A- A+
PugliaItalia
Turismo, Cera (Popolari): "Bene gli arrivi, ma gli indici di soddisfazione?"
Sant’Andrea - lu Pepe

Il capogruppo dei Popolari alla Regione Puglia Napoleone Cera, con una nota interviene sull'andamento dei flussi turistici in Puglia e sui dati diffusi dall'Osservatorio regionale:

“Al giro di boa della stagione turistica 2015 si avverte la necessità di effettuare un’analisi rigorosa dei dati che questo settore strategico dell’economia della nostra regione farà registrare a fine stagione. E’ indiscusso il successo dell’annata turistica in corso".

"L’incremento delle lunghe presenze registrate sono un segnale decisamente positivo. Gargano e Salento sono due mete privilegiate: ormai organiche alle scelte degli italiani, e non solo. Mancano i dati della soddisfazione dei clienti circa la qualità dell’offerta, il modello di turismo che è stato perseguito, l’analisi di come il territorio si è preparato e ha gestito questo nuovo intenso flusso di presenze".

Cera Napoleone
 

"Le caratteristiche del nostro territorio, le sue bellezze naturali, la sua ricca connotazione culturale, l’enogastronomia che si abbina alla capacità di accoglienza e di gestione del turista, devono essere verificate con l’intera capacità di accoglienza e di gestione dei servizi, a partire dalla rete di collegamenti".

Il foggiano sconta la mancata attiva operatività dell’aeroporto civile della città capoluogo. Il Gargano assomma in sè mete prestigiose di turismo residenziale, bellezze naturali di incomparabile bellezza, un turismo religioso di grande portata, ma dalle ricadute sempre più ridotte sulla stanzialità delle presenze, centri di attrazione turistico-religioso di primissimo piano (Monte Sant’Angelo e San Giovanni Rotondo), le isole Tremiti, la Foresta Umbra, possibili percorsi storico-culturali ineguagliabili (Lucera, Troia). A tutto ciò spesso non fa riscontro il livello delle strutture insediate, la sicurezza dei cittadini, le condizioni di vivibilità dei centri turistici sempre più affollati e meno serviti".

Gargano falesie
 

"Tali situazioni meritano attente considerazioni per evitare che una ridotta qualità nell’offerta sia percepita come incapacità strutturale del territorio a realizzare il meglio dell’accoglienza possibile".

"Il fenomeno esplosivo registrato dal Salento (primo fra tutti il comune di Gallipoli), non può essere condannato a stagionalità limitata, potendo, se ben organizzato, programmato e ben monitorato, offrire servizi turistici di qualità per molti mesi l’anno, a partire dal mese di aprile, fino a tutto il mese di ottobre".

"Il turismo pugliese non può vivere soprattutto della qualità dei servizi che riesce ad offrire in condizioni di intense, quanto limitate presenze temporali, ma della capacità di comunicare e gestire la ricchezza della varietà e diffusa capacità attrattiva ambientale e socio-culturale che i turisti sono in condizione di registrare per larghe fasce di tempo, durante tutto l’anno”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ceraturismopugliaarrivipresenze
i blog di affari
Attenzione: Fisco sospeso solo a metà
LIBRI/ Il Grand Tour di Stefano Veraldi, dermatologo vagabondo
Di Ernesto Vergani
Vaccini obbligatori ai bambini, che cosa fare quando l'ex coniuge si oppone
di Avv. Maria Grazia Persico*
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.