A- A+
PugliaItalia
Memorial "Sacco e Vanzetti" Con don Ciotti e Nunziante

"La nostra società (e in particolare i giovani) non ha bisogno di presunti leader, solo chiacchiere e distintivo, ma di Testimoni, che, con il loro esempio quotidiano di vita, mostrano di ispirarsi veramente a quei valori ed ideali veri, che possono contribuire a provocare quel “risveglio delle coscienze”, fondamentale per il cambiamento sociale e istituzionale: don Luigi CIOTTI è uno di questi!", recita un tratto della motivazione per un riconoscimento signifativo in Terra di Puglia.

Al Presidente Nazionale dell'Associazione "Libera", "l'uomo più a rischio di Italia" per la sua incessante attività contro Camorra, Ndrangheta, Sacra Corona Unita e Cosa Nostra" verrà consegnato il 23 agosto il Premio "Sacco&Vanzetti - per i diritti umani" a Torremaggiore, nella città natale di Nicola Sacco: uno dei due italiani ingiustamente uccisi con la sedia elettrica a Boston nel Massachusetts (Stati Uniti) 88 anni fa.

Emiliano Nunziante1
 

Interverranno anche Antonio Nunziante, vice-presidente della Regione Puglia ed ex Prefetto di Bari, e l'europarlamentare Elena Gentile. "La presenza di un rappresentante dell'Istituzione Regionale", ha sottolineato il Presidente dell'Associazione Sacco e Vanzetti, Matteo Marolla, "come l'ex-prefetto di Bari, Antonio Nunziante, con don Ciotti e Daniela Marcone è particolarmente significativa e sottolinea l'attualità della commemorazione in un contesto territoriale segnato dai tanti problemi riguardanti la legalità, la sicurezza, l'integrazione, la qualità dei servizi".

Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti furono giustiziati il 23 agosto 1927, tramite sedia elettrica, nel penitenziario di Charlestown, per un duplice omicidio a scopo di rapina che non avevano mai commesso. Bisognò attendere il 1977 per ottenere dal governatore del Massachusetts, allora Michael Dukakis, una completa riabilitazione dei due anarchici!

CIOTTI MARCONE2
 

La serata che prevede anche un intervento particolarmente significativo di DANIELA MARCONE, vice-presidente nazionale di "LIBERA", sarà dedicata al martirio del diciannovenne ALPER SAPAN e dei 31 giovani turchi uccisi dall’uomo-bomba che ha voluto colpire "la meglio gioventù curda", quella che aiuta i “connazionali” in fuga dal confine siriano e di quelli assediati dall’Isis a Kobane.

In nome di tutte le vittime che ogni giorno vengono sacrificate dalle ingiustizie di ogni tipo di potere che non riconosce alcun diritto umano e sociale, l'Associazione Sacco & Vanzetti invita tutti quelli che possono e condividono a partecipare a questo importante momento di riflessione.

In questa occasione don Luigi CIOTTI presenterà le più importanti proposte di LIBERA per ridare speranza all’ITALIA, in particolare:

  1. MISERIA LADRA, contro la povertà che ruba speranza, dignità e diritti;
  2. REDDITO DI DIGNITÀ, per introdurre anche nel nostro paese una misura presente ormai ovunque: il reddito minimo garantito o reddito di cittadinanza.

L'occasioe per un incontro importante ed educativo, che permetterà il confronto con un Testimone straordinario: di quelli che non conoscono la parola "rassegnazione".

(inesmacchiarola1977@gmail.com)

 

Tags:
saccovanzettidon ciottinunzianteprefettomarconemerollatorremaggiore
i blog di affari
Disseso verso il nuovo capitalismo terapeutico e dalle tendenze
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, la vita pubblica in mano ai medici
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Draghi auspica stabilità. E lancia il patto sociale per la crescita duratura
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.