A- A+
PugliaItalia
Trevisi (M5S) attacca su TAP La risposta dalla Regione

Su TAP il capogruppo consiliare regionale del M5S, Antonio Trevisi, era andato giù duro, arrivando a dare del "doppiogiochista" al Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano:

“Dal documento a firma TAP intitolato Adempimenti Ex. DM 18 febbraio 2016, depositato in atti presso la Regione Puglia, si apprende che in data 15 marzo 2016 il ministero dell’ambiente ha concluso la procedura di ottemperanza alla prescrizione A.29 del DM 223 dell’11 settembre 2014 inerente anche lo spostamento della vegetazione arborea dal tracciato del gasdotto Melendugno-Mesagne di 55 km che sarà pagato in bolletta dai cittadini, ciò significa che saranno spostati anche gli ulivi affetti da CoDiRO".

trevisi m5s
 

"Dall’approvazione del Progetto Esecutivo delle Interferenze per i lotti 1 e 1B, risulta al contempo, che gli organi regionali e nello specifico l’Arpa, abbiano dato parere positivo anche per la prescrizione A.45 e secondo indiscrezioni ci sarebbe stato un orientamento positivo della Regione anche per la A.44 che si riferiscono rispettivamente alle opere di monitoraggio e alla gestione dei neoecosistemi e a quelle di mitigazione ambientale e ripristini”.

“E’ evidente che il Presidente Emiliano - aveva sottolineato Trevisi, -  stia facendo il doppio gioco: da una parte dichiara la sua contrarietà alla localizzazione di San Foca, ma dall’altra non sta facendo nulla, dimostrando così un atteggiamento succube delle lobby che sono dietro il progetto TAP. Vorremmo anche ricordare l’impegno che Emiliano aveva preso dinanzi la conferenza Stato-Regioni: sollevare il conflitto di attribuzioni qualora il governo non avesse recepito le proposte di variazioni alla norma salva Tap inserita nel decreto Martina bis”.

“Chiediamo a questo punto - la concòlusione dell’esponente del M5S - un impegno preciso nei confronti dell’approdo a San Foca del TAP, non un impegno a parole, ma fatti concreti e a brevissimo termine. Altrimenti il popolo pugliese saprà giudicarlo annoverandolo tra coloro che hanno contributo a svendere e distruggere questa terra”­.

Emiliano indice
 

La rispposta è arrivata a stretto giro di comunicato con le dichiaraizoni dello stesso presidente Emiliano: "Non posso che dirmi addolorato dalla superficialità con la quale si tende a privilegiare l'attacco personale e partitico, alla battaglia comune per la salvaguardia dell'ambiente ed in particolare della spiaggia di Melendugno".

"Il consilgiere Trevisi dimentica che tutte le procedure di cui va parlando non sono influenzabili dal presidente della Regione e dagli altri organi di indirizzo politico, perché se tanto avvenisse si tratterebbe di ipotesi di reato di abuso in atti di ufficio".

"Ciò nonostante - precisa Emiliano - i dirigenti e gli uffici della Regione Puglia non hanno affatto tenuto le condotte descritte dall'improvvido consigliere.Sotto questo aspetto mi corre l'obbligo di difendere l'immagine degli uffici della Regione Puglia, accusati di compiacenza in modo del tutto ingiustificato".

"Per quanto attiene l'ottemperanza alla prescrizione N. A44 del Decreto Ministero dell'Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare (MATTM) n. 223/2014 inerente al Progetto Esecutivo delle interferenze e mitigazioni ambientali e ripristini, si precisa che la Regione Puglia, in qualità di "Ente Vigilante"  come individuato dal prefato Decreto, ha espresso un giudizio di "parziale ottemperanza" alla prescrizione A44 - lotti 1 e 1B".

tap
 

E poi aggiunge: "Tale decisione è stata motivata dal fatto che, da una parte, la Regione ha condiviso quanto espresso dall'"Ente Coinvolto", il Comune di Melendugno, che, per quanto di competenza, ha ritenuto non approvabile il Progetto Esecutivo anche in considerazione delle osservazioni formulate dal Comando Provinciale del VV.F. di Lecce relative alla distanza tra le sedi di reimpianto degli ulivi e la proiezione a terra del contorno della condotta; dall'altra, non ha potuto esimersi, nell'ambito delle proprie specifiche competenze, dal prendere atto dalle disposizioni normative, derogatorie al divieto di movimentazione degli ulivi nelle zone infette, introdotte dal c.d. Martina bis del 18.02.2016".

"In ogni caso - ribadisce Emiliano - il resoconto istruttorio lascia impregiudicato l'onere del Proponente Tap di addivenire a quanto necessario per il superamento di ciascuna delle criticità enucleate al fine di rendere pienamente efficace il provvedimento di VIA di cui beneficia, ad oggi vincolato alla piena e non solo parziale ottemperanza delle prescrizioni impartite, a meno di determinazioni superiori da parte dell'Autorità Competente per la VIA, ovvero il MATTM".

"L'intervenuta approvazione da parte del MATTM sulla ottemperanza della prescrizione A29, anche essa subordinata ad una serie di condizioni indicate dalla Regione Puglia, come anche della A45 da parte di ARPA Puglia, non può comunque ritenersi esaustiva rispetto all'esecuzione dei lavori, rispetto alla c.d. fase zero, ossia rispetto agli interventi di rimozione degli ulivi e realizzazione della strada di accesso all'area di cantiere del microtunnel, in quanto detta fase risulta vincolata alla piena ottemperanza all'intera terna di prescrizioni A29, A44, A45, come prescritto dagli indirizzi ministeriali dettati dalla Commissione Tecnica Nazionale VIA. Fatto questo che non si è ancora verificato".

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
tapm5strevisiemilianorisposta
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.