A- A+
PugliaItalia
X Decreto Ilva, Lettieri (Cor): "E' un vuoto a perdere"
Luigi d’Ambrosio Lettieri (CoR), intervenendo in aula sul decreto Ilva, ha dichiarato: “Siamo al decimo decreto-beffa. Un inganno in piena regola, uno schiaffo ai cittadini di Taranto e alla Puglia. Altro che svolta. Incostituzionale, inconcludente, insomma un vuoto a perdere. Non c’è una visione strategica sulle prospettive da offrire alla città, sono assenti gli elementi essenziali per garantire tutela della salute, del lavoro e salvaguardia ambientale, tempi incerti e proroghe infinite".
Lettieri presid
 
 
"E’ emblematico - ha aggiunto Lettieri - come il decimo decreto di urgenza per l’Ilva, in quattro anni, sia approdato in aula per la conversione in legge proprio nell’anniversario del provvedimento di sequestro del colosso siderurgico da parte della procura tarantina, per inquinamento ambientale.  Doveva rappresentare un monito a fare bene. Invece nulla è cambiato. Il Governo e la maggioranza sordi ad ogni richiesta non si smentiscono. La cosa paradossale è che l’urgenza ormai divenuta cronica si ripresenta puntuale con lo stesso carico di legittime aspettative, di dolore, di attese deluse, di interrogativi inquietanti".
 
renzi ilva
 
Il senatore pugliese dei CoR ha poi proseguito: "Dieci decreti, nessun compratore al momento, anzi si prospetta uno slittamento della gara al 2017, il mercato mondiale dell’acciaio in caduta libera prigioniero della sovra-capacità produttiva, bonifiche al palo, quadro sanitario nebuloso e prospettive non pervenute: questo è lo scenario, per niente rassicurante, mentre la confusione regna ancora sovrana e le persone continuano ad ammalarsi di tumore. E a morire".
 
"E’ irresponsabile continuare con questi decreti spot", ha ripetuto con forza d'Ambrosio Lettieri, "Il governo usa lo strumento dell’urgenza svilendone il significato e abusandone, esattamente come fa con la fiducia. Posta anche questa volta a dispetto dell’intento migliorativo dei Conservatori e riformisti.  E’ inconcepibile che si perda un’altra occasione per correggere le molteplici criticità che costellano un provvedimento che in più punti viola addirittura la nostra Costituzione, lasciando ancora una volta irrisolti i problemi, anzi aggravandoli".
ilva rete
 
 
"Lo slittamento del termine per l'attuazione del Piano di risanamento ambientale è semplicemente folle, soprattutto se a questa disposizione si aggiunge l'incertezza sulle responsabilità penali e amministrative del risanamento stesso, nel caso in cui un gruppo industriale subentri nella gestione dell'azienda".
 
"La disposizione che estende l'immunità penale e amministrativa - precisa - già prevista per il commissario straordinario e i soggetti da lui delegati nell'esecuzione del piano ambientale, anche all'eventuale affittuario o acquirente, è semplicemente vergognosa".
 
"Insomma, - conclude Lettieri - niente per i lavoratori, niente per l’ambiente, niente per lo sviluppo futuro di Taranto, niente per l’emergenza sanitaria. Un vuoto a perdere alla faccia dei cittadini”.
 
(gelormini@affaritaliani.it)
Iscriviti alla newsletter
Tags:
luigi d'ambrosio lettieri decreto ilvadecreto ilva lettieri vuoto perderelettieri cor decreto ilva
i blog di affari
Mascherina all'aperto, simbolo dell'alienazione e uniforme dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green Pass più esteso per i guariti dal Covid: appello al Governo
L'opinione di Tiziana Rocca
"No Green Pass esclusi dalla vita sociale come se non fossero cittadini"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.