A- A+
PugliaItalia
Ilva, per il Riesame l’Afo2 non chiude Tap: processo al gasdotto a maggio

Il Tribunale del Riesame ha deciso: l’altoforno 2 dell’acciaieria di Taranto non sarà spento. E’ stato accolto il ricorso di Ilva in amministrazione straordinaria. Secondo quanto emerso nel consesso di Riesame, in sede di appello, il rischio che si possa ripetere l’incidente del 2015 - costato la vita all’operaio 35enne, Alessandro Morricella, investito da una fiammata mista a ghisa incandescente - è molto basso. Per cui, è stata annullata la decisione del giudice di respingere l’istanza di proroga dell’uso dell’impianto.

Ilva fumo2

Scongiurato, per il momento, il ricorso alla Cassa Integrazione straordinaria per 3.500 operai e, per molti analisti, l’auspicata intesa tra Governo e ArcelorMittal, per il rilancio del polo siderurgico tarantino, ora è molto più abbordabile. Il provvedimento odierno, in pratica, rimuove “il principale ostacolo ad una piena ed ordinata gestione degli impianti”.

A detta dei giudici del Riesame: ”E’ chiaro che Ilva ha interesse al dissequestro, dunque a ridurre i tempi di adempimento delle residue prescrizioni, sicché non può essere sospettata di avere concertato col fornitore una dilazione dei tempi”. In secondo luogo, “il custode giudiziario nella relazione del 15 dicembre 2019 ha riconosciuto che tali sono i tempi tecnici necessari, affermando soltanto, oltretutto in termini ipotetici, che essi appaiono ‘leggermente sovrastimati’, senza ulteriori specificazioni”.

Ilva RCELOR OPERAI

Ad oggi, scrive il collegio: ”E’ pressoché pacifica l’entità del tempo necessario per adempiere alla più importante tra le residue prescrizioni, posto che vi è sostanziale convergenza tra custode ed Ilva. Trattasi di macchinari che, finendo per escludere la presenza umana nei luoghi ove trovò la morte Alessandro Morricella, porteranno (in concorso con tutte le altre prescrizioni già adempiute) all’ulteriore riduzione del rischio per i lavoratori dell’Altoforno 2, entro i limiti di legge”.

LP 10655230

Immediata la reazione del comitato Giustizia per Taranto: “Niente: tanto vale questa città. Ancora una volta a vincere sono le ragioni del profitto su quelle della sicurezza e della salute. Afo 2 potrà godere dell’ennesima proroga concessa alla fabbrica della morte”. Il commento, postato su facebook, prosegue: “Forse troppe le pressioni su questo delicato giudizio: in primis quelle dell’ennesimo Governo che cerca scorciatoie per la soluzione di un problema tanto drammatico, da richiedere soluzioni ben più complesse, lungimiranti e coraggiose. Riteniamo che proprio a questo servissero le due visite ravvicinate di Conte a Taranto: alzare il livello psicologico dello scontro e mettere sotto pressione Procura e Magistratura, sebbene la prima non ci risulta aver mai opposto resistenza alla continuità produttiva. Ma la partita non finisce qui - concludono - continueremo a essere sentinelle infaticabili, fino a quando questo territorio non riavrà dignità e giustizia”.

Istraele Emiliano

Soddisfatto il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, anche in riferimento al processo TAP, che inizierà l’8 maggio prossimo dinanzi al Tribunale di Lecce: “Dopo l’Ilva, anche su Tap abbiamo avuto ragione. Le preoccupazioni della Regione Puglia hanno trovato un fondamento evidente: ci sarà un processo per la costruzione del gasdotto Tap e noi ci costituiremo parte civile a tutela della Puglia”. 

TAP Brindisi2

“Gli attacchi politici che ho subito sinora - aggiunge Emiliano con riferimento al gasdotto Tap - hanno cercato di convincere l’opinione pubblica da un lato che si trattava di un semplice tubo che passa sotto una spiaggia. Dall’altro che l’opera si potesse bloccare. La Regione Puglia, senza mai prendere in giro nessuno, ha sempre chiesto di spostare l’approdo del gasdotto in una zona già infrastrutturata (e non su una delle più belle spiagge dell’Adriatico) e di sottoporre l’opera alle cautele imposte dalla direttiva comunitaria “Seveso”, trattandosi di uno stabilimento in cui sono presenti sostanze pericolose.  Abbiamo anche assunto ogni iniziativa giudiziaria possibile per tutelare il nostro territorio dal punto di vista ambientale e paesaggistico".

TAP tubi

"Ora finalmente la Magistratura - prosegue Emiliano - farà chiarezza sull’individuazione del terminale di ricezione del gas in aree sottoposte a vincolo paesaggistico, idrogeologico e zone agricole di "notevole interesse pubblico", secondo l’accusa in assenza delle autorizzazioni dovute".

"Sull’ex Ilva: lo abbiamo detto per anni, da soli - ribadisce Emiliano - che la decarbonizzazione era l’unica strada possibile. Oggi che tutti ci danno ragione bisogna realizzarla”.

(gelormini@affaritaliani.it)

---------------------- 

Pubblicato sul tema: Ilva e TAP, Emiliano rivendica la lungimiranza a difesa dei Pugliesi

Loading...
Commenti
    Tags:
    ilva arcelormittal altoforno afo2 chiusura giudici tribunale riesame tap processo gasdottomichele emilianocommissari taranto
    Loading...
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Associazione Milano Vapore. A Marco Pannella i giardini di Piazza Aquileia
    Un mondo in silenzio? #casaebottegaJalisse si interroga
    jalisse
    Conto corrente e investimenti comuni: quali diritti in caso di separazione?
    Di Andrea Gazzotti*
    i più visti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.