A- A+
PugliaItalia
Salento, Loredana Capone: pellegrinaggio istituzionale tra degenti e detenuti

La presidente del Consiglio regionale della Puglia Loredana Capone e il garante regionale dei detenuti, Pietro Rossi, in visita agli Istituti Penitenziari di Lecce e Brindisi. L’obiettivo è creare sinergie per migliorare le condizioni delle detenute e dei detenuti delle carceri pugliesi. 

Capone detenuti2

A questo scopo, nei prossimi giorni, la visita si estenderà a tutti gli undici Istituti pugliesi e sarà insediato un tavolo regionale alla presenza dei direttori dei penitenziari, del Provveditore regionale dell’Amministrazione penitenziaria Giuseppe Martone, dell’assessore alla sanità Pierluigi Lopalco, del direttore del Dipartimento regionale promozione della salute, Vito Montanaro e dei direttori generali delle Asl pugliesi.

“Tra tutti i diritti che abbiamo il dovere di tutelare - ha detto la presidente Capone - quello più importante è certamente il diritto alla salute. Nella vita di tutti i giorni, sui luoghi di lavoro, all’interno dei nostri ospedali, nelle residenze che si prendono cura dei nostri anziani, e nelle carceri. Non c’è chi ha più diritto e chi meno, è una questione di equità e di dignità della vita, e le detenute e i detenuti hanno gli stessi diritti dei cittadini liberi. Ecco perché è fondamentale lavorare sulle condizioni dei detenuti e dare sostegno alle famiglie con l’obiettivo di eliminare, o quanto meno ridurre il più possibile, quei confini in cui ad oggi, purtroppo, vi è ancora una reale sospensione della nostra Costituzione". 

Capone pentenziari

"Per questa ragione, con il Garante regionale dei diritti di detenuti Pietro Rossi - ha aggiunto - abbiamo deciso di incontrare i direttori delle carceri pugliesi, accogliere le loro perplessità, le emergenze, per capire insieme come e cosa si può migliorare. Siamo partiti questa mattina dalla Casa circondariale di Lecce. Abbiamo incontrato la direttrice, Rita Russo, il comandante Riccardo Secci, la presidente dell’associazione Antigone, Mariapia Scarciglia, la garante comunale, Maria Mancarella".

"È evidente - ha sottolineato Loredana Capone - il grande lavoro svolto, la competenza, la dedizione, l’impegno a garantire ai detenuti la dignità che meritano, senza mai dimenticare l’importanza di offrire loro occasioni di ‘rinascita’, dai laboratori di scrittura creativa e di teatro a quelli per le mamme detenute che vogliono provare a mantenere vivo il legame con i propri figli anche se saranno costretti alla distanza per chissà quanto tempo. Abbiamo continuato poi visitando la Casa circondariale di Brindisi. Nel confronto con la direttrice, Maria Teresa Susca, ho colto subito il prezioso lavoro. Questa pandemia ci ha fatto riscoprire il valore dello spazio e per chi vive una condizione di limitazione è fondamentate avere luoghi per la socializzazione o fare due passi".

"Delle donne e degli uomini, che stamattina ho avuto il piacere di incontrare, mi ha colpito e appassionato la loro tenacia, la determinazione, la ‘cura’ nel considerare tutti quei dettagli importantissimi che inevitabilmente sfuggono a chi non è direttamente coinvolto. E ho molto apprezzato la proposta di Antigone di insediare, insieme al sindaco della città, un tavolo con tutti gli attori del territorio per condividere, di volta in volta, le problematiche che si affrontano all’interno. Per la stessa ragione ho proposto anche l’insediamento di un tavolo regionale con i direttori delle carceri pugliesi e l’assessore Pierluigi Lopalco".

Capone mask

"Una sfida importante per la nostra regione in cui intendo coinvolgere tutti i consiglieri regionali, perché ciascuno possa sentirsi responsabile e promotore di iniziative utili a migliorare le condizioni delle strutture presenti sul proprio territorio.Credo sia fondamentale affrontare con loro, il presidente Emiliano e la Giunta, inoltre, anche il tema delle risorse del Next Generation Eu destinate proprio alla Giustizia e al Sistema Penitenziario che, stando alle prime anticipazioni, dovrebbero essere utilizzate per costruire nuove strutture detentive. Ma è davvero solo costruendo carceri che si innova il sistema? Oppure lì dove non c’è necessità di costruire basterebbe modernizzare quelle esistenti? Investendo sulle risorse umane (educatori, mediatori, psicologi), potenziando le infrastrutture tecnologiche, per assicurare la formazione professionale a distanza per esempio, o per aumentare le possibilità di video colloqui con i familiari? Con interventi che avrebbero magari un impatto il più significativo possibile nella lotta alla recidiva e negli obiettivi di recupero sociale dei condannati?A queste domande dovremo rispondere ai tavoli, insieme ai direttori, e dovremo farlo in fretta perché la salute e la dignità non possono aspettare. D’altra parte è questo uno dei più grandi lasciti di questo tempo di pandemia”. 

Intanto, comunicano dalla presidenza regionale, gli uffici sono già al lavoro per concordare la visita nelle altre dieci carceri pugliesi e per organizzare un primo incontro con i direttori, l’assessore Lopalco, il direttore del Dipartimento regionale promozione della salute, Vito Montanaro e i direttori generali delle Asl pugliesi.

Gionata Cancro infantile

La visita della presidente Capone si è prolungata al Centro di oncologia pediatrica del P.O. Vito Fazzi di Lecce per la XX Giornata mondiale contro il cancro infantile, International Childhood Cancer Day - ICCD. Per l’occasione il Centro di Lecce ha organizzato una giornata di donazione del sangue attraverso il messaggio “Ti voglio una sacca di bene”, ricevendo in cambio ogni donatore un melograno come simbolo della fertilità, del buon augurio e della solidarietà. 

La presidente Loredana Capone, alla presenza del primario del reparto Assunta Tornesello, dello psicologo Paolo Colavero e del sindaco di Lecce Carlo Salvemini, ha evidenziato quanto è stata importante e continua ad esserlo l’attività svolta dal Centro di oncologia pediatrica di Lecce, esprimendo grande soddisfazione alla notizia riguardante il riconoscimento a livello europeo del nuovo protocollo sperimentato dal Polo pediatrico di Lecce nel trattamento delle leucemie.

Capone oncologico

“Entro nel reparto di oncologia pediatrica, ogni volta, come se entrassi un una Chiesa, in rigoroso silenzio e con il rispetto che si deve a una preghiera - ha detto la presidente Capone - anche stamattina. Ci vado spesso quando ho tempo e quasi sempre ne approfitto per fare una chiacchiera con Titti, donna dolcissima, medico incredibile. Ti racconta la malattia con quella delicatezza e quella dignità che è dovuta a tutti, non solo ai bimbi".

"Ma i suoi bimbi sono tutto il suo mondo e glielo si legge negli occhi. Con lei c’erano Alessandro, Valeria, Daniela, Lavinia, Paolo, Suor Francesca, Rita, Antonio. Che poi è bello e giusto dare nome e cognome a chi ogni giorno, insieme ai parenti più cari, si fa carico di tutto quel dolore e prova a trasformarlo in speranza. Un lavoro encomiabile e straordinario che, negli anni, è stato riconosciuto come un’eccellenza in Italia Europa e ha saputo costruire alleanze terapeutiche con i migliori centri di Puglia e d’Italia".

"Lo so, non posso nemmeno immaginare che cosa può significare alzarsi ogni mattina e sapere che per tua figlia o tuo figlio è un altro giorno di lotta. Insomma i bambini dovrebbero solo divertirsi con gli amichetti, andare a scuola, sognare che cosa fare da grandi. Sapere, però, di poter contare su tutta l’umanità e la competenza di cui queste donne e questi uomini sono capaci probabilmente aiuta a sentirsi meno. Per questo, da madre prima di tutto e poi da donna delle Istituzioni - ha concluso - non li ringrazierò mai abbastanza”.

(gelormini@gmail.com)

 

Commenti
    Tags:
    salentoloredana caponepresidente regionale consiglio pellegrinaggio istituzionale degenti detenuti
    Loading...
    Loading...
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    In futuro ci cureranno robot DNA progettati in pochi minuti
    di Maurizio Garbati
    In coda per le scarpe Lidl? Tutti schiavi dell'apartheid globale capitalista
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    L'incontenibile ascesa di Paola Donnini
    i più visti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.