A- A+
PugliaItalia
L'Autorithy censura Ceglie M. Copia e sbianchetta gli atti

Incredibile, sconcertante scivolone dell'amministrazione comunale di Ceglie Messapica in materia di lotta alla corruzione. L'Autorità Nazionale Anticorruzione ha informato il sindaco Luigi Caroli e singolarmente i suoi assessori Mariangela Leporale,Angelo Palmisano, Grazia Santoro, Daniele Gioia e Nicola Ricci di aver aperto contro di loro un "procedimento sanzionatorio" per le irregolarità scoperte nel piano anticorruzione.

Caroli sindaco Ceglie
 

Il 24 giugno scorso l'autorità guidata da Raffaele Cantone aveva  contestato a Caroli e ai suoi assessori alcune inadempienze nel piano Anticorruzione, che tutti i Comuni sono obbligati per legge ad adottare, e aveva chiesto  di risolverle con urgenza la questione. Il Comune aveva risposto inviando, il 7 settembre, un piano anticorruzione completamente nuovo.

Ceglie Messapica7
 

Peccato che, come ha scoperto l'autorità, il piano inviato sia stato copiato, parola per parola, dal piano del comune di Cellino San Marco (dove peraltro sindaco e assessori sono stati arrestati in aprile, per appalti e concorsi comunali truccati).

Scrive l'Autorità: "L'esame del Piano trasmesso ha condotto ad accertare che lo stesso risulta essere una riproduzione integrale del PTPC adottato dal Comune di Cellino San Marco (Br) con deliberazione della Commissione Straordinaria con poteri della Giunta Comunale n. 7 del 29.1.2015". E ancora: "L'identità tra i due documenti si conferma anche con riguardo alla versione definitivamente approvata da codesto Ente con delibera G.C. n.163, dalla quale è stata espunto solo il riferimento ad altro comune".

In sostanza, osserva l'autorità, Caroli non ha cambiato neanche una parola del documento di Cellino, ha solo sbianchettato, cancellato ogni riferimento al paese di Al Bano...

perrino
 

Prevedibili le conseguenze, che concludono l'atto di accusa del garante: "Si comunica l'avvio del procedimento sanzionatorio per omessa adozione del Piano triennale di prevenzione della corruzione".

Sindaco e assessori sono stati identificati e invitati entro 10 giorni a fornire spiegazioni.

"Abbiamo più volte denunciato la disinvoltura della giunta Caroli proprio in materia di appalti e di assunzioni", commentano in una nota Marcello Antelmi, Giovanni Gianfreda e Angelo Perrino, consiglieri di opposizione."Ora arriva la conferma ufficiale e certificata dal massimo organismo di controllo del fatto che a Ceglie Messapica l'amministrazione comunale opera senza alcun rispetto per le norme e con una sorta di senso dell'impunità. Attendiamo gli sviluppi della imbarazzante e inquietante vicenda, su cui vigileremo con la massima attenzione e cura, augurandoci che Ceglie possa liberarsi al più presto di una classe dirigente discutibile e discussa".

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ceglie messapicaautorithyattianti-corruzionecopiacellino san marco
i blog di affari
Covid, l'Italia? Laboratorio del capitalismo terapeutico su scala planetaria
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno
Mascherina all'aperto, simbolo dell'alienazione e uniforme dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.