A- A+
PugliaItalia
Petrolio, braccio di ferro Eni Spa - Regione Puglia

di Nino Sangerardi

Deciderà il Tar di Lecce: è qui che Eni spa ha depositato il ricorso contro la Giunta regionale pugliese.  Motivo? Gli avvocati dell’Ente Nazionale Idrocarburi si oppongono alla scelta di Presidente e Assessori della Regione Puglia: chiedere il riesame del decreto ministeriale n.573/2011.

Il decreto firmato dal Ministero dell’Ambiente, che rilascia  parere favorevole - con prescrizioni di compatibilità ambientale - al  ”Progetto Tempa Rossa, stoccaggio del greggio in raffineria (proprietà dell’Eni, ndr) di Taranto”.

I vertici politici della Puglia auspicano la revisione del provvedimento, a fronte di quanto sottoscritto da Arpab e Servizio rischio industriale regionali:  “... osservazioni in merito al rischio di incidenti rilevanti...tenuto conto sia del bacino portuale sia delle interazioni con il trasporto merci pericolose via mare, stante il Piano di emergenza nucleare”. A difendere la Regione sarà verosimilmente l’avvocato interno Anna Bucci.

temparossa corleto
 

L’intervento del Gruppo Eni prevede l’aumento della capacità di movimentazione del greggio, la messa in opera di due serbatoi grandi 180.000 metri cubi, l'edificazione di due nuove aree di pompaggio per la spedizione del petrolio proveniente da Tempa Rossa e Val d’Agri (giacimenti situati in Basilicata) al nuovo pontile, la realizzazione infine di un impianto di pre-raffreddamento.

Grazie alla costruzione delle infrastrutture petrolifere è previsto l’incremento, nella Città ionica, di trecento nuovi posti di lavoro e un traffico di 90 navi in più ogni anno.

Tempa Rossa è il Centro Olio dove, a metà anno 2016, si accumulerà innanzittutto petrolio: 50 mila barili al giorno, estratti da 8 pozzi, per convogliarli - tramite 194 km di oleodotto - alla raffineria Eni di Taranto, che si trova a Corleto Perticara, provincia di Potenza. Gestito dalla società J.V.Gorgoglione, i cui proprietari risultano essere le multinazionali Total (50%), Shell(25%) e Mitsui E&P Italia srl (25%).

L’investimento complessivo è pari a 1,6 miliardi di euro. Il giacimento lucano è stimato pieno di 550 milioni di barili petrolio equivalente, di cui 440 milioni recuperabili.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
eniregione pugliatarantotempa rossapetrolio
i blog di affari
Zaino sospeso: l'iniziativa continua
Vaccino, Camilla Canepa morta: cade la formula "nessuna correlazione"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
la nomina dell'esperto per il risanamento aziendale (2)
Angelo Andriulo
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.