A- A+
PugliaItalia
Regionali, salta la tregua. Fitto: “Berlusconi regala la Puglia a Renzi”

Bari – Alla fine della lunga notte del centrodestra la fumata è nera. La tregua accarezzata nelle ultime ore è definitivamente saltata ed il vertice fiume tra i partiti, ripreso in mattinata, si chiude con un nulla di fatto. Gli azzurri non cedono sul nome di Adriana Poli Bortone e neppure la mediazione dell’alfaniano Ferrarese sortisce alcun effetto: Francesco Schittulli e l’ex Sindaco di Lecce, dunque, restano in campo, l’uno contro l’altro e contro Michele Emiliano.

Raffaele Fitto è lapidario: “Forza Italia si assume la responsabilità di rompere il centrodestra, Berlusconi ha deciso di regalare la Puglia a Renzi, di usare queste elezioni per regolare i conti, sacrificando la possibilità di vincere”.

Il silenzio della vigilia aveva fatto ipotizzare la schiarita in extremis, in attesa che da Arcore arrivassero segnali sull’ultima proposta vagliata dal coordinatore salentino di Ncd: da una parte l’impegno del Vicerè di Maglie ad abbandonare la battaglia a colpi di carte bollate sul simbolo e sulle quote nella lista forzista; dall’altra il passo indietro di Donna Adriana, per ricompattare il fronte attorno all’ex presidente della Provincia. Escluso da principio, invece, ogni altro nome da ritirare fuori dal cilindro, dal penalista barese Francesco Paolo Sisto al giornalista Enzo Magistà, i cui profilo erano tornati a circolare tra i corridoi, pur senza che le chances si facessero reali. A frenare, lo stesso segretario FI, Vitali: “Al massimo Poli Bortone correrà in tandem con Francesco Schittulli, a lei non possiamo rinunciare”, ha lasciato cadere perentorio a metà mattinata, prima di un ulteriore faccia a faccia con l’ex Ministro agli Affari regionali.

Ricostruttori1
 

La stretta di mano in notturna tra il Ricostruttore e l’avvocato francavillese non basta a siglare la pace e l’epigrafe arriva alle 13: “Il candidato di Forza Italia resta Adriana Poli Bortone. Per noi finisce qui. Il vertice è finito così come è partito. Non ci si poteva chiedere di ritirare la nostra candidatura", spegne ogni speranza il numero uno dei berlusconiani, corroborato dal sondaggio lanciato dai democratici, che vedrebbe la senatrice leccese in testa sul Presidente Lilt, pur dietro Michele Emiliano. E non basta ricordare la rinuncia di Fitto ai posti in lista per i fedelissimi né il listone a proprio nome messo in campo, come posto tra i desiderata dei competitor un mese fa.

L’europarlamentare  non ha mezzi termini: “FI per come è strutturata e organizzata ora fa parte del passato e tutti gli sforzi compiuti in queste ore sono stati vanificati da chi si è seduto al tavolo senza la possibilità di fare alcun passo indietro. Noi siamo al fianco di Schittulli, scelto dai partiti di questo tavolo e, inizialmente dalla stessa FI. Oggi queste persone fanno una scelta diversa e si stanno assumendo la responsabilità di rompere il centrodestra”. Il divorzio è firmato e, forse, anche il risultato delle urne.

(a.bucci1@libero.it)

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
fittotreguavitaliberlusconirenzipugliaregionali
i blog di affari
Interessi e Fisco: strana differenza tra quando chiede e quando paga
I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
Boschiero Cinzia
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.