A- A+
PugliaItalia
Puglia: Il desk della creatività Leader dell'industria culturale

“Per un impegno quasi concomitante a questo avevo deciso di non partecipare a questo incontro. Poi ho letto sui giornali di oggi il racconto a me sconosciuto del mio stato d’animo, il leader depresso pronto ad andarsene in Canada, e ci ho ripensato”.

Così il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola intervenendo presso la sede del Cineporto di Bari, insieme con l’assessore alla Cultura, Mediterraneo e Turismo Silvia Godelli, all’evento di lancio del “Creative europe desk media Italia”.

“Siamo nel Cineporto – ha spiegato Vendola – uno dei luoghi più emblematici di una stagione di cambiamento, a parlare di un argomento che all’inizio era oggetto di ironie e incredulità. Creatività e industria sono sempre apparse due parole antitetiche”.

Secondo il Presidente della Regione Puglia “l’industria culturale, soprattutto nell’ultimo ventennio, visto il contesto politico-culturale in cui abbiamo vissuto, sembrava essere un ossimoro, un matrimonio impossibile, inibito quasi per ragioni ontologiche”.

“Oggi – ha continuato Vendola – facciamo un passo in avanti proprio in direzione della promozione dell’industria culturale. C’è stato, ovviamente un pregiudizio costruito scientificamente nei confronti degli investimenti in cultura, ma talvolta, tale investimento è sembrato più propedeutico alla celebrazione della politica e del potere. Quindi, bisogna guardare sempre con molta attenzione a come vengono spesi i soldi e su che modello di progettazione".

tavolo Cineporto Vendola
 

"Noi abbiamo voluto effettivamente cimentarci non con il carosello degli eventi, in una specie di permanente autocelebrazione di una classe dirigente, ma abbiamo voluto piantare i semi di una industria dell’audiovisivo, di una industria culturale, che è stata accompagnata dalla performance straordinaria di Apulia Film Commission, dallo sviluppo dei Festival a partire dal BiFest, cioè da un insieme di operazioni che hanno avuto un grande significato economico e civile”.

Lo sportello rappresenterà per i prossimi 7 anni un importante leva di sviluppo delle imprese culturali e audiovisive meridionali in quanto promuoverà e faciliterà l’accesso delle imprese e degli operatori del settore ai finanziamenti comunitari all’interno del programma Creative Europe.

“Il Desk – ha concluso il Presidente – renderà sempre più effettivo il lavoro che poteva apparire soltanto come un annuncio retorico. Noi stiamo lavorando a irrobustire e strutturare il distretto della creatività; lo facciamo in sintonia con la più ardita programmazione europea e lo facciamo cercando, soprattutto, di immaginare il the day after, quando si dovrà valutare se i soldi europei sono stati spesi bene e se hanno prodotto dei risultati. Quello che accade è uno dei motivi per cui il vostro Presidente non è né depresso, né ha fatto le valige e non ha nessuna voglia di andare a vivere in un altro posto che non sia questo”.

“Il Desk della Creatività – ha commentato l’Assessore Godelli – è a servizio delle Regioni del Sud Italia per lanciare i nuovi programmi europei a sostegno dell’impresa creativa. Naturalmente la Puglia, si presenta come capofila perché ha il Distretto della creatività e una politica molto evoluta, per cui speriamo e pensiamo di poterla condividere con tutti gli altri nostri partner meridionali”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
vendolagodelliculturadeskcreativitàpuglia
i blog di affari
Covid, la scienza ideologica al soldo del potere dei gruppi dominanti
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, così otteniamo diritti e libertà già garantiti dalla Costituzione
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Sindacalista ucciso, la solitudine dei lavoratori nello spirito del tempo
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.