A- A+
PugliaItalia
La Puglia con due finaliste, Bari e Taranto per la capitale della Cultura 2022

La Puglia arriva con due suoi capoluoghi tra le 10 città finaliste, per la scelta della Capitale italiana della Cultura 2022, da parte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MIBACT): Bari e Taranto.

CAPITALE ITLIANA CULTURA 2020 768x455

La speranza è che non risucceda quanto si delineò in occasione della scelta per la Capitale europea della Cultura 2019, quando la Puglia testimoniò la sua 'pluralità divisa' concorrendo con tre diverse città: Bari, Taranto e Lecce, dando prova più di acceso campanilinismo che spirito unitario verso un obiettivo comune. Esperienza e coordinamento a cura del nuovo assessore regionale, Massimo Bray, dovrebbero far ben sperare.

decaro mascherina movida bari vecchia 2

Le città finaliste presenteranno i propri dossier alla giuria nel corso di un’audizione pubblica, così come previsto dall’art. 4 del bando ministeriale. Compatibilmente con le misure di contenimento adottate per la situazione epidemiologica in atto, gli incontri si terranno presso il Collegio Romano, nei giorni 14 e 15 gennaio 2021, secondo il calendario e le modalità che verranno rese note a seguire.

“Questa notizia ci proietta nel futuro - ha commentato il sindaco Antonio Decaro - in questi mesi bui in cui siamo stati costretti a tante rinunce, a partire dai grandi eventi culturali, in cui abbiamo dovuto richiudere le porte di teatri appena riaperti e annullare appuntamenti importanti con la tradizione e la cultura della nostra città, questa comunicazione ci aiuta a traguardare l’orizzonte che oggi è purtroppo segnato dall’angoscia della pandemia".

Decaro Natale 2020

"Comunque vada la prossima selezione di gennaio - ha sottolineato - vorrei condividere questo risultato con tutti gli operatori culturali della città di Bari, con i quali abbiamo costruito il progetto di candidatura, perché grazie al loro lavoro e alla loro creatività oggi Bari può legittimamente ambire a questo prestigioso appuntamento. Desidero ringraziare anche tutti i componenti del Comitato scientifico, per aver voluto partecipare a questa sfida collettiva al fianco dell’amministrazione comunale. Infine, sono molto orgoglioso di poter condividere questa speciale classifica con la città di Taranto e l’amministrazione guidata dal sindaco Melucci, un traguardo inimmaginabile per due città pugliesi solo qualche anno fa”.

Pierucci Ines1

“Questo primo traguardo - ha aggiunto l’assessore alle Culture Ines Pierucci - rappresenta il risultato del grande lavoro di condivisone con i colleghi della giunta e lo staff del sindaco, svolto con grande spirito di abnegazione fino a prima dell’emergenza sanitaria. Oggi è segno di grande speranza per i cittadini e i tanti operatori culturali e gli artisti, affinché possano vedere in questa candidatura il loro futuro professionale".

"Abbiamo candidato la città di Bari a Capitale italiana della cultura sotto l’egida del culto Nicolaiano, come elemento indentitario e caratteristico del nostro territorio, al contempo riconoscibile su scala nazionale e internazionale. Dato che esso attraversa sì il tema religioso, ma anche quello dell’accoglienza, della solidarietà, del femminile, del sacro, della luce e del dialogo tra le culture e le tradizioni unite sotto il segno della diversità”.

taranto dallalto 3 900x425

Il primo commento da Taranto arriva dal presidente di Confindustria, Antonio Marinaro: "Taranto è fra le dieci città finaliste per 'Capitale italiana della cultura 2022'. E’ una notizia che accogliamo con grande favore e altrettanto orgoglio, che conferisce ulteriore valore al territorio, alla sua storia ed alla sua cultura, ed allo stesso tempo riconosce il giusto merito all’azione messa in campo dalla nostra amministrazione comunale ed al Sindaco, Rinaldo Melucci, nella non semplice fase di candidatura”.

Marinaro taranto confindustria

“La comunicazione ufficiale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, che contempla il capoluogo jonico fra le finaliste - ha spiegato Marinaro - non era affatto scontata, perché il nostro Paese esprime moltissime eccellenze in ambito architettonico, paesaggistico e culturale. Alla luce di questo aspetto, credo che sia ancor più necessario fare squadra attorno a questa collocazione e remare tutti dalla stessa parte".

Taranto 2022

"Non è più il momento delle facili retoriche - ha concluso il presidente di Confindutria Taranto - se ieri questo approccio propositivo verso il territorio era necessario, oggi è diventato urgente, e riveste un’importanza che va oltre la semplice constatazione di un importante obiettivo che si fa più vicino. Oggi c’è un territorio che si sta gradualmente affrancando da quei clichè negativi che per troppi anni lo hanno caratterizzato, e credo che questo aspetto, già da solo, sia molto più che sufficiente per farci auspicare un’affermazione possibile. La città si prepari a tifare per se stessa. Noi, come Confindustria, ci saremo”.

(gelormini@gmail.com)

Loading...
Commenti
    Tags:
    puglia capitale cultura italiana 2022 finalisteantonio decaromassimo braymichele emilianopandemia giochi mediterraneo
    Loading...
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Partite IVA insieme per il rinvio della rottamazione
    Robbie Williams in esclusiva mondiale su RTL102.5, ecco come seguirlo
    Francesco Fredella
    IhaveaVoice - Voci di Donna - Mostra d’arte contro la Violenza sulle Donne
    Greta V. Galimberti - Trendiest
    i più visti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.