A- A+
PugliaItalia
MEDIS - Il Distretto della Meccatronica nel futuro dell'Economia della Puglia

Le attività di ricerca del Distretto Meccatronico Regionale della Puglia MEDIS e le condizioni dell'innovazione nella economia della Puglia e del Paese sono stati gli argomenti dell'incontro tenutosi nella sede della Banca d'Italia di Bari.

IMG 9806
 

"La Meccatronica nello scenario economico della Puglia” il tema del confronto, che ha visto la partecipazione, fra gli altri, di Salvatore Rossi, Direttore Generale della Banca d'Italia, Loredana Capone, Assessore allo Sviluppo Economica della Regione Puglia, Eugenio Di Sciascio, Presidente del Comitato Universitario Regionale di
Coordinamento Puglia, Mario Ricco, Direttore di MEDIS – Distretto Meccatronico Regionale della Puglia.

Presentate le attività progettuali del Distretto MEDIS attualmente in corso. In particolare i progetti che prevedono
attività di Ricerca Industriale e Formazione negli ambiti: Ferroviario, Avionico, Automazione/Robotica, Biomedicale e Automotive.

“Quando parliamo di Meccatronica, apriamo uno degli scenari più produttivi e promettenti dell’economia pugliese che da solo vale il 29,3% dell’intero fatturato export regionale”,  ha sottolineato l’assessore Capone nel suo intervento, “Il settore della Meccanica e Meccatronica è uno dei più solidi della tradizione produttiva pugliese. Nel 2014 conta 7.840  imprese attive e impiega 49.288 addetti".

IMG 9808
 

"Le esportazioni hanno totalizzato nello stesso anno più di 2,4 miliardi di euro di fatturato", ha continuato, "Lo stesso trend prosegue nel primo semestre del 2015 con oltre 1,327 miliardi di euro di fatturato export: +13,3% rispetto ai primi 6 mesi del 2014, mentre l’incremento nazionale si ferma al  6,9%”. 

“Le politiche regionali – ha spiegato ancora Loredana Capone - hanno fortemente inciso nello sviluppo del settore, basti pensare all’istituzione dei due distretti dedicati, all’istituto per supertecnici “Cuccovillo” che garantisce l’occupazione totale dei suoi diplomati. Bari pensare soprattutto alla capacità che hanno avuto le politiche regionali di attrarre investimenti esteri e di evitare la delocalizzazione di alcune multinazionali grazie agli strumenti di incentivazione attivati”.

Per poi concludere: “La Regione Puglia ha investito, ma il settore ha moltiplicato per tre quegli investimenti. Nella precedente programmazione, con i Contratti di Programmi e i Pia, 100 milioni di risorse pubbliche sono diventate 300 milioni di investimenti”.

 

(gelormini@affaritaliani.it)

Articolo in fase di completamento

Tags:
medisalbinomeccatronicadistrettobanca d'italiabaripugliarossi
i blog di affari
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
Tosare il cane d’estate: una pratica inutile e dannosa
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.