A- A+
PugliaItalia
L’ Idea di Quagliariello e la fumata nera dell’azzurro Sisto

Bari – L’Idea di centrodestra di Gaetano Quagliariello porta l’acronimo di “identità e azione”: "Non rinnego l'esperienza Ncd che è stata utile al Paese quando rischiava una deriva greca. Ma ora, fatte le riforme, serve una scelta. E se ci si defininisce centrodestra risulta incomprensibile diventare un pezzo di centrosinistra", spiega il senatore dal caffè romano Illy, presentando la sua nuova creatura. Per ora, nessun obbligo di abbandono dei partiti di appartenenza - come per i Radicali - per quanto in molti abbiano già fatto le valigie. Ci sono Carlo Giovanardi, Luigi Compagna, Andrea Augello, Eugenia Roccella, Vincenzo Piso, Renata Bueno e Guglielmo Vaccaro, oltre al pontiere di Italia Unica, Lelio Alfonso. Né sfugge ai cronisti l’occhio vigile dell’ex Ministro Maurizio Gasparri, incuriosito osservatore esterno. Non c’è, invece, il pugliese Francesco Schittulli, nel pomeriggio ospite dell’azzurro modenese Samorì, al battesimo dell’associazione “Italia 2050”.

“Non vogliamo essere un altro partito, perché ce ne sono già troppi e nessuno sente il bisogno di un altro partitino, tantomeno noi”, si affretta a precisare l’ex coordinatore alfaniano, la cui sortita era stata impallinata dal Sottosegretario Massimo Cassano come diretta conseguenza del mancato ingresso del professore nel Governo di Matteo Renzi.  E se da un lato l’oncologo Schittulli resta freddo, ribadendo di avere già un proprio Movimento “libero, autonomo e indipendente”, dall’altro conferma al centrista polignanese “stima e amicizia sincera, non strumentale né temporanea”, quasi a voler tornare tra le righe sulle accuse di strumentalizzazione inviate settimane fa all’indirizzo di Raffaele Fitto, con i cui emissari pure tornerà a sedere al tavolo regionale di coalizione: “Le primarie? Solo se regolamentate e fatte da e con persone perbene”, commenta sibillino con Affari.

Francesco Paolo Sisto1
 

Nella lunga giornata capitolina, in compenso, è in gioco anche il futuro prossimo di un altro barese di rango: al forzista Francesco Paolo Sisto, infatti, non bastano i 511 voti ottenuti per assurgere alla carica di giudice costituzionale. La fumata nera della votazione parlamentare ne tributa 536 al candidato Pd, Augusto Barbera, e 492 a quello pentastellato, Giovanni Pitruzzella. L’ex presidente della commissione Affari Costituzionali resta il candidato di bandiera dei berlusconiani, con l’ex consigliere comunale del capoluogo Ninni Cea ai box, pronto a prenderne il posto tra gli scranni in caso di promozione. Non prima del prossimo voto utile, in agenda il primo dicembre, s’intende.

(a.bucci1@libero.it)

------------------------

Pubblicato sul tema: Ncd, Quagliariello lancia il quarto petalo. Cassano: “Voleva il Ministero”

                               Dalla Puglia la controffensiva di Quagliariello. Lascia NCD e governo Renzi

Tags:
ideaquagliariellosistoncdconsultafumata
i blog di affari
Lions Club Lecce ringrazia azienda di Bergamo
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.