A- A+
PugliaItalia
Sudriè, la forza innocente in "Cioccolato amaro"

Il romanzo di Stefano Sudrié, "Cioccolato amaro" - FaLvision editore, 2015 pagg.140 € 12,00 è un omaggio alla speranza. E' la storia di un messaggio affidato alla “cabossa”, il frutto del cacao, da un bimbo schiavo in una piantagione della Costa d'Avorio.

sudriè libro
 

E' un inno alla perseveranza e alla tenacia del piccolo Didier, che continua a inserire pezzettini di carta e di stoffa in semi e frutti del cacao, su cui è scritto: “Aide Nous”, apparendo a ogni logica un illuso.

Credere nei propri sogni  continuamente è uno dei messaggi che Stefano Sdruiè affida a queste pagine. Sembra che nella vita il caso ci offra delle opportunità inimmaginabili, dove il destino e i bisogni sembrano incrociarsi per trovare soluzioni per tutti. Per uno strano gioco del caso, la richiesta d'aiuto giunge nelle mani di Jason, un dodicenne problematico  di una scuola elementare di San Francisco, il quale riesce a coinvolgere i compagni di classe in un percorso di consapevolezza che metterà in crisi il magnate di un'industria di cioccolato.

L'autore del romanzo non si è soffermato al COSA MANGIAMO (esempio: tavoletta di cioccolato con 80% di cacao ecc.), ma è andato oltre. Da dove e come arrivano certi prodotti tra le nostre mani?  A queste ed altre domande cercano di rispondere Jason e la sua classe, che con la semplicità e la determinazione dei bambini riescono a fare domande chiare e dirette, e a mettere in crisi anche le menzogne ben consolidate sul mercato di ditte, che conoscono benissimo tutti i meccanismi per vendere e rimanere sulla cresta dell'onda.

"Cioccolato Amaro" è uno di quei libri capaci di rapire e far viaggiare con la mente, da un capo all'altro del pianeta, che Stefano Sudriè ben rappresenta con le parole di Paul Bowles, a proposito della differenza tra un turista e un viaggiatore: “...un turista sa quando inizia e finisce  il suo viaggio, mentre un viaggiatore vero ne conosce solo l'inizio...”

Questo testo, che ha candidezza e comprensibilità, meriterebbe lo sbocco della versione cinematrografica: la sua forza avvolgente e vellutata ci schiude a visioni ampie della realtà, che sembrano lontanissime o incredibili e invece sono più vicine e toccanti di quanto si possa immaginare.

Tags:
sudrièfabrisciccolatoamarobambiniforza
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.