A- A+
PugliaItalia
L'abbraccio di Bari a Franco Cassano e il video della cerimonia laica

Consenso diffuso e sorrisi nostalgici, per l'iniziativa del Comune di Bari che si è fatto interprete dell'affetto della città per Franco Cassano, il sociologo ed ex parlamentare del Pd morto ieri a 78 anni, dedicandogli un saluto estremo con manifesti affissi in diversi punti del capoluogo, con una citazione dal suo libro più famoso: "Pensiero meridiano è quel pensiero che si inizia a sentir dentro laddove inizia il mare, quando la riva interrompe gli integrismi della terra". 

cassano1

La camera ardente è stata allestita nell'aula Magna "Aldo Cossu" dell'Università di Bari, mentre nell'atrio del Palazzo Ateneo si è tenuta la cerimonia laica di commiato, trasmessa in steaming per le misure anti Covid, con gli interventi del Rettore, Stefano Bronzini, del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, del sindaco di Bari, Antonio Decaro, dell'Assessore regionale Massimo Bray (attraverso un messaggio letto da Paolo Commentale), del Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche e Segretario dell'Associazione Italiana di Sociologia, Giuseppe Moro, della Casa Editrice Laterza con Alessandro Laterza, e il ricordo finale dell'amico di una vita Daniele Petrosino, a cui è seguita la lettura-testimonianza di un passaggio significtivo di un altro libro di Franco Cassano: "Modernizzare stanca".

In precedenza, il saluto di Nichi Vendola - ripreso e diffuso anche da Silvia Godelli - che riportiamo di seguito: 

LP 8801955

"Caro Franco,

è doloroso salutarti: è troppo presto, siamo troppo soli, siamo troppo disorientati, ci sono troppi lutti a segnare la nostra esistenza di individui sociali e di animali politici. Non abbiamo ancora finito di confrontarci, di conversare, di dirci tutte le distanze e le vicinanze che ci legano: e sono tante le inquietudini, i dilemmi, gli spaventi, ma anche le speranze e persino le neglette utopie che chiedono a noi, con le indimenticabili parole di Claudio Napoleoni, di “cercare ancora” (“cercare”: quel verbo all’infinito che è stato per noi il senso stesso del vivere;“ancora”: quell’avverbio ostinato e talora struggente che ci obbliga, dopo ogni caduta, a rialzarci in piedi e a ricominciare).

Cassano5

Il primo approdo, il luogo naturale del nostro “cercare” giovanile fu il Pci, e quel battesimo alla politica fu una specie di marchio di fabbrica, un architrave delle biografie di ognuno di noi, persino una mitologia fondativa che non invoca solo rispetto e nostalgia ma che merita soprattutto memoria e conoscenza. Quel Pci della terra di Bari era il crocevia di tante vicende di ribellione e di libertà, il luogo di confronto (e di scontro) di soggetti e territori sociali diversi, ma anche di generazioni diverse e persino di “comunismi” differenti. Quel luogo spinse la gioventù intellettuale formatasi a cavallo del Sessantotto a incrociare le lotte dell’entroterra bracciantile e quelle operaie della zona industriale: e la mitica federazione provinciale comunista, al primo piano del palazzone di Via Trevisani nel quartiere Libertà, fu un originalissimo incubatore di intelligenza critica, di marxismi anti-dogmatici, di pratiche politiche fondate sull’inchiesta sociale e sul radicamento territoriale. In quelle stanze disadorne e asfissiate dal fumo delle sigarette, circolava un bel pezzo di Università (filosofi, storici, critici letterari, scienziati) esi incontravano i protagonisti di quel circuito politico-editoriale che da Laterza a De Donato a Dedalo aveva portato Bari nel mondo e il mondo a Bari.

Cassano15

Nonostante il lavoro instancabile dei quadri, dei funzionari e dei militanti, quel Pci agivain condizioni difficilissime, oggi diremmo di resilienza, in un’era in cui erano tutti vigenti gli assiomi del “teorema democristiano” e più tardi la sfida craxiana, con la sua premessa di spregiudicatezza post-ideologica e la sua promessa di modernità, faceva della Puglia e di Bari un laboratorio politico nazionale. Tuttavia la lunga e faticosa semina di saperi critici e di pratiche sociali alternative alla lunga non restò infruttuosa:mise radici, sedimentò idee e orientamenti, formò frammenti di quella classe dirigente che una strana e gentile rivoluzione avrebbe portato al governo della città capoluogo e della regione negli anni 2004-2005. E il sociologo della “ecolebarisienne” fu il vero precursore della cosiddetta “primavera pugliese”.

La cosa che ho amato più di te, caro Franco, è quell’idea di“leggerezza” che comunicavi: con lo sguardo, con il timbro naturalmente pedagogico della tua voce, persino con le rotondità del tuo corpo. Non quella leggerezza stolta ed effimera che è sinonimo di superficialità e talvolta di irresponsabilità, bensì la leggerezza “insegnata” da Italo Calvino nelle sue “lezioni americane”: “planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore”. La leggerezza del danzare la vita, della provocante scoperta dell’altro e della irriducibilità della sua alterità, del considerare il “senso del limite”(nella relazione individuale come nel rapporto con l’universo) non un divieto ma una occasione per imparare la cura del creato e la cura dell’umano.

Cassano3

Prendiamo la questione del Sud: non l’hai acchiappata dal lato della sacrosanta invettiva contro quella narrazione dominante che il Sud lo ha semplicemente ammutolito, riducendolo a inferno di arretratezza e criminalità, e che in un paradossale capovolgimento della storia d’Italia ha evocato una “questione settentrionale”.

Il Sud lo hai liberato, nelle tue parole, dai complessi di colpa e dalla dannazione delle tare genetiche, e lo hai semplicemente collocato al centro di una visione politica (ma anche antropologica): questo tuo Mezzogiorno è l’Europa che si tuffa nel Mediterraneo, è la sfida geo-politica cruciale per la pace e la “convivialità delle differenze”, è la capacità di raccontarsi dando valore ai propri codici, ai propri tempi, ai propri colori, al proprio straordinario valore aggiunto. E di questa terra in cui è più agevole la lentezza, l’otium, la preghiera, la contemplazione, hai saputo intravvedere i germogli di una socialità meno compressa dalla coazione mercantile. Anche per questo ci mancherai tanto. E ti piangiamo per gratitudine e per solitudine."

palmisano Tg24
 

Nelle prossime ore sarà formalizzata, per iniziativa di Leo Palmisano, sociologo e presidente di Radici Future Produzioni, la richiesta al Comune di Bari di intitolare a Franco Cassano un tratto del Lungomare, magari proprio quello che da Pane e Pomodoro va verso Punta Perotti.

(gelormini@gmail.com)

Commenti
    Tags:
    bari abbracciocerimonia laicafranco cassanouniversitàstefano bronziniantonio decaroalessandro laterzamichele emilianopuglia
    Loading...
    Loading...
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Covid, ora fase 2 e si riapre: poi richiuderanno accusando 'i sudditi'
    Separazione consensuale dalla moglie: le rate del mutuo oneri deducibili?
    di Francesca Albi*
    Ing. Carmine Biello. La generazione elettrica e la transizione
    i più visti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.