A- A+
PugliaItalia
DiVagno

“Piango l’uomo, ricordo il politico esemplare, saluto il Socialista, non dimenticherò il Maestro dal quale ho tanto imparato nelle battaglie politiche per difendere il mondo del lavoro e far crescere il Paese”.

“Sinceramente e personalmente addolorato”, il presidente del Consiglio regionale della Puglia, Onofrio Introna, esprime il profondo cordoglio dell’intero Consiglio regionale per la  scomparsa dell’on. Giuseppe Di Vagno, “deputato socialista, uomo di governo, meridionalista convinto, sempre e solo al servizio della sua Terra”.

Sentito anche il cordoglio del Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola: “I pugliesi salutano con grande commozione Peppino Di Vagno, limpida figura del socialismo italiano, testimone sulla propria pelle della barbarie fascista, protagonista della storia della democrazia repubblicana".

"Nato nel grembo di una tragedia che violò la vita della sua famiglia con il brutale assassinio di un padre di cui porterà il nome e l’insegnamento, Di Vagno cresce nella temperie della stagione post bellica e diventa un punto di riferimento delle lotte di un Sud che progressivamente alza la testa e rivendica il proprio ruolo nella costruzione del sistema Paese".

di vagno con il figlio

"Famoso per la brillantezza e il fascino del suo eloquio, fu maestro di una politica intesa anche come pedagogia, educazione alla convivenza e alle regole dello stato di diritto. Le vicende della crisi della prima repubblica, la lacerazione e la scomparsa dei partiti che avevano edificato le fondamenta della nostra democrazia, non ne piegarono mai la passione civile e la tempra morale".

"Ormai ultranovantenne, Di Vagno ci ricordava una verità semplice ma mai banale: senza la bussola della memoria storica, in una condizione di superficialità culturale e di oblio, è facile che una società possa smarrirsi".

"Nel buio del presente, occorre ritrovare la luce di un insegnamento che è quello che, di generazione in generazione, Peppino Di Vagno, padre e figlio, hanno offerto all’Italia intera: le radici della libertà diventano robuste se sono ben piantate nella terra dei diritti sociali, la giustizia e la democrazia sono le gambe su cui può, deve, camminare un paese che dal Risorgimento fino alla Resistenza, ha cercato di essere una nazione, un popolo, una idea di civiltà. Piangiamo un galantuomo, una personalità colta e gentile, padre nobile di una Puglia con la schiena dritta”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
di vagnointronaconversano
i blog di affari
Covid, Lancet smonta le tesi che stigmatizzano i non vaccinati
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Draghi-Schwab, vis a vis due protagonisti dell'ordine neoliberale filobancario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Violenza donne, la maratona radiofonica che dà voce alla lotta agli abusi
L'opinione di Tiziana Rocca
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.