A- A+
PugliaItalia
Lecce, 'Vive le cinéma' - Festival del Cinema Francese VI edizione

Da martedì 14 a sabato 18 settembre torna a Lecce Vive le cinéma - Festival del cinema francese, una iniziativa  di Apulia Film Commission e Regione Puglia - Assessorato alla Cultura e Turismo, a valere su risorse di bilancio autonomo della Fondazione AFC e risorse regionali del Piano straordinario "Custodiamo la Cultura in Puglia 2021”. 

vive le cinema

Prodotta nell’ambito dell’intervento Apulia Cinefestival Network, ideazione e organizzazione Scirocco Films, in collaborazione con Polo BilioMuseale di Lecce e Museo Castromediano, Provincia di Lecce, Comune di Lecce, corso di laurea in Dams (Discipline delle arti della musica e dello spettacolo) dell’Università del Salento.

Una selezione dei migliori film del cinema francese contemporaneo, incontri e intersezioni con le altre arti visive in un’esperienza trasversale e dal respiro internazionale.

festival cinema vive le cinema lecce

Per la sua sesta edizione, la manifestazione trova dimora nello splendido chiostro del Rettorato dell’Università del Salento (in piazza Tancredi), che ospiterà le proiezioni dei lungometraggi, dei corti e dei documentari in programma.

Altra location della manifestazione, il chiostro del Convitto Palmieri (in piazza Carducci), presso cui Vive le cinéma torna con le esposizioni e i talk della sezione “Spazi aperti della Visione”, curata dai critici d’arte Brizia Minerva e Lorenzo Madaro.

Conferenza stampa 2

"Vive le cinéma è prezioso – ha detto la presidente di Apulia Film Commission Simonetta Dellomonaco - da un lato perché raccorda i gusti del grande pubblico ai gusti di un pubblico un po’ più esigente, dall’altro perché favorisce l’incontro tra Francia e Puglia anche dal punto di vista produttivo. Proprio grazie a questo festival abbiamo incontrato, due anni fa, il produttore di “France” di Bruno Dumont, film che ha portato la Regione Puglia e Apulia Film Commission sul red carpet a Cannes. Perché Vive le cinéma rappresenta il simbolo per eccellenza della bellezza e dell’accoglienza della Puglia".

JOSEP

"Teniamo moltissimo a questo festival, che posiziona il Salento cinematografico e produttivo all’interno del palcoscenico internazionale - ha aggiunto il direttore di AFC Antonio Parente - in un anno particolarmente problematico dal punto di vista delle risorse, il merito è quello di essere riusciti a realizzare comunque un’edizione di qualità, che propone molte visioni che si allargano al mondo e in particolare all’Africa, essenziali in questo momento per restare legati al presente. Anche per questo Vive le cinéma va certamente sostenuto e valorizzato".

cover spring bossom

"È stato un anno difficile: essere riusciti a realizzare questa edizione dimostra che davvero ci crediamo – ha detto Alessandro Valenti, direttore artistico di Vive le cinéma con Angelo Laudisa e Brizia Minerva – il tema di quest’anno sono i giovani: vogliamo interrogarci, con loro, su dove va il futuro. Per questo abbiamo preso una decisione per noi importante: la giuria di quest’anno sarà interamente composta da studenti. Vogliamo poter affiancare i ragazzi e permettere loro, un domani, di rimanere qui in Puglia e di lavorare nel cinema, come avviene in Francia dove è un’industria vera e propria. Anche per questo siamo molto felici e orgogliosi della collaborazione con l’Università del Salento. Sempre nella direzione di un legame con il presente, quest’anno abbiamo voluto inaugurare i corsi dell’Accademia della Carità, di cui sono direttore, con Vive le cinéma: le persone che hanno perso la casa e sono accolte presso la Casa della Carità di Lecce verranno a vedere i film, il giorno seguente li commenteranno e discuteranno sulle tematiche emerse".

"Grazie alla partecipazione e alla particolare attenzione del Polo Biblio-Museale, possiamo anche ampliare lo sguardo a 360 gradi verso i linguaggi della contemporaneità, dal grande schermo alle altre arti visive", ha detto Brizia Minerva, direttrice artistica del festival e curatrice della sezione Spazi Aperti della Visione con Lorenzo Madaro.

Si le vent tombe

Anche il produttore Angelo Laudisa, impegnato a Parigi, ha voluto far arrivare i suoi saluti, sottolineando che "Essere trattenuto da un’importante coproduzione italo-francese dimostra la connessione sempre più forte tra i due Paesi, come è nelle intenzioni di Vive le cinéma".

"La collaborazione con il festival mi rende particolarmente felice - ha concluso il rettore di UniSalento Fabio Pollice - aggiunge un ulteriore tassello all’impegno e all’entusiasmo con cui insieme ai nostri docenti lavoriamo per promuovere la cultura in tutte le sue forme. Agli studenti dico: dovete credere nella cultura come concreta possibilità lavorativa. Credo fortemente che si debba continuare a fare gioco di squadra con Apulia Film Commission e con le istituzioni per promuovere questo territorio. Mi piacerebbe che dal Dams venisse fuori anche un’imprenditoria pugliese legata al sistema del cinema e dello spettacolo: insieme la transizione ecologica e digitale, è infatti importante realizzar una transizione culturale dalla quale ripartire".

Vive cinema

Le donne, i giovani, il mondo LGBTQ+, il meltin’pot culturale delle metropoli europee sono tra i protagonisti di questa sesta edizione, negli straordinari film - molti dei quali girati da registe di fama o da promettenti e già premiate professioniste - capaci di donare nuove e profonde prospettive alle grandi questioni del nostro tempo.

L’ingresso agli spettacoli ha un costo di 3 euro, biglietti su OOOH.EVENTS. Nel rispetto della normativa anti-Covid, l’accesso è consentito solo con Green Pass.

Info https://www.vivelecinema-festival.com/

(gekormini@gmail.com)

Commenti
    Tags:
    cinema lecce francese vive salento festival
    i blog di affari
    Il Tribunale di Lecce annulla cartella da 130.000 mila euro
    Ginevra, un melting pot newyorchese nella piccola Svizzera
    di Leone Ronchetti
    Green Pass, i tesserati ignorano che è un dispositivo di controllo biopolitico
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    i più visti


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.