A- A+
PugliaItalia
Matera, XIX Congresso UCSI Vania de Luca è neo-presidente

La giornalista Vania de Luca, vaticanista di Rainews24, è la prima donna ad essere eletta presidente dell’Ucsi in quasi 60 anni di storia. L’assemblea dei delegati l'ha eletta a larga maggioranza. Succede ad Andrea Melodia che ha completato, come da statuto, due mandati consecutivi. L’assemblea ha eletto anche due vice presidenti: Donatella Trotta dell’Ucsi Campania e Antonello Riccelli dell’Ucsi Toscana. Oltre a decidere che "Il Forum Bambini e Mass Media", proposto per la prima volta in Puglia, diventerà appuntamento ed evento nazionale.

forum bambini
 

"Il cammino dell'Ucsi prosegue nello spirito di una consolidata tradizione di libertà nel contesto del sistema dei media italiani e della chiesa", ha dichiarato a caldo Vania de Luca, "È una responsabilità molto grande prenderne la guida, sia per quello che questa sigla ha rappresentato e rappresenta, sia per il fatto che per la prima volta in quasi 60 anni di storia l'Ucsi ha scelto per il ruolo di presidente una donna.

"Porto nel cuore le parole di Papa Francesco - ha poi aggiunto - che ha chiesto alle donne di dire come guardano la realtà dal loro punto di vista. perché il loro sguardo dà una ricchezza differente. Uno sguardo che si fa parola è anche nel nostro modo di essere giornalisti, donne e uomini. Il messaggio per la Giornata delle comunicazioni sociali quest'anno ci chiede una vigilanza particolare nell'uso di  “ogni parola e ogni gesto", nella chiave  della misericordia che può avere tante conseguenza anche sociali e civili".

"Nelle parole e nei gesti - ha proseguito Vania de Luca - c’è una specie di potere nascosto, un’energia che si può sprigionare, capace di “sanare le relazioni lacerate e di riportare la pace e l’armonia” tra le famiglie, nelle comunità, ma anche nei rapporti tra i popoli. È quello, credo, che oggi ci serve".

Deluca Vania2
 

"Tra le priorità per i prossimi anni - ha quindi concluso - confermiamo il nostro impegno nell'ambito della formazione e dell'aggiornamento professionale, pensando soprattutto ai giovani.  E poi c'è l'Osservatorio Ucsi di Mediaetica che ha ancora tanto da esprimere per la vigilanza sulla correttezza dell'informazione e del sistema dei media in Italia, in anni in cui la Rai ha in corso una riforma importante per tutto il Paese è anche la chiesa, in ambito comunicativo, è su strade nuove".

Il consiglio nazionale, su proposta della neo-presidente De Luca, riunitisi a Matera, ha eletto segretario Maurizio Di Schino dell’ Ucsi Lazio (che succede a Franco Maresca per fine mandati) e tesoriere Alberto Lazzarini dell’Ucsi Emilia Romagna (che succede a Mariella Cossu per fine mandati). Sono stati eletti anche due membri della giunta esecutiva: Alessandro Zorco della Sardegna e  Giuseppe Cappulli della Lombardia.

Questo il nuovo consiglio nazionale dell’Ucsi: Gaetano Rizzo,  Salvatore Di salvo, Enrica Ceferatti, Miela Fagiolo D’Attila, Alessandro Zorco, Andrea Pala, Vincenzo Varagona, Edmondo Soave, Giovanni Trentin, Vincenzo Quarto, Giuseppe Caffulli, Giuseppe Nardi, Andrea Cuminatto, Francesco Rossi e Gabriella Zucchi.

L’assemblea ha anche eletto il collegio dei garanti: Salvatore Catanese, Mauro Banchini e Maria Maddalena Cossu. Eletti anche i revisori dei conti: Renato Pinnisi ( presidente), Robero Zalambani, Giovanni Dainese, Paola Springhetti e Luca Costamagna.

La redazione di Affaritaliani.it - Puglia, nel felicitarsi con Vania de Luca, formula i migliori auguri di buon lavoro a tutti gli eletti.

Sgobba Matera UCSI
 
 
IL DOCUMENTO CONCLUSIVO:
 
Il congresso dell'Ucsi riunito a Matera per il Rinnovo delle cariche associative per i prossimi 4 anni, si è confrontato sui seguenti temi:
 
- la sfida del pluralismo in un momento di crisi epocale tra concentrazioni editoriali che disegnano nuovi scenari di oligopolio sul mercato, tecnocrazia, trasformazioni biomediatiche ed evoluzione digitale,che rimettono in discussione il modo di essere giornalisti oggi. 
 
- Sul calo di credibilità  che investe oggi ogni ruolo di rappresentanza, compreso quello dei comunicatori, è emerso con chiarezza che l'identità cristiana può ridare slancio a un'informazione di qualità sapendo che sulle notizie non ci si può limitare ad arrivare primi ma bisogna arrivare "meglio". 
 
- la riforma dell'editoria ci sollecita a proporre una convocazione degli  Stati generali per scongiurare il rischio di chiusura di molte "voci" sul territorio
 
- la cultura del servizio pubblico va ripensata necessariamente in direzione del bene comune, che poggi sulla condivisione, sull'attenzione all'umano, e sulla tutela di chi non ha voce: come i migranti, i minori, le donne, i giovani.
 
- la formazione dei giornalisti va rilanciata sul piano dei valori e dell'etica professionale, in dialogo costante con il più' ampio mondo dei comunicatori sociali in una ineludibile sinergia tra centro e periferie. 
 
Il Congresso ha indicato le seguenti priorità per il cammino futuro dell' Unione:
 
- proseguire l'esperienza della scuola di alta formazione titolata a Giancarlo Zizola per i futuri quadri dirigenti Ucsi e per l'aggiornamento professionale dei colleghi.
 
deluca vania3
 
- rilanciare  la proposta dell'osservatorio Ucsi e di un comitato pubblico di mediatica per la vigilanza sulla correttezza dell'informazione e del sistema dei media in Italia. Una particolare attenzione andrà posta al tema di media e minori, valorizzando in questo campo le esperienze finora realizzate anche a livello territoriale.
 
- proporre opportune iniziative di confronto, proposta e analisi sui valori pubblici della comunicazione, con particolare attenzione alla riforma della RAI.
 
- Offrire il contributo dell’UCSI all’elaborazione di una cultura del sistema dei media, in collegamento con le rappresentanze dei giornalisti e dei comunicatori, cattolici e non, con le Università e con i giornalisti stranieri in Italia.
Occhetta Matera4
 
 
- ripensare la rivista desk come strumento di analisi delle criticità del sistema dei media, e come veicolo di proposta per temi e percorsi per la formazione e l'aggiornamento professionale.
 
- valorizzare il sito Ucsi, dando anche una maggiore visibilità alle iniziative territoriali. Il sito è stato in questi anni non solo una vetrina per le iniziative dell'Ucsi a livello nazionale e regionale, ma anche un prezioso strumento di informazione sui temi della professione e sulle notizie relative ai media e alla vita della chiesa. 
 
- favorire la costituzione di una Rete di giovani a livello nazionale, con una proposta mirata e coinvolgente a loro dedicata.
 
- incentivare una più dinamica relazione interna all'Ucsi, tra il livello nazionale e le regioni e viceversa. (UCSI)
 
(gelormini@affaritaliani.it)
 
---------------------------
Pubblcato sul tema:
Iscriviti alla newsletter
Tags:
materaucsicongressopresidentede lucavania
i blog di affari
Green pass, arriva il 15 ottobre: l'Italia dice addio alla propria libertà
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Pancani: “Draghi al Quirinale? Una garanzia per l’Europa”
Cgil comica, difende il lavoro ma accetta l'infame tessera verde
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.