A- A+
PugliaItalia
Solidarietà al Console d'Israele Luigi De Santis

Si sono moltiplicate per l'intera giornata le dichiarazioni di solidarietà al Console Onorario d'Israele per la Puglia , Luigi De Santis (unico console d'Israele in Italia), destinatario di un biglietto con una croce rossa al centro e una scritta, in lingua inglese: 'Ebreo anche qui'.

emiliano israele ambasciatore
 

Tra i primi ad esprimere la vicinanza al console De Santis è stato Massimo Salomone, Segretario Generale del Corpo Consolare,  il cui messaggio assume un peso "doppio" anche per gli evidenti riferimenti biblici custoditi nel cognome: "Purtroppo ancora resistono stupide ed anacronistiche forme di antisemitismo. Al collega Luigi De Santis, unico console onorario dello Stato di Israele in Italia, porto la solidarietà mia personale e di tutti i consoli associati al Corpo Consolare di Puglia, Basilicata e Molise".

Salomone Massimo1
 
"Al console di Israele in Puglia, Luigi De Santis, esprimo i miei sentimenti di affetto e vicinanza per le gravi e reiterate minacce ricevute", ha dichiarato in una nota Luigi d'Ambrosio Lettieri (Direzione Italia). "Purtroppo il clima di odio e di intolleranza - ha aggiunto Lettieri - sta spargendo veleni che dobbiamo neutralizzare respingendo  ogni tentativo di intimidazione con la forza della unità, della solidarietà concreta, restando al fianco di chi è esposto in prima persona e senza mai abbassare la guardia".
IMG 6381
 
 
Mentre Alfonso Pisicchio, consigliere regionale de La Puglia con Emiliano e presidente della VI Commissione Cultura e Immigrazione, parla di: “Un pericoloso rigurgito di antisemitismo sul quale dobbiamo riflettere e attrezzarci con anticorpi sociali e istituzionali. A Luigi De Santis, persona competente e sempre attenta ai temi più sensibili - ricordo ancora il suo interessantissimo forum sulla legalità organizzato qualche settimana fa in qualità di presidente Ance Bari-Bat, prosegue Pisicchio - va la mia piena e incondizionata solidarietà. Caro Luigi, non sei solo. La Puglia è con te”.
Pisicchio A
 

Per Marco Lacarra, Segretario del Pd Puglia e anche lui Consigliere regionale: “I conflitti razziali e religiosi sono un problema con il quale tutti ci dobbiamo confrontare e che tutti dobbiamo contribuire a combattere. Per questo esprimo la mia vicinanza a Luigi De Santis, concittadino barese e console onorario di Israele in Italia, ancora una volta minacciato evidentemente per la sua attività”.

“Purtroppo il clima di odio e intolleranza, che nell’Europa delle libertà e dei diritti per tutti, sta prendendo sempre più piede - prosegue Lacarra - è particolarmente pericoloso. Si tratta di un’arma a doppio taglio, che non fa altro che alimentare conflitti. Esempio concreto ne è l’odio verso i migranti e le persone che arrivano dalle zone più disparate del mondo, in fuga dalla povertà, dalla guerra e dalla mancanza di diritti umani. In una situazione del genere, che è ormai globale, nessuno si senta esentato dal fare la sua parte. Per questo, pur augurandomi che le forze dell’ordine riescano a fare chiarezza sul caso di Luigi De Santis, auspico - conclude - un intervento deciso della società civile, perché gli odi e le intolleranze si combattono solo con lo sforzo di tutti”.

Lacarra3
 

Solidarietà al Console onorario d'Israele a Bari, Luigi De Santis, viene espressa anche dal parlamentare Antonio Distaso (Direzione Italia). "Le reiterate minacce di cui è stato fatto oggetto non possono che vederci solidali con il Console e rappresentante di Confindustria Bari e Bat".

De Santis, unico Console d'Israele in Italia, scelto nel novembre 2015 dall'ambasciatore Naor Gilon, è stato vittima di una serie di atti intimidatori, In questa occasione - aggiunge Distaso - vogliamo sottolineare i nostri sentimenti di amicizia nei suoi confronti, per l'importante ruolo che egli svolge e, suo tramite, verso l'intero popolo d'Israele".  

Distaso Anto
 

“Grazie  - ha detto il console De Santis - per chi con la propria solidarietà ha voluto dimostrarmi la sua vicinanza, per le pesanti e continue minacce che ho ricevuto e ricevo da quando sono console onorario di Israele per la Puglia, un ruolo che svolgo non solo nel pieno rispetto delle istituzioni e tradizioni israeliane, con l’intento di avvicinare quanto più possibile Israele alla Puglia, una regione - la nostra - di grande accoglienza".

Luigi De Santis
 

"Mi spiace constatare - sottolinea De santis - che il clima antisemitismo covi ancora nell’animo di chi è rimasto fermo al secolo scorso, certo non agevolano le parole chi ideologicamente vede in Israele un nemico da sconfiggere, una popolazione da odiare ed annientare. Ma la dimostrazione di solidarietà pubblica della politica, ma privata di tanti amici e cittadini mi convincono ad andare avanti".

"Molto lavoro è stato fatto - conclude - ma oggi sono più motivato a rinsaldare i rapporti tra Puglia e Israele e a far sì che la presenza del Consolato in Puglia possa rappresentare anche una fonte di crescita economica e culturale per il nostro patrimonio, nonostante non sempre sia facile per me. Per questo apprezzo il costante lavoro delle forze dell’ordine e confido nella loro capacità di valutare i rischi che posso correre”.

(gelormini@affaritaliani.it)

 

Tags:
solidarietà console israele bariluigi de santislettera croce
i blog di affari
Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
La Meloni vola nei sondaggi ma si vota solo alle primarie del Pd
M5s, lo strappo è a un passo. E ora può nascere il partito di Conte
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.