A- A+
PugliaItalia
Pergamene: Exultet 1 e Benedizionale di Bari Analisi del passato e strumenti del futuro

Exultet iam angelica turba caelorum:
exultent divina mysteria:
et pro tanti Regis victoria tuba insonet salutaris.
Gaudeat et tellus tantis irradiata fulgoribus:
et, aeterni Regis splendore illustrata,
totius orbis se sentiat amisisse caliginem.
Laetetur et mater Ecclesia,
tanti luminis adornata fulgoribus:
et magnis populorum vocibus haec aula resultet.

Exultet manif
 

Esulti il coro degli angeli,
esulti l'assemblea celeste:
un inno di gloria saluti il trionfo del Signore risorto.
Gioisca la terra inondata da così grande splendore;
la luce del Re eterno ha vinto le tenebre del mondo.
Gioisca la madre Chiesa, splendente della gloria del suo Signore,
e questo tempio tutto risuoni
per le acclamazioni del popolo in festa.

"Rinuncerei a tutta la mia musica pur di aver composto l'Exultet", ebbe modo di affermare il più grande compositore di tutti i tempi, Wolfgang Amadeus Mozart.

Il canto e la lode che continuano ad essere tramandati attraverso queste straordinarie testimonianze di fede, di spessore culturale, di tradizione, di storia e di creatività artistica medievale - frutto dell'incessante attività di studio, di conservazione e di valorizzazione perseguita dai Benedettini - oggi sono affidati agli strumenti del futuro, per una serie di analisi capaci di rivelarci aspetti ancora nascosti di tali e tanti scrigni di incommensurabile bellezza.

Il Seminario di Studi del Museo Diocesano di Bari - 6 aprile 2016 - su "Le indagini scientifiche sull'Exultet 1 e sul Benedizionale di Bari", mira ad evidenziare il lavoro effettuato dai laboratori dell'Università degli Studi "A. Moro" di Bari, per approfondire conoscenza materica, dei rotoli presi in esame, e nuove e moderne tecniche di conservazione e valorizzazione del patrimonio storico-artistico, attraverso una maggiore e più specifica conoscenza dei materiali utilizzati per produrli.

L'occasione per mettere a confronto metodi di indagini e tecniche di ricerca, ma anche modelli di tutela e fruibilità dei patrimoni museali, oltre a prospettive di comunicazione e fruibilità in generale.

Il risultato di una di un'azione congiunta tra il Direttore del Museo Diosano di Bari, don Michele Bellino, e i ricercatori dell'Università e del Laboratorio di ricerca per la Diagnostica dei Beni Culturali.

Dal video sull'Exultet 1 di Bari alla caratterizzazione chimica dei supporti pergamenacei e dei leganti pittorici, alle tecniche spettroscopiche per lo studio dei pigmenti, l'appuntamento si prospetta di sicuro interesse e opportunità di approfondimento scientifico non usuale.

Ai saluti degli organizzatori e dei protagonisti istituzionali dell'iniziativa, seguirà l'apertura degli interventi del prof. Ulderico Santamaria del Gabinetto Ricerche Scientifiche Città del Vaticano - Università della Tuscia. Mentre le conclusioni saranno affidate a Mons. Francesco Cacucci, Arcivescovo di Bari-Bitonto.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
exultetpergamenebenedizionalepassatofuturo
Loading...
i blog di affari
Casaleggio e i 5Stelle: quel sospetto sulle ricandidature
Premio Golia 2021: straordinaria partecipazione
Laurea bruciando i tempi? Prima bisogna risvegliare la passione per la cultura
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.