A- A+
PugliaItalia
Vergogna Baia di Campi (Fg) Regione pignorata 5,5mln.€

La società Italscavi spa di Campobasso, vista sentenza della IV sezione civile del tribunale di Bari, è creditrice della Regione Puglia di euro 5.548.560,16. Il dispositivo del Giudice notificato il 30 luglio 2015.

Dopo 120 giorni la Regione non paga, e quindi Italscavi invia precetto di  5.550.292,07 euro. Risposta dei vertici politici regionali? Nessuna. Ecco allora il pignoramento della somma presso il Banco di Napoli, tesoriere della Regione.

Baia di Campi1
 

Presidente e giunta regionale, pochi giorni fa, hanno impugnato la sentenza, tramite l’avvocato esterno Mario Spinelli. L’esecuzione del sequestro di pubblico denaro è stata provvisoriamente bloccata dalla Corte d’Appello barese.

La lite giudiziaria ha per oggetto il Centro direzionale Baia di Campi -Vieste (Fg). Struttura ideata nell’anno 1984 dalla Regione, insieme al Centro previsto per Otranto, quale punto strategico per lo sviluppo integrato del turismo in Puglia.

Inizio lavori a metà 1988. Aggiudicati a Italscavi spa e Icamar srl e Trisciuglio srl (Fg) e  Giannotta Leonardo Cannole(Le) e  Diemme Costruzioni Otranto.

L’altalena dei finanziamenti parte con 23 miliardi di lire della Regione e 38,86 Miliardi di lire elargiti dallo Stato, mentre il Ministero del Bilancio ne revoca 19.

Tra opere aggiuntive e varianti  l’importo complessivo presunto è di 95 miliardi, di cui 45 per Baia di Campi. Qui il progetto dell’arch. Paolo Portoghesi immagina un albergo di 360 posti letto, piscina olimpionica, campi tennis, ristoranti,sala congressi, pista da ballo.

Baia di Campi2
 

Nel 1999 la Commissione di collaudo firma il certificato con riserva. Si inaugura così la diatriba amministrativa fra Assessorato ai Lavori Pubblici della Regione e Italscavi spa, in merito a documenti mancanti e al ripristino di infrastrutture realizzate in difformità.

Baia di Campi 3
 

Passano gli anni, segnati da  operazioni peritali, consulenti di parte, espropri e fornitura arredi, superfici ammalorate, udienze e decreti ingiuntivi, sentenza della Corte di Cassazione, Capo Gabinetto e avvocato coordinatore regionale, tentativi di conciliazione. Soprattutto “...abbandono e degrado del cespite”: l’immobile costruito in agro Baia di Campi.

Messo in vendita dalla Regione il 28 marzo 2013, al prezzo di 11 milioni di euro, dopo due aste deserte resta "non liquidato".

Dentro l’elenco delle ottantuno opere pubbliche incompiute pugliesi, stilato dal Ministero delle Infrastrutture per l’anno 2016, ci sono sia il Centro turistico di Baia di Campi sia quello di Otranto (laghi Alimini).

Un discreto risultato politico e tecnico raggiunto nell’arco di trentadue anni dalla Regione Puglia!

Iscriviti alla newsletter
Tags:
baia di campiregionepugliapignorataitalscavi
i blog di affari
Super Green Pass al via: un ricatto, una forma di apartheid
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, l'Italia? Laboratorio del capitalismo terapeutico su scala planetaria
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.