A- A+
PugliaItalia
'Tutti sbirri come don Luigi' Solidarietà unanime a don Ciotti
Le scritte sono apparse sui muri di Locri dopo la visita del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, "Più lavoro meno sbirri", "don Ciotti sbirro", e gli autori dovrebbero essere stati ripresi dalle telecamere. Obiettivo: Libera e il suo presidente per l'attività di sensibilizzazione nella lotta alle mafie e di solidarietà verso i familiari delle vittime di mafia.
donCiotti scritte
 
 
La solidarietà a don Ciotti è scattata immediatamente ed è trasversalmente unanime. Michele Emiliano, candidato alla segreteria nazionale del PD, ha espresso attraverso la sua pagina di Facebook, solidarietà a don Luigi Ciotti dopo le frasi offensive comparse, a Locri, sui muri dell'arcivescovado a poche ore dalle celebrazioni per la Giornata della memoria.

“Mi è capitato spesso di essere chiamato "sbirro" nella mia vita di magistrato - scrive Emiliano - e so bene che si tratta della peggiore offesa che un mafioso può fare al suo avversario. E don Luigi Ciotti è uno dei pochissimi veri avversari "politici" delle mafie italiane, avendo organizzato la più vasta rete di antimafia sociale del mondo, coinvolgendo migliaia di associazioni e di comuni italiani, continuando a ricordare adeguatamente non solo i nomi e le storie delle vittime, ma anche i nomi e le malefatte dei mafiosi e dei loro fiancheggiatori. Libera e don Ciotti negli ultimi 25 anni hanno suggerito e stimolato continue e puntuali modifiche legislative che hanno reso sempre più efficace il contrasto di questi fenomeni".
 
emiliano donCiotti
 
"Ma don Luigi - continua Emiliano - è anche rimasto l'unico soggetto diverso dalle forze dell'ordine e dalla magistratura a parlare con credibilità e coerenza di lotta alla mafia. Ecco perché sono vicino ed immedesimato con don Luigi Ciotti che evidentemente è rimasto troppo solo in questo paese nel silenzio assordante della politica che ha pudore di occuparsi della criminalità organizzata considerandolo argomento incompatibile con la cultura del nulla che sembra essersi impadronita delle forze politiche".
donciotti mattarella1 535x300
 

"E dunque oggi l'insulto di "sbirro" rivolto a don Luigi ce lo carichiamo tutti. Spiegando agli italiani che non lo lasceremo più solo e che "sbirro" per noi non è neanche una brutta parola tanto che ci trasformeremo in "sbirri" della legalità e dell'antimafia al fianco di tutti coloro che non meritano di essere abbandonati come già accaduto a tante meravigliose persone che dopo la solitudine hanno dovuto accettare anche il martirio come prezzo del dovere compiuto. Deve finire oggi il silenzio che delega sempre agli altri ciò che in realtà è compito di tutti”.
 
(gelormini@affaritaliani.it)
Tags:
sbitrri solidarietà mafia liberadon luigi ciottimichele emilianolocri manifestazione vittime familiari
Loading...
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Premio EER, digitalizzazione e diritti per donne e studenti, aiuti a imprese
Boschiero Cinzia
Riapre Torre Branca al Parco Sempione. Il più bel panorama di Milano
Paolo Brambilla - Trendiest
Genitori che litigano (e si spintonano): quali conseguenze sui figli?
di Maria Grazia Persico
i più visti

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.