A- A+
PugliaItalia
Salento: vergogna e indifferenza

di Luisa Ruggio

Bisogna continuare a raccontare anche quando la notizia smette di essere "fresca", quello che è accaduto domenica in una delle tante spiagge del Salento.

Bisogna ripetere che mentre in due cercavano di affogare un giovane venditore ambulante, dopo averlo derubato, i bagnanti presenti stavano a guardare.

Bisogna parlare a voce alta di ciò che in genere si perde nelle carte giudiziarie e che invece è determinante in una vicenda del genere: i barbari hanno compiuto un'azione mentre altri barbari glielo lasciavano fare.

Bisogna guardare in fondo agli occhi questi spettatori passivi, indifendibili. La banalità del male non è solo in chi compie un atto inqualificabile a sangue freddo, ma in un'intera comunità che si volta dall'altra parte e nega aiuto e poi si nutre di questo orrore sfogliando il giornale, come si nutre di qualsiasi altro inutile pettegolezzo.

Queste cronache di ordinaria violenza sono il grado zero di vite vissute invano. Nessuno, mai più, deve permettere che si ripeta, altrimenti bisognerebbe dimettersi dal genere umano.

Se questa è una comunità.

Tags:
salentoruggioimmigraticomunitàindifferenza
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.