A- A+
PugliaItalia
Una spiaggia troppo bianca Arriva l'eco-thriller

La Scuola di Formazione “Antonino Caponnetto” organizza, per il fine settimana del 10 e dell’11 ottobre, tra le città di Bari, Modugno e Mola di Bari, una tripla presentazione dell’eco-thriller “Una spiaggia troppo bianca” della giornalista ambientale e scrittrice Stefania Divertito.

Caponnetto Scuola
 

 

L’agenda degli appuntamenti è cosi costituita: sabato 10 ottobre alle ore 10, nell’Ex Palazzo delle Poste; nel pomeriggio, alle 18, nella Sala Conferenze del Comando dei Vigili Urbani di Modugno; domenica pomeriggio, alle 18, alla libreria “Culture Club Café” di Mola di Bari.

 

Alla tappa barese parteciperanno gli assessori all’Ambiente della Regione Puglia e del Comune di Bari, rispettivamente, Domenico Santorsola e Pietro Petruzzelli; così come i presidenti del Comitato Fibronit e dell’Associazione Familiari delle Vittime d’Amianto, rispettivamente, Nicola Brescia e Lillo Mendola.

 

Nell’appuntamento modugnese, invece, l’Autrice si confronterà con il Sindaco Nicola Magrone e l’assessore all’Ambiente Tina Luciano.

 

Incontri introdotti e moderati dal giornalista Giuseppe Milano, attivista dell’Associazione che promuove gli eventi - i primi due, mentre il terzo ed ultimo confronto pubblicosarà coordinato e presentato dalla giornalista Annamaria Minunno.

 

Stefania Divertito, per la precisione e la qualità dei suoi precedenti libri d’inchiesta sull’amianto e sull’uranio, è stata insignita nel 2013 del prestigioso Premio Pasolini. Sabato 10 e domenica 11,per la prima volta, sarà nella Terra di Bari per presentare questo romanzo – il primo di una trilogia – attraverso il quale si propone non tanto o non solo di allargare l’universo dei suoi lettori, ma di provare ulteriormente a sensibilizzarlo, con un linguaggio e una scrittura delicata ma motivata e decisa, sui disastrosi e cancerogeni effetti dell’amianto.

 

La città di Bari, a 30anni da quando nel 1985 è stata chiusa la Fibronit, è stata ed è ancora vittima dei suoi effetti letali: secondo il Comitato Fibronit e l’Associazione Familiari delle Vittime d’amianto, infatti, sarebbero più di 550 le persone decedute a causa del mesotelioma pleurico, il male che può manifestarsi anche dopo decenni dall’esposizione e che poi procede inesorabile.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
divertitocaponnettoeco-thrillerpugliabari
i blog di affari
CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
Boschiero Cinzia
Lions aiuta la protezione civile con la "Project bag"
Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.