A- A+
PugliaItalia
Nuovo Ospedale di Taranto approvato progetto definitivo

Concluso l’iter procedurale che consentirà alla Asl di Taranto di pubblicare - già a gennaio - la gara per la realizzazione del nuovo ospedale “San Cataldo”. Sono state infatti acquisite le autorizzazioni necessarie per l’approvazione del progetto definitivo della nuova struttura ospedaliera.

La conferenza dei servizi convocata dalla Asl Taranto e alla quale hanno partecipato diversi enti  (tra cui Comune di Taranto, Provincia di Taranto, Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia, concessionari di servizi pubblici), fornendo le relative autorizzazioni, ha segnato un importante passo in avanti, per la realizzazione dell’opera, nel rispetto del cronoprogramma sottoscritto tra la Regione Puglia e la Asl di Taranto ad agosto 2014.

Il nuovo ospedale “San Cataldo” di Taranto rappresenta il più grande investimento infrastrutturale ed edilizio del servizio sanitario regionale pugliese degli ultimi decenni per un costo complessivo di 207 milioni di euro, di cui circa 140 milioni a valere sul Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) 2007/2013 - Accordo di Programma Quadro “Benessere e Salute” e i restanti a carico del bilancio regionale.

emiliano gorgoni
 

Il nuovo ospedale sarà realizzato in accordo ai più recenti standard in materia di edilizia sanitaria, sarà dimensionato per contenere 715 posti letto per degenza, oltre 24 posti letto tecnici, e sarà dotato di 19 sale operatorie, 60 ambulatori e 28 sale per la diagnostica. L’area interessata dall’opera, alla periferia orientale di Taranto, è estesa per circa 226 mila metri quadri al fine di consentire la realizzazione di un congruo numero di posti auto (oltre 2000) ed idonei spazi per la viabilità interna, il verde e la gestione di flussi distinti di pazienti, operatori, merci e mezzi di vario tipo. All’acquisizione delle tecnologie sanitarie e delle grandi macchine (TAC, risonanze, ecc.)  si procederà in prossimità della conclusione dei lavori al fine di assicurare gli ultimi standard tecnologici. Per la realizzazione dell’opera sono stati previsti quattro anni e mezzo.

“Il progetto di realizzazione del nuovo “San Cataldo” entra nella fase di cantierabilità – dice Michele Emiliano, Presidente della Regione Puglia –  il progetto prevede la realizzazione di un’opera sanitaria di spiccato interesse per tutta la Regione. Sono certo che a trarne vantaggi in termini di risposte di salute non sarà soltanto il territorio tarantino”.

“Questa è la sanità che vogliamo - fa eco Giovanni Gorgoni, Direttore del Dipartimento Salute - abbiamo bisogno di grandi ospedali in grado di servire, nella maniera più efficace possibile, un’ampia area di riferimento. Il nuovo ospedale di Taranto rappresenta un tassello importante della nuova rete ospedaliera regionale. A gennaio sarà pubblicata la gara per la realizzazione dell’opera: il rispetto del crono programma sarà  una nostra priorità”.

(gelormini@affaritaliani.it)

----------------------------

Giaà pubblicato: Voglio darle nuova dignità"">Emiliano: "Sanità meridionale. Voglio darle nuova dignità"

Tags:
tarantoprogettoospedaleapprovatoregioneemilianogorgoni
i blog di affari
Il Tribunale di Lecce annulla cartella da 130.000 mila euro
Ginevra, un melting pot newyorchese nella piccola Svizzera
di Leone Ronchetti
Green Pass, i tesserati ignorano che è un dispositivo di controllo biopolitico
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.