A- A+
PugliaItalia
Pietro De Sarlo, il suo ‘noir’ pungente sulla Via della Seta

Ancora la Basilicata sullo sfondo del nuovo ‘noir’ di Pietro De Sarlo ‘Dalla parte dell’assassino’ - Altrimedia Ed., 2020 e ancora il petrolio al centro della storia avvincente e intricata, che coinvolge e travolge l’establishment di un Paese che ha consolidato un modo d’intendere il ‘mutuo soccorso’ più vicino alle trame massoniche o mafiose, che a quello evangelico dell’Ama il prossimo tuo come te stesso.

De Sarlo copertina

Un noir che potremmo definire ‘pungente’, per come si dipana tra un assassinio e l’altro - tutti eccellenti - e che i moderni riverberi trascinatori delle piattaforme mediatiche fanno presto a trasformare e consacrare in “medaglie al merito”, per quella sorta di giustiziere provvidenziale che si cela nel mistero.

All’origine o alla base della vicenda gli effetti disastrosi del blocco e delle deviazioni attuati sul progetto ambizioso ed affascinante de “Le Vie della Seta”: che, nella scia delle prospettive aperte - a suo tempo - da Marco Polo, tornava a far puntare le attenzioni della Cina verso l’Adriatico e il porto di Taranto, provocando la levata di scudi da parte dei tedeschi e degli olandesi, che monopolizzano tuttora i traffici portuali nel Nord Europa.

De Sarlo3

Economia, politica, corruzione, depravazione, cinismo, avidità e sete di potere, frammisti a debolezze, passioni, frustrazioni, tradimenti e dipendenze d’ogni genere sono gli scenari in cui il commissario Achille Schietroma, del Tuscolano X a Roma, si trova a operare: in un quadro deplorevole, ma alquanto realistico di un’Italia che non cambia e che già Dante Alighieri aveva avuto modo di descrivere nella sua celebre invettiva: “Ahi serva Italia, di dolore ostello/nave senza nocchiere in gran tempesta/non donna di provincie, ma bordello!” (Purgatorio, canto VI, vv. 76-78).

Il tono dell’autore resta asciutto e denso di malcelata ironia: una combinazione alquanto efficace, quasi quanto il veleno utilizzato dal serial killer, per mettere a nudo intrighi e ricatti, che da sempre segnano la governance di questo Paese, sia essa politico-istituzionale, industriale, finanziaria o socio-spirituale.

Grande capacità di sintesi nel delineare i tratti dei protagonisti e la piega delle situation-tragedy, che di volta in volta aprono il sipario sul delinearsi della trama, che già in apertura si concretizzano in due stoccate: il saluto deferente e avvelenato al Monsignore, prima vittima designata, e la presentazione dello stesso in 3 pennellate: fetente, stronzo, con la zimarra.

Per una volta Achille ed Ettore - i nomi del commissario e del suo Questore - sono dalla stessa parte e un legame di vecchia data e di giovanile amicizia, ne rinsalda il comune tentativo di far luce sull’inquietante succedersi di omicidi e sull’Apocalisse, col suo Angelo Sterminatore, che sembra improvvisamente arrivata: sul Maestro - cultore e appassionato di libri, pergamene e documenti storici - e i suoi accoliti; sulle relazioni compromettenti e la spregiudicatezza imperante; sui favoritismi interessati e le ipocrisie professionali più o meno sottaciute; sugli stessi equilibri famigliari del commissario Schietroma e i rapporti interni alle Forze dell’Ordine.

Curaro

Insomma, uno spaccato dell’Italia che ben conosciamo e che non finisce mai di sorprenderci: nei suoi risvolti più abietti, così come nelle sue impennate reattive più dirompenti. In cui la lotta di omerica memoria, sotto le mura dell’antica Troia, sembra trasferirsi nei contesti contrapposti di un’epica più moderna: tra la drammatica concretezza delle morti eccellenti e la virtualità meschina di un tifo tutto ‘emoticon’; tra le due facce di un Ulderico bifronte (come le immagini dei tarocchi), alle prese con la bellezza dell’arte e le bassezze del potere; tra la realtà del veleno conservato in pacchetti di Marlboro e la finzione ‘tutta fumo’ di una sigaretta elettronica, il cui vero antidoto, per Achille Schietroma, porta persino il nome di un famoso tabacco: quello della moglie Virginia.

Una narrazione fantastica, basata su fatti di cronaca politica e finanziaria internazionali. Un ambiente piuttosto conosciuto dall’autore - anche nelle pieghe più segrete - che lo utilizza con maestria, rendendo la lettura del romanzo intrigante e scorrevole. In definitiva, ancora un brillante colpo a segno, per il Pietro De Sarlo scrittore.

(gelormini@gmail.com)

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    pietro de sarlonoir pungente parte assassino via setamarco polocina taranto porto tedeschi olandesi
    Loading...
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Mario Picozza, Presidente di ANDeA, lancia un appello per la Dermatite Atopica
    Greta V. Galimberti - Trendiest
    Numeri milionari, tre giovanissimi doppiatori italiani si laureano “webstar”
    Francesco Fredella
    Sciami di robot guidati dall'uomo per creare composizioni pittoriche
    di Maurizio Garbati
    i più visti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.