A- A+
PugliaItalia
Olio, allarme importanzioni 35mila tnl. dalla Tunisia

Il Presidente della Coldiretti Puglia, Gianni Cantele, commenta quanto emerso nel corso del gruppo di lavoro "Olio di oliva" del Copa-Cogeca, il Comitato delle organizzazioni professionali agricole dell’Unione europea: “Non era infondata la nostra preoccupazione circa i piani della Commissione europea di aumentare in maniera significativa i contingenti d’importazione in franchigia doganale per l'olio di oliva tunisino. Oltre all’accesso di quantitativi immessi sul mercato, che andranno certamente a procurare un danno sul fronte commercializzazione  e prezzi del prodotto pugliese, è assurda la volontà di allargare la proposta a tutti i tipi di olio di oliva tunisino, per cui non devono essere rispettati i requisiti ambientali e fitosanitari rigidi cui i prodotti europei devono attenersi, immettendo sul mercato italiano prodotto di discutibile qualità e sicurezza alimentare e creando una evidente quanto sleale concorrenza”.

cantele2
 

"La proposta della Commissione europea - aggiunge Cantele - è volta ad accordare alla Tunisia un accesso temporaneo supplementare al mercato europeo. Con un contingente d’importazione in franchigia doganale di 35.000 tonnellate di olio di oliva all'anno, per un periodo di due anni, mentre abbiamo un'offerta sufficiente di un prodotto europeo di qualità sul mercato dell'UE”.

“E’ più che mai urgente togliere il segreto sulle importazioni di materie prime alimentari dall’estero - denuncia il Direttore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti - perché sapere chi sono gli importatori e quali alimenti importano rappresenta un elemento di trasparenza e indubbio vantaggio per i consumatori e per la tutela del ‘Made in Italy’ agroalimentare. Il flusso ininterrotto di prodotti agricoli che ogni giorno dall’estero attraversano le frontiere serve a riempiere barattoli, scatole e bottiglie da vendere sul mercato come Made in Italy. Nel corso dell’ultimo decennio le importazioni complessive di oli di oliva in Puglia sono cresciute più rapidamente delle esportazioni, confermando il sostanziale deterioramento della posizione competitiva della filiera pugliese sui mercati esteri. Le importazioni complessive di oli di oliva ammontano in media a circa 87.000 tonnellate, di contro le esportazioni si aggirano sulle 38.000 tonnellate”.

olio d'oliva ape
 

Gli oli stranieri vengono importati principalmente da Spagna, Grecia e Tunisia, acquistati a prezzi più bassi rispetto al prodotto regionale e utilizzati dagli imbottigliatori per l’ottenimento di blend con oli regionali.

In Puglia si stima per la campagna olivicola 2015/2016 una produzione sui 170.000 q.li (- 8% rispetto alla media) e di qualità eccellente, in particolare la produzione olivicola nelle aree di Bari. BAT e Foggia e una produzione del genere va assolutamente tutelata e messa in protezione rispetto al mercato parallelo di oli d’oliva, provenienti magari da migliaia di chilometri di distanza, spesso sofisticati, spacciati per prodotti di qualità, quando di qualità non sono, utilizzando il marchio ‘Made in Italy’, a danno dell’imprenditoria agricola pugliese e dei consumatori. La PLV (Produzione Lorda Vendibile) del comparto olivicolo-oleario è pari al 20% della totale PLV del settore agricolo, per un valore di 600 milioni di euro, così come il comparto partecipa alla composizione del Prodotto Interno Lordo dell’intera ricchezza regionale per il 3%.

Anche dal gruppo di lavoro è emersa la necessità che “Siano prese misure per lottare contro la Xylella fastidiosa negli oliveti. Si tratta di una malattia estremamente grave e occorre intensificare la ricerca per eradicarla. In aggiunta, gli agricoltori che devono applicare misure di eradicazione devono ottenere un compenso per le perdite di reddito di modo che possano attraversare questo periodo difficile".

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
oliotunisiaimportallarmecoldiretti
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.