A- A+
PugliaItalia
Si al modello Borgo Egnazia No alla prospettiva Briatore

Quantità e qualità sono due elementi che per trovare le condizioni adeguate di un possibile amalgama, non possono certamente tenere il ritmo "insofferente" del target caro e così ben conosciuto da oracoli del jet-set come Flavio Briatore: "Il ricco vuole tutto e subito. Io so bene come ragiona chi ha molti soldi: non vuole prati né musei, ma lusso, servizi impeccabili e tanta movida".

Briatore twiga2
 

Eh, certo, Briatore è uno che con la velocità da sempre è andato a braccetto. Talvolta si è anche schiantato, ma quasi sempre ne è venuto fuori più battagliero e combattivo di prima. La velocità lo emoziona, lo eccita e spesso lo inebria.

La Puglia, invece, da tempo convive col ritmo lento dei cammini - delle transumanze podoliche o dei pellegrini sulle tracce di antiche vie consolari - con quello maestoso e silenzioso della crescita degli ulivi, con quello posato e denso dell'invecchiamento dei suoi vini.

Otranto Night
 

Ma anche con quello cadenzato - dal frinire dei grilli e delle cicale - della maturazione dei suoi frutti di bella stagione, dello stillicidio secolare di sedimentazioni della pietra, e ancora della concentrazione delle acque madri e della "generazione" del sale, lo stesso che segna la paziente maestria che sbroglia le reti dei suoi pescatori, mentre tempra coi riflessi del sole i solchi eloquenti delle loro rughe profonde.

Virtuoso Hotel of the Year   BorgoEgnazia
 

L'adagio turbolento di Flavio Briatore è quello ammaliante e tentatore di Lucignolo, che invita al coraggio dell'evasione verso l'allucinante e luminescente Paese dei Balocchi. Il frutto di un'illusione, che come tutte le magie ha bisogno della velocità di esecuzione, per celare il trucco e creare l'effetto stupore. Accendendo, al contempo, il desiderio dell'emulazione e la voglia di ripetere l'esperienza sorprendente.

Questa terra da sempre, però, è votata alle contaminazioni, alla pluralità più che all'esclusività, all'inclusione e all'accoglienza più che all'isolamento. Al contrario dei ricchi, che Briatore conosce e frequenta, ai pugliesi - come ad altri - piace  vivere all'aperto, ritrovarsi nelle "agorà" di paese, nelle "socie" o tutt'al più nei circoli, avendo cura cura di coltivare confronto e dialogo con tutti. Consapevoli che la vera risorsa inespressa del nostro patrimonio restano “le persone”.

Egnazia borgo2
 

Il nostro valore aggiunto, infatti, non risiede solo nelle pietre dei monumenti, nei tesori dei musei o nei colori del nostro paesaggio, ma esso è intimamente conservato nelle persone che lo abitano, ne custodiscono i tesori e ne valorizzano la storia. E’ il concerto dei suoni diffusi dai tanti campanili. E’ la fantasmagorica varietà dei mille dialetti.

Fondare l’azione turistica su questa risorsa straordinaria, puntare sulla relazione, sullo scambio interpersonale, significa creare le premesse per riuscire a trattenere quella domanda, che fino ad oggi, quando ci siamo riusciti, abbiamo solo attratto e che non vogliamo che nessuno venga a succhiarla, per scappare verso altri lidi ancora vergini.

Expo mosaico Otranto1
 

Significa, in definitiva, fare in modo che il turista non passi per la sola visita/fotografia, evento o scalo di diversa natura, ma trovi motivo ed emozione per decidere di fermarsi. Poco o tanto che sia, sarà importante che decida di spendere un po’ più del suo tempo con noi e da noi. E non malgrado noi!

Il mordi e fuggi proposto da Briatore sa tanto di riproposizione dell'atavica e accidiosa maledizione, che a lungo ha portato uomini e donne del Sud a perdersi nella fretta accecante del "poco, maledetto e subito". A dimenticare e a perdere dimestichezza col sapiente e lungimirante esercizio della "cura della gallina", per accontentarsi della pragmatica quotidianità dell'uovo.

No, grazie! Alla prospettiva Briatore preferiamo il modello Borgo Egnazia, che il distretto del lusso lo ha creato senza rinunciare a "cascine, masserie, prati e scogliere", anzi facendo della tipicità locale elemento "raffinato" di amor loci. Proprio il contrario di quanto predica il novello pifferaio approdato sulle coste salentine, tanto da posizionarsi  a distanza dal mare - senza perderlo d'occhio - e rinunciare ai pilastri del Billionaire Lifestyle: notti folli e champagne a fiumi.

Non credo che sostituire il Twiga all'Albero della Vita del monaco Pantaleone costiituisca per Otranto un orizzonte presago di buoni auspici. Temo, piuttosto, che per Otranto aver perso il Club Mèditarranèe, per ritrovare Flavio Briatore, possa non rivelarsi una prospettiva del tutto vincente!

(gelormini@affaritaliani.it)

---------------------------------

Pubblcato sul tema. Sergio Blasi (Pd): “Briatore, no grazie”

                              Da Borgo Egnazia la 'Best European Spa Manager'

                              Dario Stefàno: "Modello Briatore in crisi ovunque. In Puglia già superato"

                              Turismo-Puglia: dibattito su Affari. Teo Titi: "Lusso traini tutti i turismi"

 

Tags:
otranto flavio briatore turismo puglia borgo egnaziaturismo puglia otranto twiga flavio briatore prospettivaturismo puglia borgo egnazia modello
i blog di affari
Green pass, così otteniamo diritti e libertà già garantiti dalla Costituzione
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Sindacalista ucciso, la solitudine dei lavoratori nello spirito del tempo
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Alternanza scuola-lavoro, diciamo basta all'istruzione turbocapitalistica
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.