A- A+
PugliaItalia
Polignano (Ba), il M5S denuncia: 'Pericolo infiltrazioni mafiose'

A febbraio 2016 i due parlamentari 5 Stelle, Giuseppe L’Abbate ed Emanuele Scagliusi, alla luce della relazione della Direzione Nazionale Antimafia redatta dal Procuratore nazionale, Franco Roberti, richiamavano il Sindaco del Comune di Polignano (BA), Domenico Vitto (PD), ad un dibattito pubblico per illustrare quali iniziative la sua Amministrazione stesse mettendo in atto "Per evitare che il comune costiero barese perdesse il suo status di 'isola felice' e per contrastare concretamente il pericolo di infiltrazioni della malavita organizzata nel proprio territorio e nel tessuto produttivo e imprenditoriale".

L'Abbate Giuseppe M5S
 

Secondo la nota diffusa dal M5S: "Neppure l’intercettazione diffusa dalla polizia tra Michele Parisi e Donato Catinelli, ritenuto il “referente locale” del clan Parisi, e gli sviluppi dell’operazione “Do ut des” sorbirono effetti sulla Giunta Vitto che, di contro, ventilò la minaccia di querele nei confronti della stampa e dei deputati 5 Stelle rei, a suo dire, di aver 'macchiato l’immagine di Polignano' ".

“Polignano, in realtà, perde fascino e attrattiva turistica se non risponde duramente e in maniera ferma e decisa dinanzi a queste minacce della malavita - dichiara il deputato Giuseppe L’Abbate (M5S) - e alla luce delle ultime vicende, diviene ancor più impellente e non procrastinabile l’organizzazione di un consiglio monotematico su ciò che l’Amministrazione e il Comune di Polignano intendono mettere in campo, per scongiurare il pericolo che la mafia barese allunghi le proprie grinfie sul nostro territorio".

Vitto ANCI5
 

"Una richiesta che torniamo a chiedere - ribadisce il deputato pentastellato - in maniera ufficiale, attraverso la nostra portavoce cittadina Maria La Ghezza (M5S). Lo reclamiamo oramai da più di un anno e mezzo: la realtà continua a darci tristemente ragione mentre il Sindaco Vitto preferisce fare orecchie da mercante".

Polignano M5S
 

"Al consiglio monotematico - prosegue il deputato 5 Stelle - sarà importante la presenza del procuratore Isabella Ginefra, responsabile della Direzione Nazionale Antimafia per il nostro territorio. Sempre se Vitto vorrà mantenere fede alla parola data ai commercianti della località di San Vito di fornire il massimo dell’assistenza".

"Altrimenti, come è accaduto nel 2016 - conclude L’Abbate (M5S) - saremo costretti nuovamente noi come forza di opposizione ad organizzare un dibattito pubblico cittadino per affrontare la questione. Le inchieste, infatti, proseguono ma da Palazzo di Città urgono risposte e prese di posizione decise e chiare: Vitto da che parte sta?”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
polignano infiltrazioni mafiose mafiadomenico vittosindacodeputati m5sgiuseppe l'abbateemanuele scagliusipuglia
Loading...
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Ecco la prima convention di APIT "Tutela e difesa Partite Iva"
Maltrattamenti in famiglia, lo sono anche gli schiaffi educativi ai figli?
di Federica Mendola
La Rivelli offende la d’Urso, un gesto che non ci lascia “Muti”
Rudy Cifarelli
i più visti

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.