A- A+
PugliaItalia
Taranto, "Di quella pira, l'orrendo foco..."
Un acre odore di fumo avvolgeva tutto bruciavano insieme cataste di legna, vernici di mobili ed ogni sorta di rottame, le finestre sbarrate ed un picco di diossina talmente alto che neppure Sandro Marescotti sarebbe riuscito a misurare la città brucia?
 
No, questa non si è trattato della Roma antica dove Nerone con la sua cetra festeggiava il dio fuoco rinnovatore, che bruciava i quartieri poveri e malfamati per far posto alla sua splendida dimora, no questa è solo la Taranto di S. Giuseppe che festeggia il più pagano di tutti i santi, che rinnova i propri baccanali.
 
Eppure queste storie qualcosa in comune ce l’hanno, in entrambi i casi si festeggia il fuoco: le pire sono state preparate con cura un lavoro di settimane, continuo, accurato, certosino, sono state portate le sedie per gli spettatori, le “fornacette" per i panini con la salsiccia, i chioschetti per la birra, le autorità avevano ricevuto per tempo le segnalazioni, tanto per tempo che si sarebbe persino potuto rilasciare regolari permessi In entrambi i casi il fuoco è il testimone della decadenza di una città che è stata grande ma che vive una infinita ed inarrestabile caduta.
Taranto fuochi1
 
 
Una caduta che tutti accettano come ineluttabile. Il popolo lo si può accontentare “panem et circenses“ proponevano gli antichi imperatori, qualche sussidio sociale e qualche buona festa oggi.
 
Nelle periferie delle nostre città, (purtroppo Taranto non è un esempio isolato) lo stato si è già arreso: non parliamo solo della sporcizia imperante, qui c’è chi costruisce abusivamente sui marciapiedi, le scuole vengono abbandonate e poi saccheggiate, come pure ha raccontato in un bel reportage Alessandro Leogrande, le caserme dei carabinieri assaltate perché hanno eseguito degli arresti. Lo Stato indietreggia, si estende la terra di nessuno.
 
Ma forse non è così, forse mi sbaglio ed è peggio, perché in questo secondo caso questa terra è già stata occupata.
 
Taranto falò1
 
Nella stessa mattina di San Giuseppe un ex sindaco con un telecamera e fotografi al seguito era a piazza Ebalia (intitolata all'antica città spartana) a farsi riprendere vicino ad una fontana che oltre vent'anni or sono fece riparare.
 
Come è noto per qualche anno anch'io ho fatto parte della della amministrazione di questa città: ci avevo creduto, ritenevo che un cambiamento ci potesse essere- ed ora mi duole nel costatare che forse l’unica cosa fatta e riconosciuta in questi ultimi trent'anni sia stata la riparazione di una fontana neppure troppo antica?Possibile?
 
Ed intanto il consiglio comunale, un consiglio - bisogna ricordarlo - vicino alla sua naturale scadenza, si vota solo tra un anno, un consiglio nel quale continua ad esercitarsi l’arte del cambio di casacca, sia fermo a discutere di chi debba essere assessore e poco più.
 
Politica se ci sei batti un colpo.
 
Democrazia se esisti fa un miracolo.
Iscriviti alla newsletter
Tags:
focopiratarantopennuzziilva
i blog di affari
Covid, l'Italia? Laboratorio del capitalismo terapeutico su scala planetaria
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno
Mascherina all'aperto, simbolo dell'alienazione e uniforme dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.