A- A+
PugliaItalia
Mozione CoR: "La Puglia s' indigni con Renzi"

Risparmiatori che vedono sfumati i risparmi di una vita; piccole e medie imprese che falliscono per inesigibilità dei propri crediti, con il conseguente licenziamento dei lavoratori; il ricorso sempre più frequente al concordato per recuperare il possibile a fronte di perdite anche 70/80 volte più grandi. Di contro si assiste a un Governo nazionale pronto a correre in soccorso dei poteri forti, banche e grandi gruppi in primis.

Di fronte a tutto questo non si può restare in silenzio, né trincerarsi dietro le “competenze”, sperando che sia un altro livello istituzionale a risolvere problemi che quotidianamente viviamo sulla nostra pelle attraverso l’ascolto di tanti disperati.

IMG 8700
 

Ecco perché i consiglieri regionali dei Conservatori e Riformisti hanno presentato una mozione per impegnare la Giunta Emiliano “A manifestare l’indignazione della Puglia al Governo Renzi rispetto ad una politica di vicinanza ai poteri forti piuttosto che a cittadini deboli che dopo aver vissuto una vita di stenti e di sacrifici per sostenere con attività virtuose le proprie aziende le vedono fallire per aver dato credito a grosse Aziende spesso sostenute dal Pubblico e giunte in concordato preventivo e a risparmiatori che hanno creduto nella solidità delle banche e nell’azione di vigilanza della Banca d’Italia e oggi si vedono sfumare i loro risparmi fino ad arrivare al suicidio”.

Per cambiare rotta la mozione propone di impegnare la Giunta Emiliano a: “Rivedere, la norma del concordato preventivo che sta portando alla morte le piccole e medie imprese, le quali non hanno strumenti idonei per tutelare il proprio credito e che, nelle more della procedura, i creditori, immobilizzati dalla stessa legge, soffrono la carenza di liquidità, accentuata dalle banche che non concedono credito o finanziamenti, e finiscono per essere essi stessi insolventi e fallibili. Molte aziende, dunque, si vedono strette in una tenaglia tra il cosiddetto credit crunch, l’insolvenza della pubblica amministrazione e questa nuova forma di concordato preventivo che, inevitabilmente, tende a depauperare la liquidità delle aziende sane e porta all’inevitabile chiusura quelle che vivono momenti di tensione finanziaria”.

Infine, “Di intensificare i controlli sui reali titolari delle newco e sulle responsabilità gestionali di amministratori di aziende avviate al concordato preventivo e dei banchieri con confisca dei beni personali e familiari per ristorare le penalizzazioni subite da creditori e risparmiatori”.

 

Tags:
mozionecorpugliarenziindignazionesud
i blog di affari
Reddito di cittadinanza, chi lo percepisce non ottiene l'assegno divorzile
di Francesca Albi*
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.