A- A+
PugliaItalia
Rete Puglia Imprese PMI: Uniti si cresce

"Se le formiche si mettono d’accordo, possono spostare un elefante", è un antico proverbio africano, ma più attuale che mai per spiegare come, in un momento di grande complessità economica, ma anche di grandi opportunità per il sistema produttivo italiano e meridionale in particolare, l’unione delle imprese e delle Associazioni che le raggruppano e le rappresentano, sia l’unica via per la crescita.

invito  uniti si cresce
 

 

Lo hanno capito e messo concretamente in atto CONFIMI INDUSTRIA, ANIEM, PMITALIA e LAICASALENTO, quattro Associazioni di Piccole e Medie Imprese pugliesi che hanno dato vita a RETE PUGLIA IMPRESE con un protocollo d’intesa sottoscritto per incentivare lo sviluppo, accrescere la competitività e mettere in comune esperienze,  al fine di migliorare i servizi alle imprese. il seminario

 

Dalla voglia di promuovere un'imprenditorialità territoriale di squadra, nasce  PMI: UNITI SI CRESCE, il seminario promosso e organizzato da Rete Puglia Imprese, che si terrà il 31 maggio 2016 presso la Camera di Commercio di Bari (Sala Azzurra - ore 10,00).

 

Un focus sulle strategie di sviluppo territoriale messe in campo dalla classe imprenditoriale pugliese, in linea con le politiche regionali degli ultimi anni. Il seminario sarà l’occasione anche per altre associazioni presenti di entrare a far parte della Rete, conoscerne i vantaggi e anche le regole, in uno scenario in cui la condivisione di attività di progettazione, programmazione, promozione e formazione è alla base del patto.

 

“Si è trattato in Puglia di un cambio di passo culturale - afferma con soddisfazione Roberto Fatano, Presidente  di Laicasalento e primo Portavoce di Rete Puglia Imprese - prima ancora che di una strategia economica di cui le associazioni presenti qui oggi si sono fatte interpreti e lo hanno tradotto immediatamente in azione, consapevoli di quanto sia più utile presentarsi “unite” agli appuntamenti con i mercati internazionali, con i bandi regionali, nazionali ed europei”, dinanzi agli interlocutori istituzionali”.  

 

camera commercio
 

Da tempo di parla di consorzi, di reti di imprese. Ma Rete Puglia Imprese, non è un consorzio, non è una rete di imprese. E’ qualcosa di più - spiega il Presidente di ConfimiIndustria e Vicepresidente di Rete Puglia Imprese Sergio Ventricelli - perché per la prima volta in Puglia, non le imprese in autonomia, ma quattro Associazioni di PMI con il loro patrimonio di competenze e relazioni, provano a diventare un soggetto unico e integrato".

 

"Un network di professionalità e servizi al servizio del tessuto produttivo pugliese (costituito per la stragrande maggioranza da piccole e medie imprese). Con questa iniziativa la Puglia - conclude Ventricelli - si mette al pari di altre regioni italiane dove i network di associazioni di imprese stanno conseguendo importanti risultati”. 

 

Concluderà il seminario Loredana CaponeAssessore allo Sviluppo Economico della Regione Puglia.

 

(gelormini@affaritaliani.it).     

Iscriviti alla newsletter
Tags:
rete puglia impresepmi cciaa baricciaa pmi uniti crescealessandro ambrosi cciaa pmi
i blog di affari
CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
Boschiero Cinzia
Lions aiuta la protezione civile con la "Project bag"
Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.