A- A+
PugliaItalia
M5S, TAP e discarica Giardinetto: 'La Regione fa come gli struzzi'

I consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle incalzano il Governo pugliese su due fronti sensibili come TAP in Salento e la discarica di Giardinetto (Fg), in Capitanata, puntando il dito sugli interventi più o meno "assenti", tali da motivare ipotesi di 'corresponsabilità' per la piega presa dagli eventi.

M5S Puglia
 

“Con il completamento dell’espianto degli 11 ulivi già zollati si è consumata una delle pagine più nere per il nostro territorio. Le responsabilità sono da ripartire tra Governo regionale e nazionale, che hanno violato la dignità dei salentini e la volontà di un popolo che da sempre si è opposto a quest’opera”, è il duro commento dei consiglieri del M5S, Cristian Casili e Antonio Trevisi, in seguito al blitz nel cantiere del gasdotto TAP, che ha visto impegnati circa 200 agenti delle forze dell’ordine per scortare i mezzi della multinazionale.

“La Regione Puglia, con Emiliano impegnato nelle primarie del PD, - dichiara il vicepresidente della Commissione Ambiente Cristian Casili - ha assentito allo spacchettamento e all’ottemperanza della prescrizione A44, rendendo purtroppo inutile nelle motivazioni il ricorso avanzato al Tar che noi del M5S eravamo riusciti ad ottenere dopo un grande lavoro portato avanti insieme ai cittadini. Il Tribunale ha fatto emergere come la Regione non abbia indicato l’ufficio competente, trascurando il fatto che la prescrizione A44 era unitaria per tutti i 231 alberi, di cui i 16 monumentali. In sostanza,  se n’è lavata le mani. Per salvare gli 11 ulivi già zollati  si sarebbero potute rincalzare, con apporto di terra, le radici recise degli alberi che in tutta sicurezza potevano rimanere nelle trincee preesistenti. Ci sarebbero voluti meno di mille euro e il lavoro di 2 operai, invece dell’impiego di centinaia di poliziotti".

TAP proteste espianti
 

"Mi ha lasciato sconcertato leggere il verbale e le motivazioni prodotte dagli agronomi della Regione su richiesta dell’osservatorio fitosanitario regionale", prosegue Casili, "Perché gli stessi tecnici regionali non denunciano lo stato di abbandono del Salento olivicolo, dove ogni giorno i disseccamenti compromettono centinaia di alberi? Mentre invece la Regione Puglia è stata solerte ad assecondare Tap, suggerendo di mettere in sicurezza le piante. Delle 231 piante di ulivo presenti inizialmente nel cantiere a San Basilio restano i 16 ulivi monumentali per i quali l’azienda, disattendendo la prescrizione A44, ha ritenuto di non dover presentare le integrazioni richieste, rimandando a data da destinarsi la discussione. L’ennesima scena di una farsa alla quale la Regione assiste da spettatrice”.

M5S Consiglieri1
 

“Con il bisogno di sicurezza che c’è nelle nostre città - spiega Antonio Trevisi - si arrivano ad  impegnare centinaia di agenti di polizia nella scorta dei mezzi del Tap lasciando scoperti gli altri territori. Perchè devono essere i cittadini a pagare per tutelare gli interessi di una multinazionale privata? Non a caso ci sono mobilitazioni in tutta Italia per dire No a Tap. Una battaglia in cui il Movimento 5 Stelle è da sempre in prima linea. Il gasdotto Tap è un progetto che serve solo ad arricchire le tasche di pochi senza apportare alcun beneficio per la comunità pugliese.  Non servirà a rendere il nostro Paese energeticamente indipendente dall’estero ma danneggerà irrimediabilmente una delle regioni più belle del mondo - conclude Trevisi - ed è inaccettabile che l’ex premier Matteo Renzi consideri erroneamente il gas una fonte rinnovabile e continui a parlare di riduzione dalla dipendenza dalle fonti fossili per poi difendere Tap e gli investimenti su una politica energetica basata sullo sfruttamento di modelli di sviluppo ormai obsoleti, anziché puntare sulle vere energie rinnovabili che sono le uniche a poter garantire un reale e duraturo progresso economico e ambientale".

giardinetto8
 

Anche sul fronte “caso Giardinetto” i Cinquestelle non mollano la presa e dopo il pressing in Parlamento, i consiglieri regionali Rosa Barone, Cristian Casili e Antonio Trevisi hanno provveduto a depositare un’interrogazione regionale, sollecitando la Regione al fine di ottenere una rapida bonifica della zona al fine di tutelare l’ambiente e prevenire l’insorgere di malattie tumorali.

“Con la nostra interrogazione - dichiarano i cinquestelle - presentata prima del servizio televisivo mandato in onda da "Le Iene", avevamo chiesto come la Regione volesse sollecitare ulteriormente il Comune a provvedere con urgenza alla presentazione del piano di caratterizzazione, utilizzando le risorse messe a disposizione dalla Provincia, attivandosi in via sostitutiva e con urgenza per provvedere alla messa in sicurezza e alla bonifica del sito, nonché dell'intera area interessata, allo scopo di tutelare lo stato della salute e della sicurezza umana".

Daunia giardinetto troia rifiuti
 

"Mercoledì sera il Presidente Michele Emiliano ha dichiarato nello stesso servizio de “Le Iene” di non essere a conoscenza della situazione della ex discarica, un’affermazione gravissima anche alla luce del fatto che il sindaco di Troia e il Presidente Emiliano appartengono allo stesso partito".

"Questo dimostra - spiegano - che non esiste nè un progetto di salvaguardia comune dei cittadini nè una comunicazione istituzionale efficace, sembra che in questo momento al presidente Emiliano interessino solo le primarie PD“.

“Ci aspettiamo - concludono i consiglieri pentastellati - un’esaustiva risposta da parte dell’ufficio Ambiente della Regione, nonché un’accelerazione per la necessaria bonifica del sito. Non servono ulteriori promesse ma un serio dispiego di forze atte a tutelare la salute dei cittadini.I cittadini di quella zona muoiono e la salute pubblica deve essere tutelata a tutti i livelli con estrema responsabilità ed urgenza”.

(gelormini@affaritaliani.it)

--------------------------------

​Pubblicato sul tema in precedenza: Tap, blitz ruspe e polizia: abbattute le barricate al cantiere

                                                         Discariche abusive: un’Apocalisse. Reato sia punibile nella durata dei danni

Tags:
m5s discarica giardinetto troia fg tap ulivi espianti regioneantonio trevisirosa baronecristian casilimichele emiliano
i blog di affari
Sindacalista ucciso, la solitudine dei lavoratori nello spirito del tempo
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Alternanza scuola-lavoro, diciamo basta all'istruzione turbocapitalistica
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il “vecchio” Biden indica i nemici Cina e Russia
Di Ernesto Vergani
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.