A- A+
PugliaItalia
TAP e FSE, Blasi soccorre Emiliano Opposizioni sul piede di guerra

Sergio Blasi, Consigliere regionale ed ex segretario del PD pugliese spezza due lance a favore delle prese di posizione del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, sulla vicanda TAP in Salento e sul rilancio delle Ferrovie Sud-Est.

“Siamo davvero sicuri di voler affidare di nuovo i soldi dei pugliesi agli uomini che da trent’anni amministrano la Sud Est? Io non lo sono per niente", dichiara attarverso una nota diffusa Sergio Blasi. "Per questo penso che abbia ragione il presidente Emiliano: il management attuale delle Sud Est non può continuare a gestire una azienda così importante per lo sviluppo futuro della Puglia e del Salento in particolare. Serve una visione strategica nuova per una infrastruttura che fino ad oggi è stata solo un buco nero dove sono stati sperperati i soldi dei pugliesi, e la voragine dei conti della società è lì a dimostrarlo".

"Quindi, in attesa che nuovi finanziamenti nell’ordine delle centinaia di milioni di euro siano impiegati per la modernizzazione dell’opera, il Governo deve procedere alla sostituzione di quanti non hanno saputo amministrare le Ferrovie Sud Est. Il governo deve prendere atto con spirito collaborativo della richiesta che arriva dalla Regione Puglia per bocca del suo presidente. Difendere l’esistente non è un’opzione percorribile, in particolare da chi ricopre responsabilità politiche".

L'ex segretario regionale del Pd, poi passa alla questione TAP: "Prendo atto anche della proposta espressa da Emiliano sullo spostamento dell’approdo di Tap da San Foca (Le) a Cerano (Br), nell’ottica di una riduzione dell’impatto della centrale a carbone sulla salute dei pugliesi. Come è noto ho lanciato questa proposta molto tempo fa, quando si era sicuramente in tempo utile per realizzarla".

"Alla base c’era e c’è ancora un’idea della Puglia come territorio che lotta con le unghie e con i denti per difendere la sua nuova economia, basata sul turismo, la cultura, l’agricoltura e l’industria che rispetta il territorio. Abbiamo lavorato dieci anni per costruire le condizioni di uno sviluppo diverso da quello che altri avevano deciso per noi. Possiamo lavorare i prossimi dieci anni per realizzarlo".

"Per questo spero che Emiliano tenga il punto sulla questione - conclude Blasi - anche a fronte delle dichiarazioni di De Vincenti sull’intoccabilità di quel progetto. Se la Puglia non ha voce in capitolo per pronunciarsi sull’utilità o meno della Tap, credo che possa almeno dire la sua su dove farla approdare. L’idea che quest’opera sia qualcosa che dobbiamo semplicemente subire, per quanto mi riguarda, non è mai stata e non sarà mai accettabile”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Articolo in fase di aggiornamento

Tags:
blasitapbrindisiferrovie sud estemilianoopposizioni
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.