A- A+
PugliaItalia
Molise - Puglia, un legame antico custodito nel solco dei cavatelli

E’ un legame antico quello che unisce il Molise alla Puglia, per la quale da sempre è stato ponte verso gli Abruzzi, lungo il dipanarsi degli scambi etnici e il moltiplicarsi dei nomadismi transumanti. Un legame che affonda le radici comuni nelle tradizioni e, da sempre, esprime effetti corrispondenti nelle contaminazioni conseguenti.

Molise cavatelli

Quello dei “cavatelli” è uno dei capitoli suggestivi di quell’antologia di legami, in cui l’applicazione “pugliese” finale prevarica sulle origini “molisane” autoctone e si afferma nel ventaglio di declinazioni che ne hanno saputo esaltare la carica identitaria territoriale.

Lo racconta con dovizia di particolari Maria Vasco, sacerdotessa rupestre del Molise e resonsabile di http://www.moliseinvita.it, raccogliendo le testimonianze di uno dei presidi più tipici di questa originale forma di pasta fresca: i cavatelli dei sepolcri, o meglio, “i ciufl du séppulch”.

Molise Cavatelli del Sepolcro

“Ogni piatto ha la sua origine si sa, antica o moderna che sia, ma quella de “i ciufl du séppulch” di Montorio nei Frentani, piccolo paese in provincia di Campobasso, dalle fondazioni antichissime, circondato da dodici colline - dall’alto dei suoi 654 m s.l.m. - è davvero una storia ricca di emozioni, stretta com’è al senso di appartenenza che lega la popolazione al paese e al sentimento devozionale diffuso”.

Un piatto penitenziale, che nasce tale in Molise e - come vedremo - si trasformerà in piatto di occasione e poi di festa nelle regioni limitrofe.

MOLISE cavatelli2

La storia vuole che, durante i giorni che precedevano la Pasqua, il sagrestano della Chiesa Madre del paese - Costanzo De Simone - fosse solito raccogliere dalle famiglie dei fedeli offerte in natura: delle semplici ciotole e sacchetti pieni di farina, in funzione delle possibilità e delle diponibilità di ognuno, fino a raggiungerne un cumulo tra i settanta e i cento chilogrammi.

Con quel tesoro, invitava le donne del paese a trasformare tutta la farina in ciufl du séppulch (cavatelli del sepolcro), primo piatto già tipico del Molise, per il vespro del giovedì santo.

cavatelli cozze

“Metodo e ricetta per realizzarlo era qualcosa di molto semplice - spiega Maria Vasco - impastare la farina con acqua; lasciare a riposo per circa 30 minuti; allungare la pasta su di una spianatoia di legno con un matterello preparando una sfoglia non molto sottile; tagliarla a listarelle e dopo a pezzetti di circa quattro centimetri; “cavare” facendo pressione tirando sulla spianatoia ogni pezzetto con tre o quattro dita”.

cavatelli FG

“La pasta viene cotta per pochi minuti e condita con un soffritto di olio extravergine di oliva, aglio e abbondante peperoncino, questo deve essere piccante e dolce (messo a fuoco spento, in modo da fare assumere al piatto una colorazione rosso vivo). Appena preparata, veniva offerta nella casa del sagrestano ai fedeli che uscivano dalla chiesa, dopo la messa vespertina “in Coena Domini”. La celebrazione che dava inizio al ‘Triduo pasquale’: con la lavanda dei piedi, la legatura per silenziare le campane e l’allestimento della Reposizione (per la visita in preghiera ai cosiddetti Sepolcri)”.

Cavatelli pugliesi

Una sorta di rito laico e popolare, che accompagnava quelli religiosi, tenuto vivo dal sagrestano, fino alla sua partenza come emigrante verso il Canada nel 1960 e che solo recentemente è stato pian piano recuperato, per restituire continuità alla tradizione e valorizzare le testimonianze del patrimonio immateriale locale.

I cavatelli molisani fatti con la farina, arrivano in Puglia con le migrazioni della transumanza e ben presto vengono sottoposti alla sostituzione della farina con la semola di grano duro, talvolta arricchita anche da qualche aggiunta d’uovo, per diventare 'cavatelli pugliesi'. La loro realizzazione più rapida, rispetto ai tempi e all’esecuzione più articolata delle orecchiette, li fanno diventare una loro valida e apprezzata alternativa.

E col tempo, il piatto penitenziale si trasforma - attraverso le elaborazioni e le variazioni territoriali pugliesi - in piatto di festa: in Capitanata nella declinazione con ragù di agnello o di maiale o ancora di misto carne con pecorino oppure sugo di pomodoro con rucola e cacio-ricotta; nella Murgia con i funghi cardoncelli e marasciuoli (verdure spontanee); a Taranto con le cozze e il pomodoro.

(gelormini@gmail.com)

Commenti
    Tags:
    molise pugliamaria vascolegame antico cavatelli ragù solco farina semola grano duro transumanza capitanata murgia
    Loading...
    Loading...
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Localitour d'Autore by Jalisse incontra RADIO ANTENNE ERRECI
    Ricci Fabio
    Ddl Zan, ecco perchè è un grave tentativo di imporre il pensiero unico
    Superlega: ecco chi c'è davvero dietro alla bomba sul calcio
    i più visti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.