A- A+
PugliaItalia
Tremiti e trivellazioni, Barone (M5S): “Serve politica energetica chiara”

Presso l’Aula consiliare della Città di Manfredonia, si è tenuto il previsto incontro, promosso dalla Rete “NoTriv” alla presenza dei maggiori esponenti della politica locale pugliese per ribadire il NO alla ricerca del petrolio nel mare Adriatico al largo delle Isole Tremiti, autorizzata il 22 dicembre scorso dal Ministero dello Sviluppo economico. Presente anche la consigliera regionale M5S Rosa Barone, che ribadisce la posizione del Movimento Cinque Stelle Puglia: “Queste attività di ricerca di idrocarburi sono state ancora una volta volute dal Partito Democratico di cui fa parte anche il nostro Presidente e solo il M5S da oltre 3 anni conduce una battaglia seria sia nelle istituzioni che sul territorio con il tour “Giù le mani dal nostro mare”. E’ bene che ora Emiliano oltre a guadagnarsi apparizioni pubbliche come quelle di stamattina, passi ai fatti contro le prospezioni, ricerche e coltivazioni di idrocarburi in mare, fino ad oggi infatti abbiamo in troppi casi sentito solo belle parole dal governatore: nel caso del TAP, della Xylella, del taglio degli stipendi ai consiglieri che non è mai arrivato, e tanti altri esempi potrebbero seguire”.

RosaBarone
 

 
I pentastellati proseguono accusando il partito di Renzi ed Emiliano di non avere ancora oggi adottato una politica energetica e ambientale del Paese chiara, unica e condivisa facendo pagare ai cittadini le conseguenze di dispute interne tra giochi di correnti all’interno di un partito: “Un teatro di ipocrisie - commenta la Barone - da sempre la nostra linea come Movimento a tutti i livelli sia regionali che nazionali ed europei, è di un No secco alle pratiche che sono finalizzate a trivellare i nostri mari. Almeno noi abbiamo le idee chiare e le ribadiamo da quando siamo entrati in Parlamento nel 2013: serve un piano strategico nazionale sull'energia e sulle fonti rinnovabili sulle quali il nostro Paese dovrebbe puntare, e invece vediamo ancora il Governo centrale puntare per lo sviluppo della Puglia ancora nei combustibili fossili come il gas che, tra l’altro, non ci renderà mai autosufficienti dal momento che lo dovremo sempre prendere dall’estero: insomma un “rinnovo del vecchio” che continuerà a non servire a nulla e a nessuno, senza dimenticare che presto verrà definita la località per il sito nazionale delle scorie nucleari che in Puglia potrebbe avere la sua destinazione. Ed Emiliano che prova ad essere l'antagonista del suo stesso partito”.

Sarebbe quindi questa disorganizzazione a livello centrale e regionale che secondo la consigliera foggiana all’origine di confusione e inopportunità da parte della politica che poi si traducono “in opere scellerate come si sta tentando di fare a qualche chilometro dalle Tremiti, o in casi come quello dell’Energas a Manfredonia, che ha ricevuto la VIA favorevole da parte del Ministero dell’ambiente lo stesso giorno che il MISE ha autorizzato la Petroceltic in mare.  Oggi stesso - conclude Barone - in Consiglio ho ricordato al Presidente Emiliano che tutte queste opere sono contro la vocazione naturale e turistica del nostro territorio, e noi del M5S ce la metteremo tutta per imporre un cambio di rotta”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
trivelletremitibaronem5spoliticaenergia
i blog di affari
Covid: gettata la maschera, Mario Monti: "Trovare modalità meno democratiche"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, Lancet smonta le tesi che stigmatizzano i non vaccinati
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Draghi-Schwab, vis a vis due protagonisti dell'ordine neoliberale filobancario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.