A- A+
PugliaItalia
Salento, Solvay-Novotech accordo sulla Mobilità Aerea Urbana

L’azienda statunitense Solvay sta collaborando con la società italiana Novotech in ambito UAM (Urban Air Mobility) nella definizione di materiali compositi (termoindurenti, termoplastici ed adesivi) e relativi processi di fabbricazione da utilizzare per la realizzazione del secondo prototipo del velivolo idrovolante ibrido SEAGULL (Gabbiano), il cui volo è previsto entro la fine del 2021.

Seagull 730x380

La messa in acqua del primo prototipo, realizzato tra Avetrana e Casoria, in Salento, è avvenuta nel febbraio scorso nel Lago Miseno. In particolare, Novotech ha selezionato due sistemi di resina prodotti da Solvay, ovvero MTM® 45-1 e CYCOM® 5320-1, qualificati per il settore aerospaziale e registrati su NCAMP. I due prodotti, oltre ad avere un pedigree aerospaziale, presentano flessibilità di processo e le caratteristiche per garantire un rapido time-to-market del prodotto finale.

Perrin Gerald

Infatti, evluzioni e successo del progetto sono diversi: dall’idrovolante biposto Seagull con ali ripiegabili, che attracca come una barca, a un programma di velivolo elettrico a decollo e atterraggio verticale (eVLOT), capace di trasportare 4 persone a una velocità di 180 chilometri l’ora.

"Solvay è orgogliosa di supportare Novotech - ha affermato Gerald Perrin, Program Director della divisione materiali compositi di Solvay - con le proprie tecnologie aerospaziali qualificate, da impiegare nel campo della mobilità aerea urbana, sviluppando nuovi velivoli che contribuiranno alla creazione di un futuro sostenibile per la mobilità".

Leonardo Lecce

“Il Seagull è il primo aereo biposto al mondo su cui sono installati componenti strutturali in materiale composito (fibra di carbonio) - ha spiegato  Leonardo Lecce, CEO di Novotech - prodotti tramite un processo di fabbricazione completamente automatizzato (Automated Fiber Placement). L'introduzione di processi di produzione avanzati garantisce lo sviluppo di prodotti di alta qualità, che oltre ad essere ripetibili, possono essere facilmente scalabili, condizione fondamentale per lo sviluppo di un ambiente UAM realistico”.

L’ingegnere Leonardo Lecce, di origini salentine, ha aggiunto: "Stiamo lavorando per consentire un nuovo sistema di mobilità capace di favorire la comunicazione tra le persone e superare le attuali barriere dei trasporti pubblici e privati, in particolare nelle grandi aree metropolitane".

(gelormini@gmail.com)

Commenti
    Tags:
    salento solvay usa novotech italia accordo mobilità urbana aerea puglialeonardo lecceuam
    i blog di affari
    Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
    di Francesca Micoccio
    Green pass obbligatorio e lockdown annunciati: il ritorno alla nuova normalità
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
    di Maurizio Garbati
    i più visti


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.