A- A+
PugliaItalia
‘Morsi d’amore’ di Giusy Frallonardo Tra rime baciate e motivi alternati

Ritrovare William Shakespeare, Matteo Salvatore e Gianfranco Pazienza che danzano e recitano sul sottofondo delle note ‘pizzicanti’ della Taranta salentina, è una magia concreta e non illusionistica - come quella del cinematografo - che solo le tavole del palcoscenico di un teatro riescono a rendere verosimile.

Giusy1
 

“Morsi d’amore”, la favola in versi e musica scritta dall’attrice Giusy Frallonardo, io ho avuto modo di apprezzarla al Teatro Comunale ‘Tommaso Traetta’ di Bitonto. Ma se vi capita di incrociare una sua rappresentazione sullechianche di una piazza” non perdetela, perché a quella magia potrete non solo assistervi, ma parteciparvi da protagonisti e viverla come pubblico che si fonde con l’azione scenica, al ritmo coinvolgente e cadenzato della “pizzica”.

Un inno all’identità plurale pugliese con vocazione allo sguardo e alle contaminazioni d’oltre confine. E la conferma di una convinzione personale di vecchia data: che il futuro della Taranta salentina e della stessa “Notte della Taranta” è nei Cantori di Carpino del Gargano.

Giusy11
 

Ma la favola di Giusy Frallonardo va ancora oltre e abbraccia la poesia coi riflessi ‘di-versi’ alla Vittorio Bodini e la tradizione meridiana e trasversale dei cantastorie come Matteo Salvatore e della cartapesta, che dal Carnevale di Putignano e dalle creazioni di Gianfranco Pazienza - passando per i maestri cartapestai partenopei - abbraccia l’animazione teatrale danzata dei Pupi siciliani.

Prodotto dalle Associazioni “AlephTheatre”, “Stultifera Navis”e “Arteinviaggio”, “Morsi d’amore” vanta interpreti d’eccellenza oltre la stessa Giusy Frallonardo, come Veronica Calati, Luigia Bressan, Raffaele Tammorra, Scintilla Porfido e Letizia Cassone.

La storia, a trama shakespeariana, è quella di due giovani contadini: Elvira e Raffaele. Elvira è la più bella della masseria e attira le attenzioni del figlio del padrone che, accortosi della passione che la lega a Raffaele, si libera del rivale spedendolo a combattere al fianco dei piemontesi. La ragazza impazzisce, ma riesce a salvarsi grazie al rito della taranta.

La loro storia scorre al ritmo del cuore e di tanti brani conosciuti che vanno dalla musica tradizionale salentina alle canzoni più note di Domenico Modugno. Le parole, la danza e la musica trasportano lo spettatore nelle campagne pugliesi dei primi del Novecento e la scrittura offre a tutti la possibilità di riconoscersi, emozionarsi, indignarsi, gioire con gli innamorati contrastati dal padrone di turno.

Giusy6
 

Le scene e i costumi in cartapesta sono di Luigia Bressan, le coreografie di Veronica Caiati, la cui eleganza fluida fa di Elvira il motore scenico capace di esaltare gi stessi movimenti di Giusy Frallonardo. Mentre le musiche di Sciamaballà con gli arrangiamenti di Raffaele Tammorra, si affidano non al ‘basso’ ma al ‘piano continuo’: fisarmonica (organetto diatonico) con violoncello ritmato dai “pizzichi” o dalla “pizzica” delle corde della “chitarra battuta” e della “tamborra”.

Infine, alla regia di Enrico Romita.va riconosciuto il merito di aver dato al lavoro un taglio “miscellaneo”, che ai nomi citati all’inizio ha aggiunto man mano le pennellate letterarie e mediterranee di Giovanni verga, Rocco Scotellaro e Pedrag Matvejevich.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
morsi amore rime pizzica taranta poesia cantastoriegiusy frallonardoteatro palcoscenico
i blog di affari
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
DONAZIONI DI SANGUE, AIUTI E PROGETTI PER AGRICOLTURA E BIOGAS
Boschiero Cinzia
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.