A- A+
PugliaItalia
Raffaele FITTO, la prima dichiarazione a caldo
Assoluzione in Appello, la dichiarazione a caldo dell'on. Raffaele Fitto:

"Era il 20 giugno del 2006 quando mi fu notificata un'ordinanza di custodia cautelare con il sequestro dei miei beni. La Camera dei deputati, nonostante la mia richiesta di autorizzare l'arresto la respinse all'unanimità. Oggi , sicuramente, sono molto soddisfatto per la  sentenza di assoluzione con formula piena, ma al tempo stesso molto amareggiato. Non è il giorno delle valutazioni o dei commenti nè tantomeno delle polemiche o dei festeggiamenti".

"Ringrazio i miei avvocati Francesco Paolo Sisto, Luciano Ancora ed Angelica Loiacono - aggiunge Fitto - per la straordinaria dedizione e competenza. In pochi minuti mi sono passati nella mente quasi 10 anni della mia vita. Il mio pensiero, oggi, va soprattutto a mia moglie, ai miei figli a tutta la mia famiglia, che nei momenti più difficili sono stati sempre al mio fianco, con discrezione ed affetto insieme a tanti amici, che non hanno mai dubitato della mia onestà".
Iscriviti alla newsletter
Tags:
fittodichiarazioneassoluzionebariappello
i blog di affari
Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Il 25° brano dei Jalisse presentato al Festival di Sanremo 2022
CasaebottegaJalisse
Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
di Avv. Francesca Albi*
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.