A- A+
PugliaItalia
Modugno, il sindaco Magrone: "Il popolo riprende la sovranità"

Siamo tornati a Modugno (Bari) dopo che l'esito elettorale amministrativo "a sorpresa" ha visto riconfermata ls leadership cittadina di Nicola Magrone, che torna a vestire la fascia tricolore di Primo Cittadino, dopo il colpo di mano di 13 consiglieri comunali che, dimettendosi contemporaneamente davanti a un notaio, avevano "dimissionato" il Sindaco. Aprendo le porte all'ennesimo periodo di gestione Commissariale del Palazzo di Città.

"Il popolo ha voluto riappropriarsi della sovranità, che da sempre gli appartiene, e che in qualche modo gli era stata sottratta", sottolinea Nicola Magrone.

"E lo ha fatto", aggiunge, "Mandando un messaggio-avviso soprattutto ai partiti. Perchè i principali sconfitti dell'ultima tenzone elettorale a Modugno, sono stati proprio loro e le macchinazioni di retroguardia".

magrone sindaco
 

Dalle urgenze ereditate sullo spinoso problema dei rifiuti, che attanaglia non solo Modugno ma l'intera regione, alle incombenze di una macchina amministrativa che funziona senza tregua, la cui guida va ripresa "in corsa". Dalla composizione della nuova giunta alla necessità di coinvolgere competenze e professionalità cittadine, per garantire partecipazione e preparare il futuro.

Dalla complessa situazione della OM Carrelli Elevatori al macigno della "questione urbanistica". Fino al non facile confronto proprio con i partiti, per affrontare la nuova tornata amministrativa sulle basi di nuovi rapporti e soprattutto approcci trasparenti di legalità ad ampio spettro.

I fiori di cardo che campeggiano nel gonfalone della Città di Modugno, certificano che è nel DNA della città stessa - da sempre - l'abitudine a confrontarsi con "le spinosità" della sua vita quotidiana.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
magronepopolomodugnosindacosovranità
i blog di affari
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
Tosare il cane d’estate: una pratica inutile e dannosa
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.