A- A+
PugliaItalia
San Nicola un concerto contro la piaga dell'usura

La musica unisce contro l’usura a Bari lunedì 23 maggio 2016 presso la Basilica di San Nicola alle 20.30. L’iniziativa di solidarietà è organizzata annualmente dalla Fondazione San Nicola e Santi Medici, che tramite l’arte ha voluto richiamare l’attenzione del  mondo delle istituzioni, del  lavoro e del credito intorno alla piaga economica e sociale del sovrindebitamento e dell’usura, che  in questo  momento di grande crisi e incertezza economica  sta diventando sempre più aggressiva nei confronti dei più deboli.

È un male questo che annienta l’essere umano in tutta la sua essenza, nella sua dignità economica, fisica e morale, causa  di fallimenti aziendali, licenziamenti, crescenti suicidi, divorzi familiari e derive umane e psicologiche che sfociano nell’illegalità.   

La Fondazione di Bari, che ha dato vita alla Consulta Nazionale Antiusura,  è una delle 28 Fondazioni Antiusura che operano in Italia, che quotidianamente è  sul campo per arginare e combattere su più fronti l’usura, attraverso le strade della prevenzione, della formazione, della legalità e della giustizia.

San Nicola usura
 

È prevista la partecipazione dell’Arcivescovo di Bari- Bitonto, Francesco Cacucci, del Priore della Basilica di San Nicola, P. Ciro Capotosto, del Prefetto di Bari, Carmela Pagano, del Vice-Presidente della Regione Puglia, Antonio Nunziante, del Sindaco di Bari, Antonio Decaro,  della dirigente del Ministero Economia e Finanza, Isabella Fontana.

Si affida alla musica, al pari di altre fronti sollecitati, il richiamo e il messaggio di lotta all’illegalità, linguaggio universale, per cantare e suonare desideri di giustizia, di legalità e di prossimità alle persone relegate per motivi economici alle periferie della vivibilità. La musica diviene mezzo di comunicazione  per esprimere l’appartenenza ad una società pulita.

L’evento è improntato sulla musica storica, sacra e profana, che richiama alla gioia e ad una nuova primavera, contro la piaga dell’usura. Il repertorio segna un passaggio universale verso una musica che dialoga tra i tempi e le forme: dalle stagioni vivaldiane, piene di ricchezza poetica e sensoriale, a brani sacri vocali, a voce sola e corali, per delineare il percorso proteso alla riflessione e alla scelta. La scelta porta anche al “Magnificat”, con le parole di Maria e il suo grande Si al disegno di Dio. La musica diventa strumento per dire Sì alla vita.

“L’evento - ha dichiarato Mons. Alberto D’Urso, Presidente della Fondazione Antiusura San Nicola e S.S. Medici - rappresenta un momento di pura distensione rivolto a sottolineare   il bisogno di  coinvolgimento corale civile ed  ecclesiale, nella lotta all’usura e all’azzardo, piaghe diffuse su tutto il territorio pugliese e nazionale”.

L’ingresso è libero.

San Nicola concerto usura
 

I PROTAGONISTI

Ensemble d’Archi Liuteria Andrulli

Carmelo Andriani, violino solista

 

Ensemble vocale Florilegium Vocis

Paola Leoci, soprano solista

Giovanna Greco, mezzo soprano solista

Giuseppe Settanni, tenore solista

Gianluca Borreggine, baritono solista

Maestro del coro, Luigi Leo

 

Francesco Divito, sopranista

Michele Nitti, direttore

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
san nicola usurasan nicola usura concertosan nicola bari concerto usurabasilica san nicola musica contro usura
i blog di affari
Sindacalista ucciso, la solitudine dei lavoratori nello spirito del tempo
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Alternanza scuola-lavoro, diciamo basta all'istruzione turbocapitalistica
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il “vecchio” Biden indica i nemici Cina e Russia
Di Ernesto Vergani
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.