A- A+
PugliaItalia
'Race for the Cure 2017': Sport, Salute, Benessere e Solidarietà

Presentate tutte le iniziative dedicate a salute, sport, benessere e solidarietà, in programma per la XI edizione della Race for the Cure, organizzata dall’associazione Susan G. Komen Italia, da sempre impegnata nella lotta ai tumori del seno. Al via i primi appuntamenti che culmineranno domenica 28 maggio con la tradizionale corsa di 5 chilometri e la passeggiata di 2 chilometri.

Race logo2017.jpg
 

Alla presentazione sono intervenuti il sindaco Antonio Decaro, Vincenzo Lattanzio, presidente del comitato regionale Puglia Susan G. Komen Italia,  gli assessori comunali al Welfare, Francesca Bottalico, e allo Sport, Pietro Petruzzelli, i rappresentanti di enti e istituzioni che sostengono l’evento,  le testimonial delle “Donne in rosa” e Titti De Simone, che ha portato i saluti del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano.

“Bari può considerarsi ormai una capitale della corsa podistica e dei runner e la Race for the cure è uno degli appuntamenti più importanti. - ha detto il sindaco Decaro - la Race è simbolo importante di sport, di voglia di stare insieme e di benessere, ma non solo: per l’amministrazione è rappresenta anche un momento per riflettere di quanto sia importante la prevenzione per vincere le patologie oncologiche, con un riferimento particolare al tumore al seno. Quindi, oggi mi sento di ringraziare la Komen per aver organizzato per l’undicesima volta la Race for the Cure qui a Bari, sono ormai passati 10 anni e la corsa è ormai in discesa, nel senso che diventa sempre più facile da organizzare grazie ai molti sponsor, locali, nazionali e internazionali coinvolti nell’evento".

Image 142803134
 

"Oggi da sindaco voglio ringraziare tutti - ha aggiunto Decaro - dai volontari, agli organizzatori, agli sposor e alle istituzioni coinvolte, così come ringrazio il professor Lattanzio perché tutti iniseme hanno avuto il merito di puntare l’attenzione sulla prevenzione di una malattia importante come il tumore al seno, impegnandosi anche quotidianamente per sostenere le persone ammalate, assicurando anche supporto psicologico alle famiglie di quelle persone. Mi auguro quindi che la manifestazione abbia il massimo successo, con la certezza che il fiume rosa di persone, ancora più numeroso rispetto agli anni precedenti, invaderà le strade della città".  

“Il mio ringraziamento speciale per la realizzazione della Race for the Cure - ha spiegato Lattanzio – va ai volontari della Komen, ragazzi meravigliosi senza i quali tutto questo non si sarebbe potuto realizzare. Le donne in rosa sono l’anima di questa manifestazione, che vuole sensibilizzare quante più persone possibile sul tema della prevenzione dei tumori al seno. Non mi stancherò mai di dire che, con una diagnosi precoce, si ha oltre il 90% di possibilità di guarigione con cure meno invasive. I progetti che noi finanziamo si caratterizzano per essere un sostegno concreto alle donne coloro che devono intraprendere loro malgrado un breve ma scuro periodo. Voglio però segnalare che, a fronte di tante positività riscontrate nel corso degli ultimi anni nella lotta contro una malattia terribile, purtroppo il nostro Policlinico, sede di un’eccellenza riconosciuta a livello nazionale nella cura di queste patologie, è stato depotenziato senza motivo”

Race.gara  2
 

“Siamo particolarmente orgogliosi - ha detto l’assessore Bottalico - di ospitare questa manifestazione, che per noi non è soltanto una festa o un appuntamento dedicato agli sportivi, ma un momento di prevenzione. Molte donne, per paura, per problemi economici, fino a qualche anno fa avevano difficoltà ad avvicinarsi al mondo della prevenzione. Adesso invece, aspettano con fiducia e serenità l’appuntamento con gli screening e gli esami clinici. Abbiamo coinvolto già 100 donne, che tra domani e lunedì prossimo, avranno la possibilità di fare esami di prevenzione. Un ringraziamento va ai medici che aiuteranno e saranno vicini a queste donne. La Race è un grande successo, ottenuto grazie al coraggio e alla passione che unisce questo gruppo”. 

L’assessore Petruzzelli ha commentato così gli appuntamenti in programma: “La Race è una manifestazione con tanto sport, che parte dalla corsa ma comprende una serie di eventi collaterali che comprendono la vela e il paddle-surf, il tutto inserito in una cornice di solidarietà. In questo quadro il colore predominante è il rosa, le donne in rosa, un colore che l’intera comunità barese, ne sono certo, saprà ammirare in questo bel fine settimana”.

race for the cure
 

Angela Maria Guerrieri senologa e coordinatrice del Villaggio della Salute ha ricordato che: “All’interno del Villaggio saranno a disposizione medici specialisti, che forniranno informazioni e offriranno sostegno a  tutte le donne che ci faranno visita nei tre giorni di apertura. Ricordo infine che abbiamo predisposto una sala conferenze adatta a incontri, aperti a tutti, con esperti del settore sulle nuove terapie per combattere il tumore alla mammella. Lunedì 29 infine, a Japigia nel teatro Team ci sarà un’estensione dell’iniziativa di screening, con un progetto di Komen dedicato alle donne disagiate del quartiere, insieme al Municipio e alle scuole”.

Lettieri presid
 

Ha partecipato alla presentazione anche Luigi d’Ambrosio Lettieri, presidente dell’Ordine dei Farmacisti Bari e Bat e componente Commissione Sanità del Senato: “L’appuntamento annuale della tre giorni organizzata dalla Susan G. Komen Italia a Bari segna un percorso prezioso in cui istituzioni, operatori sanitari, imprese, volontari e pazienti corrono insieme per raggiungere un obiettivo comune: testimoniare l’importanza della prevenzione nella lotta ai tumori, in particolare al seno e mettere in campo azioni adeguate perché diagnosi precoce, cura e riabilitazione, possano trovare concreti ed efficienti canali di applicazione".

"Cosa che, purtroppo - ha precisato Lettieri - non è, perlomeno non in modo uniforme sul territorio nazionale. Infatti, il numero di breast unit attualmente operative su tutto il territorio italiano è inferiore rispetto al numero di Centri attivabili secondo i requisiti previsti dalle direttive europee. Non tutte le Regioni le hanno attivate e vi sono disparità soprattutto tra Nord e Sud. E’ un fatto inaccettabile che deve essere affrontato urgentemente con interventi adeguati, così come vanno promosse tutte le iniziative più opportune al fine di includere nel programma di screening previsto dal Sistema Sanitario Nazionale anche le donne con un’età a partire da 25 anni (cui garantire visite specialistiche ed ecografie) e le donne con un’età a partire da 40 anni, cui garantire anche la mammografia. Il tumore alla mammella, aumentato del 30% tra le giovani fino a 50 anni di età, rappresenta il big killer delle donne".
Image1288299915
 
 
"Gli investimenti economici - ha proseguito d'Ambrosio Lettieri - che dovrebbero essere messi in conto per ampliare la fascia di età delle persone coinvolte nello screening gratuito garantito dal Servizio Sanitario Nazionale sarebbero assolutamente inferiori alle risorse che la malattia neoplastica richiederebbe in termini di assistenza e cura dei pazienti. Fermo restando che nessun conto economico vale più di una vita umana".
 
"In questa direzione va la mozione che ho presentato in Senato e che è stata approvata qualche settimana fa all’unanimità da tutte le forze politiche", ha ricordato il senatore di Direzione Italia, "Mi auguro possa rappresentare un passo concreto in avanti verso una scelta di civiltà che veda attivati i centri di senologia e le relative reti in tutte le regioni, compresa la Puglia. Come pure ritengo che vadano previste anche adeguate campagne di informazione e di prevenzione sul tumore alla mammella nell’uomo".
 
"Vorrei sottolineare, infine, anche l’impegno dei farmacisti nella lotta al cancro e nella educazione alla prevenzione. Saranno al fianco di Komen in queste giornate, come sono al fianco dei cittadini tutto l’anno attraverso la rete capillare delle farmacie presenti sul territorio, prima interfaccia del cittadino con il Ssn e un modello assistenziale orientato alla promozione attiva della salute”.
race bari2017
 

Gli appuntamenti nel dettaglio:

Venerdì alle 15 l'apertura del Villaggio Race in piazza Prefettura a Bari: saranno tre giorni per ribadire l'importanza della prevenzione nella lotta dei tumori promossa dalla Susan G. Komen Italia.

In Italia la Susan G. Komen ha investito 13 milioni di euro per finanziare oltre 700 progetti finalizzati al miglioramento della qualità delle cure e all'informazione sulla prevenzione, organizzando oltre 1.250 seminari in 108 città italiane. A Bari l'obiettivo è quello di superare il record di presenze dello scorso anno, quando oltre 16 mila persone animarono il Villaggio Komen di piazza Prefettura.

Sabato 27, per tutto il giorno, saranno  effettuati con l'Unità Mobile della Susan G. Komen Italia, esami diagnostici  e visite specialistiche per la prevenzione secondaria dei tumori del seno ed ecografie internistiche alla tiroide e addome a donne in condizioni disagiate selezionate dai servizi sociali.

Nell' area conferenze terranno sessioni scientifiche e formative aperte al pubblico sul tema "Combattere il Tumore della mammella: le nuove armi della diagnosi e della terapia" con la partecipazione di medici specialisti e personale sanitario. Moltissime le iniziative ricreative dedicate alle donne in rosa e gli stage di apprendimento di discipline sportive, le esibizioni di fitness, le attività di relax e benessere, mentre i più piccoli potranno divertirsi nell'area bimbi. Il programma completo è disponibile sul sito http://www.racebari.it/

Race Bari 2015
 

La Race for the Cure si correrà domenica 28 lungo dalle 9.30 con due diversi percorsi, uno competitivo di 5 chilometri e una passeggiata non competitiva di 2 chilometri. 

L’organizzazione tecnica della corsa è come di consueto affidata al Asd Bari Road Runners.

Sul sito http://www.racebari.it/  tutte le informazioni utili. L'iscrizione, che prevede un contributo di 12 euro,  può essere effettuata all'interno del Villaggio, in uno dei punti indicati sul sito oppure direttamente online.  Sempre domenica si terrà la regata velica che partirà dal Circolo della Vela di Bari con il patrocinio della Fiv e la SUP Race, una pagaiata organizzata dall'associazione sportiva Bigeye.   L'invito degli organizzatori è ad allargare il più possibile la partecipazione

Iniziativa è organizzata sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, con il patrocinio del Ministero della Salute, Regione Puglia, Comune di Bari, Camera di Commercio, Fiera del Levante, Policlinico Gemelli, Croce Rossa, Siae, Università degli Sudi di Bari, Politecnico di Bari, Ordine dei Farmacisti di Bari e BAT, ANCE, Comitato Pari Opportunità dell' Ordine degli Avvocati di Bari, Federfarma, Ordine dei Medici, Coni, Fidal, FIV, Fisurf.

(gelormini@affaritaliani.it)

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
race cure salute sport benessere solidarietà bariantonio decaropietro petruzzellicorsa
i blog di affari
Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Il 25° brano dei Jalisse presentato al Festival di Sanremo 2022
CasaebottegaJalisse
Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
di Avv. Francesca Albi*
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.