A- A+
PugliaItalia
Telecardiologia pubblica Il M5S attacca Emiliano

“In un silenzio e in un clima di attenzione non abituale in Consiglio, si è parlato dell'affidamento del servizio di Telecardiologia al Policlinico di Bari e della gara di acquisto dei 230 elettrocardiografi ad una ditta che non aveva i requisiti richiesti. Siamo diventati il punto di riferimento di tutte le segnalazioni di infermieri, operatori del 118 e medici in merito al nuovo servizio”  ha dichiarato Antonella Laricchia (M5S) in Consiglio Regionale.

Telecardiologia2
 

Alla dichiarazione del Presidente Emiliano secondo cui l'avvio del servizio pubblico sarebbe lecito, la leader pugliese del M5S ha poi risposto: "Emiliano deve dirci chiaramente quale, a suo parere, sarebbe la norma che permetterebbe l’affidamento diretto e che smentirebbe la sentenza del Consiglio di Stato secondo la quale l’affidamento diretto è solo per le partecipate. Noi non avremmo mai lasciato, se fossimo al governo di questa regione, un servizio così importante nelle mani di chi, nelle intercettazioni, sostiene che si può creare un servizio pubblico che costa più del privato anche a costo di perdere qualche vita o di chi agisce con firme apocrife: Emiliano al contrario, sta lasciando questo servizio nelle mani di questa gente, accontentandosi di un presunto allontanamento farlocco".

Emiliano Laricchia
 

Sulla gara per l’acquisto degli elettrocardiografi, la consigliera Laricchia poi aggiunge: “Tra l’aggiudicazione provvisoria e quella definitiva si evince chiaramente che l’azienda non ha il requisito del codice Ateco e chi doveva controllare ha, probabilmente, chiuso un occhio. Il Presidente non vede l’illegittimità neanche dopo che gliel’abbiamo scritta a chiare lettere nell’interrogazione? A questo punto ci sembra piuttosto il tipico problema di chi non vede quel che non vuole vedere”.

Sul “pasticcio” fatto con i protocolli da Pomo e Amoruso, Emiliano ha provato ad alleggerire la tensione, parlando di “carisma della Laricchia che li avrebbe messi in difficoltà”. Ma la consigliera adelfiese rilancia con un'altra frecciata dritta al punto: "Non credo di spaventare il dott. Amoruso che in una dichiarazione intercettata parla di sè come di un uomo “blindatissimo" e - conclude la Laricchia - a giudicare dalle risposte del Presidente Emiliano, sembrerebbe essere davvero così”.

Tags:
telecardiologiaemilianom5slaricchia
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.