A- A+
PugliaItalia
Turismo, Puglia 2^ meta Confindustria punta sul web

Nell’estate 2015 la Puglia è stata la seconda meta preferita dagli italiani.  Per l’Istat, infatti,  le vacanze lunghe estive trascorse in Italia più frequentemente hanno avuto come destinazioni principali l'Emilia-Romagna (17,4%) e la Puglia (11,3%).  L'attuale situazione geopolitica nel Mediterraneo potrà ulteriormente favorire l’Italia  e la Puglia, ma le imprese dovranno investire sempre di più sugli strumenti  digitali.

Per organizzare le proprie vacanze, infatti, ben un turista italiano su tre si  affida ormai al web e il  trend  delle transazioni turistiche on line è in crescita esponenziale in tutto il mondo:  nel 2015 le vendite online hanno registrato un incremento record del + 13% sull’anno precedente (Report e-marketer). Gli operatori turistici dunque dovranno tenerne conto e attrezzarsi.

Conf Sal Lalli2
 

Per farlo quest’anno possono contare su uno stanziamento di 15 milioni di euro  di tax credit, a cui si aggiungono oltre  6 milioni residui dell’anno precedente. Le spese agevolabili riguardano  gli investimenti per la promozione e la commercializzazione on line, ad eccezione delle commissioni pagate agli intermediari commerciali. Allestimento di siti web, software per le prenotazioni, le campagne pubblicitarie sui social, wi-fi nelle strutture ricettive sono alcune delle spese più frequenti su cui si può richiedere l’agevolazione. C’è tempo fino al 24 febbraio per fare istanza sul portale Mibact. Il click day è fissato il 25 febbraio prossimo alle ore 10.00.

Questo è, in sintesi, quanto è emerso a Bari nel corso del seminario “L’EVOLUZIONE DIGITALE A PORTATA DI BONUS. Tax Credit Digitalizzazione come funziona e quali le opportunità per le imprese’', organizzato dalla sezione Turismo di Confindustria Bari e BAT, in collaborazione l'Associazione Italiana Confindustria Alberghi, e con il supporto tecnico di HermesHotel. I lavori della giornata sono stati introdotti da Massimo Salomone, Presidente Sezione Turismo Confindustria Bari e BAT, Marina Lalli, Vice Presidente Sezione Turismo Confindustria Bari e BAT e Mariarosaria Scherillo, Presidente Sezione Terziario Innovativo e Comunicazione.

ecoturismo brasile (2)
 

"I beneficiari del credito d'imposta sono le strutture alberghiere con almeno 7 camere", segnala Massimo Salomone, "ma anche strutture extra-alberghiere come gli affittacamere, gli ostelli, le case vacanze e i residence. L’obiettivo del decreto è quello di favorire la digitalizzazione delle imprese turistiche, non solo piattaforme digitali e attività di marketing on-line, ma anche la formazione del personale".

"Il credito d'imposta viene erogato per rendere competitivo tutto il sistema turismo e per favorirne l'innovazione e la digitalizzazione per gli anni 2015/2019", sottolinea poi Salomone, che indica anche cosa è compreso nella lista e quali “spese digitali” sono ammesse al credito d'imposta:

1) Spese per rinnovare siti web e portali: piattaforme e sistemi informatici che possano agevolare la vendita on line, compresi siti mobile e responsive.

2) Programmi informatici integrabili all’interno di siti web e dei social media, che possano favorire i sistemi di prenotazione e vendita diretta online di servizi e pernottamenti e per potenziare la distribuzione sui canali digitali favorendo l’integrazione fra servizi ricettivi ed extra ricettivi.

Salomone Expo
 

3) Servizi di comunicazione e marketing (comprese consulenze) che possano generare visibilità e opportunità commerciali sul web e sui social.

4) Applicazioni che siano orientate alla promozione delle strutture, dei servizi e del territorio e per la relativa commercializzazione.

5) Strumenti per la promozione e la commercializzazione di servizi, pernottamenti e pacchetti turistici sui siti e piattaforme web specializzate gestite da tour operator e agenzie di viaggio. 

"Ovviamente - precisa concludendo Massimo Salomone - la situazione geopolitica che, purtroppo, si è creata, crea ottime aspettative per gli imprenditori della filiera del turismo in Italia ed in particolare in Puglia. Quindi ogni accorgimento tecnologico ed innovativo è necessario se è volto ad intercettare ed a destagionalizzare nuovi flussi turistici".

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
pugliaturismowebconfindustriadigitalizzazionelallisalomone
i blog di affari
Reddito di cittadinanza, chi lo percepisce non ottiene l'assegno divorzile
di Francesca Albi*
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.