A- A+
PugliaItalia
#non sei sola, la giornata internazionale contro la violenza sulle donne

È con questo slogan '#non sei sola' che la Regione Puglia intende celebrare quest’anno il 25 novembre, la Giornata Internazionale della Lotta alla Violenza sulle Donne. Il 2020 è stato, ed è tuttora, un anno particolarmente duro, insidioso, difficile, ancor più duro per le donne vittime di violenza, e per i loro figli, doppiamente chiuse e isolate nel loro dolore.

DONNE3

"Il Covid-19 non ha fermato la violenza, come dimostrano i dati sugli accessi ai Centri anti violenza", si legge in una nota, "Dopo il calo delle richieste di aiuto registrato a marzo rispetto a febbraio 2020 (-37% di accessi - 47% di prese in carico - 14% di allontanamenti di urgenza), nei mesi successivi è stato registrato un significativo cambio di passo con incrementi elevatissimi rispetto a marzo ma anche ai mesi precedenti".

La Regione Puglia è impegnata fin dall’approvazione della legge regionale 29/2014 e del suo primo piano operativo, nell’opera di sostenere, anche economicamente, le reti antiviolenza.  Oltre alle risorse indistinte trasferite ai Comuni pugliesi per il sistema integrato dei servizi sociali, tra cui anche le risorse per interventi di tutela e protezione, nel periodo compreso tra il 2014 e il 2019, sono state destinate ai servizi antiviolenza e ai percorsi di autonomia delle donne, circa 16 milioni di euro, tra fondi regionali, nazionali e comunitari. A questi interventi, si aggiunge la corsia di accesso preferenziale per le donne vittime di violenza, quale target speciale, alla misura regionale di contrasto alla povertà e di inclusione sociale del Reddito di Dignità.

non sei sola3

"Nel corso del 2020 - silegge ancora nella nota - sono stati già erogati ai Comuni euro 900.000 per la continuità dei programmi antiviolenza, gestiti dai CAV convenzionati, e per il sostegno ai percorsi di autonomia delle donne, resi ancora più complicati dall’emergenza pandemica.

Saranno erogati a inizio 2021 € 1,8 mln di euro su risorse regionali da destinare ai nuovi programmi antiviolenza e circa € 2 milioni su risorse statali (DPCM 2019), sempre in favore dei centri antiviolenza e delle case rifugio di prima e seconda accoglienza e a copertura degli interventi diretti alle donne da realizzarsi nel 2021.

Dai dati raccolti dall’Osservatorio regionale, dal 2014 al 2019, emerge che sono state circa 10.000 le donne entrate in contatto con i centri antiviolenza, con una media di percorsi avviati del 60% (spesso le donne si avvicinano solo per una richiesta di informazioni prima di maturare la decisione di chiedere aiuto per uscire dalla situazione di violenza).

Con riferimento, invece, ai dati relativi agli accessi delle donne ai centri antiviolenza nel 2019 emerge che:

  • Per il 90% dei casi, le donne sono di nazionalità italiana: di queste il 65% si è rivolto spontaneamente al centro antiviolenza anche se cresce la percentuale in invii fatti dagli altri soggetti della rete antiviolenza;
  • Nel 95% dei casi, la violenza si consuma in famiglia: infatti, nell’86% dei casi gli autori della violenza sono il partner e l’ex partner, nel 9% “parenti”;
  • le donne più “esposte” alla violenza sono le coniugate (42%), seguono le donne nubili (23%) e le donne separate/divorziate (21%);
  • la violenza è trasversale alle fasce di età, ai titoli di studio, alla condizione lavorativa anche se la percentuale più alta viene registrata tra donne che hanno età compresa tra i 30 e i 49 anni (62%);
  • le tipologie di violenza denunciate confermano l’ordine di prevalenza dell’anno precedente: violenza prevalente è quella fisica (49%), seguita da quella psicologica (38%), dallo stalking (6%); anche se la violenza psicologica accompagna tutte le forme di violenza;
  • il 56% delle donne si era già rivolto ad altri servizi prima di contattate il centro antiviolenza e, in diversi
  • il 52 delle donne che si sono rivolte ai CAV ha denunciato (6% in più rispetto al 2018). Solo il 2% dei casi ha ritirato la denuncia. La percentuale così alta evidenzia che le donne si sentono più “pronte” a denunciare quando adeguatamente sostenute, come nel caso dell’accompagnamento fornito dai cav;
  • la mancanza di lavoro è un problema per molte delle donne che subiscono violenza: Il 45% delle donne non ha occupazione mentre il 17,5% delle donne ha un’occupazione precaria. Il dato mette  in evidenza l’importanza delle misure messe in campo dalla regione Puglia per sostenere l’autonomia delle donne, compresa quella abitativa e il reinserimento socio lavorativo: oltre alle specifiche risorse trasferite ai Comuni e ai centri antiviolenza per il sostegno ai percorsi di autonomia, anche abitativa, i servizi sociali dei comuni possono richiedere direttamente l’accesso al reddito di dignità, misura regionale di contrasto alla povertà e all’esclusione,  al fine di sostenere in maniera tempestiva le donne che affrontano il percorso di liberazione dalla violenza;

    Harris Kamala

  • sono più di 100 le donne, quasi sempre seguite da figli minori, allontanate dalle loro abitazioni a causa della violenza intrafamiliare e inserite nelle case rifugio ad indirizzo segreto. 

Alcuni dati del fenomeno - Se nel 2019 sono state 2050 le donne rivolte a un CAV, i primi 8 mesi del 2020 sono stati 1.440 gli accessi e 892 i percorsi avviati (dati parziali perché mancano i dati di 3 cav) mentre sono 76 le donne messe in protezione con 73 minori. 

Sono 230 i percorsi di autonomia avviati e altri saranno avviati a breve grazie anche al fondamentale supporto delle misure economiche e di inclusione messe in campo dalla regione puglia.

La rete antiviolenza, 27 cav con 65 sportelli, 18 case fra prima e seconda accoglienza, non si è mai fermata, garantendo la continuità nell’ascolto, nella presa in carico e nella messa in sicurezza delle donne e dei loro figli. 

Strettissima è infatti la connessione tra violenza intrafamiliare e violenza assistita. I dati più significativi relativi alle forme di maltrattamento e violenza in danno delle persone minori per età, compresa la violenza assistita, sono contenute nel Manuale operativo, approvato con D.G.R. 1641/2020 in attuazione delle linee guida regionali, che fornisce a tutte le reti territoriali antiviolenza strumenti operativi e raccomandazioni specifiche, nel rispetto della Convenzione di Istanbul e delle norme nazionali e regionali di settore, per prevenire il fenomeno della “vittimizzazione secondaria” ovvero le forme di maltrattamento  istituzionale di cui spesso sono vittime le donne e i loro figli. 

donne stop

Al Manuale è allegato l’elenco dei Referenti della Rete dei Servizi territoriali che hanno partecipato alla formazione specialistica regionale e i contatti di tutti i Centri antiviolenza operativi nella regione, al fine di favorire le necessarie connessioni.

È in piena fase di attuazione il Piano integrato di interventi per il contrasto di tutte le forme di maltrattamento e violenza nei confronti dei minori (DGR 1608/2018), con una copertura finanziaria di c.ca 1,5 mln di euro, che prevede anche il sostegno concreto agli orfani speciali e alle loro famigli affidatarie.

linkedin sales navigator 46bom4lObsA unsplash

#non sei sola! - Vogliamo far sapere a tutte le donne che non sono sole, che la rete dei servizi antiviolenza è pienamente funzionante, pronta ad accogliere loro e le loro richieste, a fornire indicazioni, dare sostegno per individuare il percorso più adatto alle singole esperienze di vita, con l’obiettivo finale di liberare le donne dalla prigionia della violenza e supportarle nella costruzione della nuova vita.

#non sei sola! - E’ un modo per dare piena visibilità alla rete dei Centri antiviolenza, diffusa su tutto il territorio regionale, sostenuta da Regione Puglia, che per questa giornata, e per tutti i giorni dell’anno, lavora alacremente per essere sempre presente con servizi di qualità.

Le iniziative organizzate dai CAV per far conoscere la loro presenza sui diversi territori, sono numerosissime e davvero variegate. Sono state raccolte in un unico file e organizzate per data per facilitarne la lettura. Sono quasi tutte on line, a causa del distanziamento sociale, e per questo raggiungibili da chiunque voglia conoscere, partecipare, esserci. Dare visibilità alle iniziative dei CAV è riconoscere la loro centralità nella strategia regionale di prevenzione e contrasto alla violenza, così come rimarcato nella legge regionale n. 29/2014. 

donne generare culture

In occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, anche l’assessorato al Welfare del Comune di Bari, in collaborazione con la rete cittadina “Generare culture non violente”, impegnata a sensibilizzare la cittadinanza sulla condivisione di una cultura non violenta e rispettosa delle donne e delle differenze, promuove un palinsesto di appuntamenti online e di iniziative diverse da quelle degli ultimi anni, nel rispetto delle norme di distanziamento fisico previste.

Particolare importanza è stata attribuita alle iniziative che permettono di contrastare la violenza sulle donne nell’attuale periodo di emergenza sanitaria che incide sulla convivenza forzata anche in situazioni di forte conflitto.

Tra le attività previste quest’anno, il cui coordinamento è affidato al Consorzio Elpendù e alla cooperativa sociale Progetto Città nell’ambito del progetto Animazione territoriale, vi sono percorsi di formazione online, la costruzione collettiva di un palinsesto di contenuti e contributi che sarà divulgato attraverso i social e la realizzazione di una campagna di sensibilizzazione e informazione che vedrà il coinvolgimento di esercizi commerciali, librerie e farmacie della città di Bari.

bottalico fra

“Forse, quest’anno, il mese di sensibilizzazione sulla lotta alle violenze di genere è più importante del solito - ha commentato l’assessore al Welfare Francesca Bottalico - l’emergenza sanitaria ha infatti costretto molte donne alla convivenza forzata, cosa che ha purtroppo determinato un incremento di conflitti familiari. Allo stesso tempo da mesi si rivolgono in assessorato anche donne vittime di tratta oppure donne anziane o con disabilità vittime di violenza".

"Cerchiamo di rispondere - ha spiegato l'Assessore - con azioni politiche, sociali e culturali forti e diffuse sul territorio e il lavoro quotidiano portato avanti dalla rete di Generare culture non violente. Pertanto, in un contesto che inevitabilmente è condizionato dalle restrizioni anti-covid, abbiamo proposto dei percorsi di formazione specializzata, rivolti a più di 120 persone tra operatori e volontari, che forniranno strumenti adeguati a guidare e orientare al meglio eventuali vittime di violenza tra enti e istituzioni di supporto. Giorni fa abbiamo pubblicato il primo piano cittadino di contrasto alle discriminazioni e alle violenze omotransfobiche, un programma di azioni a sostegno delle vittime e delle loro famiglie, in particolare quelle che vivono in condizioni di difficoltà".

donne 1280x720

"In questi giorni, invece, abbiamo organizzato una campagna sociale, in collaborazione con la rete e i presidi del welfare, con cui diffonderemo i numeri utili per le richieste di supporto: lo faremo grazie alla collaborazione di pizzerie, farmacie, librerie, supermercati e altre attività. Il 25 novembre saranno distribuite delle bag assieme ai libri acquistati nelle librerie che aderiscono alla campagna, mentre un adesivo sarà applicato sui cartoni delle pizze e di altri cibi, per entrare in punta di piedi nelle case con la speranza che possa essere d’aiuto a quante più donne possibili”.

Donne1

In particolare, dal 23 al 25 novembre, sulla pagina facebook di Generare culture non violente, saranno pubblicati i contenuti ricevuti dalla rete di organizzazioni e di cittadine/i che hanno risposto all’appello lanciato nelle scorse settimane per costruire, insieme, un programma condiviso di eventi, riflessioni, testi, video e illustrazioni. Tantissime le realtà che hanno aderito inviando contributi realizzati anche nell’ambito di laboratori e incontri sul tema del contrasto alla violenza di genere con ragazzi/e, bambini/e e adulti.

Il 25 novembre la campagna di sensibilizzazione cittadina vedrà il coinvolgimento di librerie, esercizi commerciali e farmacie. Nel primo caso a chi acquisterà, in sede o a domicilio, un libro da una delle librerie della rete Bari Social Book, sarà donata una borsa in stoffa con i numeri utili per contattare il Centro antiviolenza comunale. Le librerie che finora hanno aderito sono Svoltastorie, Campus, Prinz Zaum, Feltrinelli, Laterza, Quintiliano, MobyDick, Giunti - Japigia, Libreria Roma, Spine.

AdP donne1

Nel secondo caso, invece, sempre il 25 novembre, sui cartoni delle pizze, sugli imballaggi per i take away e sulle buste delle farmacie baresi, aderenti a Federfarma, saranno apposti adesivi con i numeri utili da contattare per ricevere sostegno e aiuto. Tra i ristoratori che finora hanno aderito: Pizzeria San Francesco, Negozio Pan per Focaccia, Bar e ristorante Buo', Mamapulia Food&drink, Ristorante Piccinni28, Ristorante La Battigia, Ristorante Frulez, Pizzeria Grotta Bianca Palese, Panificio Violante, Bar Viola, Pasticceria Boccia, Un solo mondo Commercio equo e solidale.

Per quanto concerne la formazione, è partito il 17 novembre il corso specialistico online “Rafforzare la non violenza” che proseguirà sino al 27 novembre rivolgendosi ad assistenti sociali, operatori e operatrici sociali e della scuola, psicologi, sindacati, educatori ed educatrici, personale sanitario.

Il corso, finanziato con i programmi Antiviolenza della Regione Puglia e organizzato dal Centro antiviolenza del Comune di Bari in collaborazione con il Centro Antiviolenza “Paola Labriola”, si pone l’obiettivo di fornire adeguati strumenti d’intervento nelle situazioni di maltrattamento e violenza attraverso un approccio integrato al fenomeno della violenza in relazione agli aspetti culturali, sociali, psicologici, giuridico-legali.

Dal 19 al 30 novembre, inoltre, a cura dell’assessorato al Welfare e del Centro antiviolenza comunale,  si terrà il corso base “Prevenzione e contrasto della violenza di genere”, rivolto a operatori e operatrici, volontari e volontarie al fine di sostenere l’impegno di chi opera sul campo impegnandosi quotidianamente per arginare il fenomeno della violenza domestica, aggravatosi durante il periodo del lockdown.

A tali iniziative si aggiungerà, nelle prossime settimane, l’attivazione di nuovi sportelli antiviolenza e antidiscriminazione in tutti i Municipi cittadini oltre all’avvio delle attività della Casa di Comunità rifugio contro l’omofobia.    

(gelormini@gmail.com)

----------------------- 

Pubblicato sul tema: Covi-19, le imprese femminili baresi resistono alla pandemia

                                    'Basta, io no!!' Un video per essere socialmente protagonisti del cambiamento'

Commenti
    Tags:
    non sei solasola giornata mondiale internazionale violenza donnejoe bidenkamala harriscomune bari regione puglia
    i blog di affari
    Lilli Gruber: ‘’I giornalisti di oggi si credono degli eroi"
    Mariagloria Fontana
    Morisi, la Bestia e la gogna. "È la stampa bellezza..." ma coi social peggio
    L'opinione di Maurizio De Caro
    Green Pass, Schilirò sarà ricordata nella lista di donne e uomini liberi
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    i più visti


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.