A- A+
PugliaItalia
Isole Tremiti, si esulta Petroceltic fa marcia indietro

Soddisfazione di Onofrio Introna per la marcia indietro di Petroceltic sulle prospezioni al largo delle Isole Tremiti:

Introna Emil
 

"È un buon segno, un successo ma è solo la prima tappa di un percorso ancora lungo che prevede anche una mobilitazione in forze per vincere il referendum contro il rinnovo delle licenze per trivellazioni".


 

 

"La battaglia del movimento No Triv - aggiunge Introna - potrà indurre altre 10, 100, 1000 rinunce a cercare gas e petrolio sotto i nostri bellissimi mari. La lotta continua".

Anche il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, in uno dei suoi classici tweet, esprime la soddisfazione per la notizia del passo indietro della società irlandese:

Michele Emiliano (@micheleemiliano)
Una grande vittoria: la Petroceltic ha rinunciato al permesso per cercare petrolio alle Isole Tremiti!
m.facebook.com/story.php?stor…
E poi aggiunge in una nota diffusa: "Prendiamo atto con soddisfazione che, dove non era arrivato il buonsenso di alcuni, è invece arrivata la saggezza della società Petroceltic che ha deciso di rinunciare al permesso di ricerca al largo delle Isole Tremiti. Scopriamo oggi dal comunicatio della Petroceltic che anche per loro l'operazione non era economicamente conveniente, come avevamo sostenuto in tanti all'epoca in cui il permesso era stato rilasciato. Adesso andiamo avanti, più forti di prima, verso il referendum".

 

 

Loizzo1
 

E dopo Emiliano arriva anche la nota del presidente del Consiglio regionale della Puglia, Mario Loizzo, che accolto con soddisfazione la notizia della rinuncia della multinazionale Petroceltic alle ricerche "air gun" di idrocarburi sottomarini davanti alle Isole Tremiti.

“L'Adriatico questa sera è più blu e c'è la fondata speranza che lo resti, soprattutto se il referendum contro le trivelle sancirà la volontà degli italiani, che tengono al proprio futuro: No al petrolio Sì al mare pulito, come tante comunità ripetono con le loro proteste legittime, pacifiche e democratiche. Insistiamo sulla via dei referendum promossi dai Consigli regionali”.

Minervini, Guglielmo 1(1)
 

In altra nota il capogruppo di “Noi a Sinistra”, Guglielmo Minervini, ribadisce:.“Non dobbiamo abbassare la guardia sul referendum contro le trivellazioni. La rinuncia della Petroceltic all'autorizzazione per le ricerche al largo delle Tremiti, ci deve dare ancor più spinta perché il mare e le coste della Puglia sono ancora nel mirino”.

“Interessanti le ragioni per cui la Petroceltic ha rinunciato all'autorizzazione. Una multinazionale che dice che il mondo, sulle politiche energetiche, sta cambiando, che in futuro non tutto passerà dal petrolio. Lo capiscono loro, lo sanno i cittadini che, con le loro proteste, ribadiscono che la vera ricchezza è quella delle nostre coste e dei nostri mari. Possibile che non lo capisca solo il Governo Renzi?”

de leonardis
 

Stesse tonalità anche da parte del Presidente del Gruppo Movimento Schittulli-Area Popolare, Giannicola De Leonardis: “La decisione della Petroceltic  di rinunciare alle proprie ricerche al largo delle isole Tremiti è stata dettata da valutazioni di natura strettamente economica, come comunicato ufficialmente dalla società. Certamente il clima venutosi a creare dopo la mobilitazione promossa dal Movimento No-Triv ,e pienamente e trasversalmente sostenuta da Regioni schieratesi in prima linea in difesa di un patrimonio naturalistico di incommensurabile valore, ha avuto il suo peso, ma non basta a scongiurare il rischio che nuove concessioni vengano concesse in futuro, e che vengano respinte al mittente le numerose, analoghe richieste presentate nei mesi e negli anni scorsi lungo il mar Adriatico e lo Jonio".

"L’impegno per la campagna referendaria deve quindi proseguire con piena convinzione e partecipazione, in attesa di un auspicabile e deciso cambio di rotta del Governo nazionale in materia energetica, in linea con la necessità di preservare e valorizzare turismo, ambiente, pesca: comparti che rappresentano la vera, strategica risorsa di intere comunità e territori, che non può essere svenduta al migliore (o peggiore) offerente, tra l’altro con un ritorno economico irrisorio, e un rapporto tra costi e benefici  tutto da dimostrare. E di una piena partecipazione degli enti locali e delle comunità interessate a decisioni di vitale importanza per la propria sopravvivenza e per il proprio futuro, che meritano opportuni confronti e riflessioni”.

Damascelli bandiera Marò
 

“Il passo indietro della Petroceltic per le trivellazioni alle Isole Tremiti è una bella notizia, ma non cambia nulla perché dobbiamo ugualmente difendere il territorio. È anche paradossale pensare che le Isole siano salve solo per la decisione di una società privata che ha visto venir meno il suo interesse economico”. E' quanto dichiara il consigliere regionale di Forza Italia, Domenico Damascelli.

“Non ci possiamo distrarre nemmeno un attimo - prosegue - e dobbiamo continuare nella battaglia a difesa del paesaggio e contro le scellerate determinazioni del governo centrale guidato da Matteo Renzi, che vuole vendere e svendere il nostro paesaggio. Mi auguro - conclude Damascelli - che si faccia fronte comune per il voto referendario con il massimo dell’impegno, contro chi vuole mettere le mani sulla nostra terra in nome del business scellerato”.

TARANTO UGL
 

E l'Ugl, tramite una dichiarazione del suo Segretario provinciale di Foggia, Gabriele Taranto, fa sapere: “La battaglia sociale in difesa dei mari pugliesi, dopo la rinuncia della Petroceltic  è solo il primo passo verso un obiettivo più grande a sostegno del referendum anti-trivelle. Come Sindacato faremo fronte comune con tutti quei sistemi politici, economici e sociali, che guardano ad estendere gli stessi risultati ottenuti per le Isole Tremiti a tutte le coste italiane, perché convinti che non può esserci futuro sostenibile, sviluppo e crescita economica senza tutela e salvaguardia del nostro patrimonio ambientale e paesaggistico”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
isoletremitipetrocelticricerchetrivellemare
i blog di affari
Covid, per il siero benedetto denunciano i genitori. Così invocano la libertà
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
La Meloni vola nei sondaggi ma si vota solo alle primarie del Pd
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.