto un posto di lavoro a tempo indeterminato nei ruoli della Pubblica Istruzione - adesso lamentano le conseguenze di questa loro scelta volontaria".

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
marco lacarra docenti puglia pd protestamarco lacarra buona scuola puglia docenti
i blog di affari
Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Il 25° brano dei Jalisse presentato al Festival di Sanremo 2022
CasaebottegaJalisse
Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
di Avv. Francesca Albi*
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.