A- A+
PugliaItalia
Morte Ilva: coordinamento parlamentari Pd scrive al Ministro del Lavoro

La morte di Cosimo Martucci, dipendente della ditta “Pitrelli”, è un accadimento che non puó e non deve cadere nell'oblio dell'assuefazione ai decessi sul luogo di lavoro.

ginefra3
 
Nessun luogo di lavoro puó essere considerato zona franca nell'osservanza delle prescrizioni tese a prevenire questa strage di morti bianche che ogni giorno, nel nostro Paese, nonostante le normative e le relative regole, funesta le nostre comunità.
 
Vanno accertate tutte le eventuali responsabilità ed è per questo che in un interrogazione a mia prima firma in qualità di coordinatore dei parlamentari pugliesi e sottoscritta dall'intera delegazione dei deputati pugliesi del PD, a partire dai tarantini Vico e Pelillo, ho chiesto al Ministro del Lavoro per sapere se sia stato informato di tale luttuoso evento e quali iniziative intenda promuovere per assicurare il diritto alla sicurezza per i lavoratori che prestano il loro servizio alle dipendenza dirette dell'azienda, nonche per quelli che operano al servizio si società di servizi esterne.
 
Dario Ginefra
Deputato PD
Tags:
ilvamortemartucciginefraparlamentari. ministro lavoro
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.